Iscrizioni aumentate quasi di un terzo, collaborazioni con un network di oltre 500 aziende e l’87% di studenti che trova lavoro entro 6 mesi dalla conclusione del percorso di studi. Sono questi i numeri positivi con cui l’Istituto Modartech di Pontedera si presenta all’evento ufficiale per inaugurare l’anno accademico 2018/2019.

La scuola di alta formazione apre le porte dell’auditorium della Fondazione Piaggio di Pontedera per un evento speciale, in programma mercoledì 30 gennaio a partire dalle 18. Tra gli ospiti il presidente e fondatore di White Massimiliano Bizzi, la talent scout Simonetta Gianfelici e il creativo e digital artist Felice Limosani, che discuteranno di “Futuro creativo” in un incontro moderato dal giornalista Rai Franco Fatone.

Modartech, le iscrizioni e il percorso formativo

Il 2018 è stato un anno importante per Modartech, reduce anche dalla vittoria del concorso indetto dal Parco Archeologico del Colosseo per la creazione delle divise di uno dei siti più visitati al mondo. L’istituto ha visto gli iscritti ai corsi passare dai 142 dell’anno accademico 2016/2017 agli oltre 200 del 2018/2019, con un incremento del 31,6%.

Grande successo sia per i corsi post diploma come Fashion Design, che rilascia un diploma accademico di primo livello equipollente alla laurea breve, e Communication Design, che hanno visto più che raddoppiare il numero di iscritti, sia per i corsi professionalizzanti nelle aree della Modellistica CAD Abbigliamento e Calzatura, Alta Sartoria, Web & Graphic Design.

Nel corso del 2019 ci sarà poi un ulteriore incremento legato alla programmazione dei corsi finanziati dal Fondo Sociale Europeo, con particolare riferimento alla formazione professionale. In particolare verranno formati, nel biennio 2019/2010, circa 160 tecnici nelle aree della realizzazione di abbigliamento, calzatura, piccola pelletteria ed accessori, grafica pubblicitaria.

Modartech Pontedera inaugurazione anno accademico

Il network di aziende

“E’ fondamentale che la formazione dialoghi continuamente con le imprese – dice Alessandro Bertini, direttore dell’Istituto -. Le chiavi del successo sono molteplici ma senza dubbio una delle scommesse vinte da Modartech è quella della specializzazione e della contemporaneità, occupandosi di aree specifiche nel settore moda e comunicazione. Solo così, con il lavoro costante e prolungato nel tempo si può aspirare a diventare un punto di riferimento per chi opera in un comparto economico specifico”.

Dal 2016 ad oggi sono aumentate del 10% le aziende con cui la scuola collabora, in tutto oltre 500 imprese. “Modartech – aggiunge Stefano Dominella, direttore scientifico dell’Istituto e presidente della Maison Gattinoni – rappresenta un vero esempio di come si sta trasformando la didattica per i giovani e di come una scuola partita da una piccola realtà possa diventare un punto di riferimento sia per le giovani generazioni sia per le istituzioni e l’aumento del numero di iscritti e i risultati in termini di job placement e rapporto con le imprese del comparto sono una dimostrazione tangibile di questo”.