domenica, 4 Dicembre 2022
- Pubblicità -
HomeSezioniLavoro & EconomiaContratto sanità e infermieri: le...

Contratto sanità e infermieri: le tabelle retributive degli aumenti e degli arretrati

Siglato il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro, novità per le indennità e per il pagamento degli arretrati

-

- Pubblicità -

Il 2 novembre 2022 è stato firmato il rinnovo del contratto della sanità pubblica, un CCNL con nuove tabelle retributive che riguarda mezzo milione di lavoratori tra infermieri (227 mila in tutto), personale sanitario e amministrativo: da quando entreranno in vigore le nuove regole ci saranno diverse novità come l’aumento di stipendio, il pagamento degli arretrati e nuove indennità per alcuni ruoli.

Il rinnovo 2022 del contratto nazionale della sanità pubblica: l’aumento di stipendio

Dopo il via libera della Corte dei Conti, il contratto collettivo nazionale del comparto sanità per il triennio 2019-2021 è stato siglato presso la sede romana dell’Aran, l’Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni, dalle sigle sindacali più rappresentative del comparto: Cgil, Cisl, Uil, Fials, Nursind e Nursing up. L’ok è arrivato dopo una lunga trattiva.

- Pubblicità -

Ma andiamo a vedere quali saranno gli aumenti nella busta paga del personale sanitario, amministrativo e degli infermieri: l’incremento tabellare su 13 mensilità, riconosciuto a regime dal primo gennaio 2021, va da un minimo di 54,50 euro a un massimo di 98,10 euro, a seconda del ruolo.

A questa cifra si sommano le nuove indennità previste con il rinnovo del contratto nazionale di lavoro della sanità per alcuni profili professionali specifici, dagli infermieri fino a chi lavora nei pronto soccorso. Secondo le stime l’aumento medio degli stipendi sarà di circa 175 euro al mese, grazie alle risorse che le leggi di bilancio degli ultimi due governi hanno assegnato al settore.

Contratto sanità e infermieri 2022: il pagamento degli arretrati in busta paga e le tabelle retributive

- Pubblicità -

Per quanto riguarda l’aumento degli stipendi del personale sanitario, amministrativo e degli infermieri, il secondo tassello del rinnovo del contratto 2022 riguarda il pagamento degli arretrati in busta paga, secondo una tabella ben precisa a seconda della categoria. Le cifre vengono calcolate a partire dal primo gennaio 2019, al netto dell’indennità IVC già ricevuta dai lavoratori.

In particolare, oltre agli arretrati contrattuali, vengono prese in considerazione diverse indennità (su 12 mesi), a seconda del profilo professionale:

  • Indennità di specificità infermieristica
    viene riconosciuta per i profili di infermiere, infermiere pediatrico, infermiere senior, infermiere pediatrico senior, infermiere generico o psichiatrico con un anno di corso senior, puericultrice senior, infermiere generico, infermiere psichiatrico con un anno di corso, puericultrice;
  • Indennità di tutela del malato
    è pagato a tutto il personale sanitario per cui non viene riconosciuto l’indennità infermieristica, agli OSS, agli assistenti sociali, ai massaggiatori e podologi;
  • Indennità di pronto soccorso
    sarà definita a pieno regime da ogni azienda sanitaria in base alle risorse che arriveranno per questa indennità. I sindacati stimano il pagamento in circa 100 euro al mese.
- Pubblicità -

Il testo completo del nuovo contratto per la sanità pubblica è disponibile in pdf sul sito dell’Aran, qui sotto invece le tabelle retributive con le stime degli arretrati.

contratto sanità infermieri tabelle arretrati

contratto sanità infermieri tabelle arretrati  contratto sanità infermieri tabelle arretrati

Quando il pagamento degli arretrati agli infermieri. Attenzione alla tassazione separata

Ma quando avverrà il pagamento degli arretrati previsti dal rinnovo del contratto collettivo per il personale della sanità e degli infermieri? Secondo quanto reso noto dai sindacati il versamento avverrà già nella busta paga di novembre 2022. In media questa somma si aggirerà intorno ai 4.000 euro per gli infermieri e sui 2.500 euro per gli  OSS.

Bisogna tenere presente che quando sarà fatto il pagamento degli arretrati previsti dal rinnovo del contratto della sanità pubblica e degli infermieri, queste cifre saranno sottoposte a una tassazione separata. Si tratta di un particolare calcolo che viene applicato alle somme riferite ad anni passati che vengono versate tutte insieme ai lavoratori. In questo caso l’aliquota in base alla quale si pagano le tasse viene determinata guardando i redditi dei due anni precedenti a quello in cui si percepiscono gli arretrati.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -