sabato, 26 Settembre 2020
Home Sezioni Lavoro & Economia Figurinisti, modellisti e fashion designer:...

Figurinisti, modellisti e fashion designer: l’86% trova lavoro a sei mesi dal diploma

Secondo la ricerca dell'Istituto Modartech, chi sa fare un lavoro manuale ha più chance di veder realizzati i propri desideri

-

Trovare lavoro a pochi mesi dal diploma è possibile se lavori nel mondo della moda. Sembra un sogno e invece è realtà. Lo conferma, dati alla mano, il report del Dipartimento ricerca dell'Istituto Modartech di Pontedera, che vede l'86% dei diplomati della scuola inseriti nel mercato del lavoro a soli sei mesi dalla fine del percorso di studi (dati 2016).Fashion designer, graphic designer ma anche modellisti e figurinisti, sono queste le figure più richieste dalle aziende che operano nel comparto moda, costantemente alla ricerca di giovani professionisti sempre più specializzati.

I professionisti di domani? Competenti e competitivi

“Fondamentale – spiega Alessandro Bertini, direttore dell'Istituto Modartech – in un mondo sempre più connesso, che dà l'illusione di potersi inventare il mestiere dei propri sogni in pochi clic, è al contrario la competenza abbinata alla specializzazione. Viene valorizzata sempre più dalle aziende l'importanza del saper fare, del costruirsi una professione che sia in grado di abbinare cultura, tecnica e creatività”.

Da Gucci a Armani, un tuffo nel made in Italy

L'Istituto Modartech, già durante il percorso di studi, attiva una serie di collaborazioni realizzando progetti didattici e percorsi di stage che mettono in contatto gli studenti con il mondo del lavoro. Giorgio Armani Operation, Diesel, Fendi, Liu Jo, Gucci, Max Mara, Ferragamo, Piaggio,  Bulgari, Ariete – Gruppo De Longhi, Valentino, Marina Rinaldi, Cafè Noir, Monnalisa sono alcuni dei brand con cui la scuola collabora da anni, coinvolgendo gli studenti in un periodo di prova sul campo subito dopo aver conseguito il diploma.

“La Toscana – continua Bertini – rappresenta da sempre un luogo di eccellenze, che vede convivere l'abilità dell'alto artigianato alle idee dei creativi più prolifici. Constatiamo quotidianamente l'importanza del dare ai ragazzi gli strumenti per un saper fare che li renda competenti, competitivi e indipendenti. E i numeri ci stanno dando ragione”.

Tradizione, innovazione e saper fare

Tradizione ma anche innovazione, per un approccio che guarda costantemente alle anticipazioni  del mercato e ai nuovi scenari, imprescindibili per chi – come i futuri professionisti della moda – ha bisogno di ispirazione per sviluppare i propri progetti. Proprio in questa ottica, negli ultimi anni sono stati sviluppati i concept “Suistainable Vision”, “Urban Rider”, “Fashion Forward”, dove le tematiche della sostenibilità, della mobilità e della robotica sono declinate nel segno della creatività.

Porte aperte: in arrivo l'Orientation day

Per conoscere i corsi Moda e Comunicazione in partenza a fine ottobre e novembre Istituto Modartech organizza una giornata di orientamento il 18 Ottobre.

In occasione dell’Orientation Day dalle ore 14.30 sarà possibile visitare i laboratori e le aule del complesso Modartech, adiacente al Museo Piaggio, conoscere i percorsi formativi, le metodologie di studio, visionare i lavori realizzati dagli studenti. Ma anche partecipare a colloqui individuali, mirati a far luce su aspirazioni, competenze e sbocchi professionali. 
La partecipazione all’Orientation Day è gratuita. Per maggiori informazioni tel: 0587-58458 – email: orientamento@modartech.comgfhgfhfhgf

Ultime notizie

Cosa fare a Firenze nel weekend: gli eventi del 26 e 27 settembre

Bancarelle, vintage, fiere, spettacoli e musei a 1 euro: il meglio del programma per l'ultimo fine settimana di settembre

Giornate europee del patrimonio 2020: musei a 1 euro a Firenze e in Toscana

Visite guidate gratis, eventi e aperture serali dei musei a un prezzo simbolico: cosa vedere in Toscana per le Gep 2020

Spid, cos’è e come richiedere il “codice” per i bonus di Inps e governo

Un solo nome utente e una sola password per accedere a tutti i siti: da quelli statali alle Regioni fino ai servizi comunali. Ecco la procedura per richiedere le credenziali uniche

Pin Inps addio: dal 1° ottobre serve lo Spid per richiedere i servizi online

Un piccola rivoluzione per l'accesso al portale dell'Istituto di previdenza: non si potrà più richiedere il Pin