venerdì, 12 Agosto 2022
HomeSezioniLavoro & EconomiaOnda Ethereum in arrivo, +46%...

Onda Ethereum in arrivo, +46% in una settimana

-

Pubblicità

Dopo mesi di lenta caduta, il mercato delle criptovalute torna sotto i riflettori con Bitcoin e Ethereum in risalita. Gli investitori non vedono l’ora di approfittare di questa nuova opportunità e non possono che scegliere il trading con leva per massimizzare i profitti.

Come sfruttare il rialzo di Ethereum

Il mercato delle criptovalute è in fase di ripresa, con Bitcoin (BTC) che torna a quota 22.000$ e viene seguita a ruota da altre criptovalute. Tra queste spicca Ethereum, la seconda valuta digitale per capitalizzazione di mercato. Il suo prezzo è aumentato di oltre il 45% in una settimana: dal valore minimo di 1.000$ toccato il 13 luglio ha “spiccato il volo” fino a raggiungere i 1.500$ il 19 luglio.

Pubblicità

Per godere di questo nuovo rialzo gli investitori si sono fiondati sul trading con leva, che permette di guadagnare una maggiore esposizione sul mercato di riferimento e quindi massimizzare i profitti anche con un patrimonio ridotto. Questo strumento viene generalmente utilizzato dai trader più esperti, perché espone. È però possibile imparare a ridurre al minimo il rischio quando si fa trading con leva, in modo da investire Ethereum con serenità.

Nel trading con leva, infatti, parte del capitale necessario per aprire una posizione viene preso in prestito da un broker. La leva finanziaria consiste quindi in un moltiplicatore di investimento, che consente al trader di avere a disposizione cifre di denaro superiori a quelle realmente utilizzate. Ad esempio, con una leva 1:10 il trader ha a disposizione dieci volte tanto le sue disponibilità. Allo stesso modo la leva moltiplica l’esposizione ai possibili guadagni (ma anche alle possibili perdite) che si hanno quando si acquistano Ethereum.

Come ridurre i rischi quando si usa la leva finanziaria

Pubblicità

Come anticipato, l’uso della leva finanziaria comporta un rischio maggiore poiché amplifica sia i guadagni che le perdite. Se il mercato non si muove nella direzione sperata la perdita in pip sarà superiore a quanto sarebbe stata senza l’utilizzo della leva. Di conseguenza, la domanda più diffusa tra gli investitori che si interessano per la prima volta a questo strumento riguarda proprio come ridurre il rischio di perdere l’intero capitale investito.

Studio del mercato

Il primo consiglio, che i più già conoscono, è quello di informarsi accuratamente sul mercato dove si vuole investire, analizzare lo storico dei prezzi e rimanere aggiornati sui possibili sviluppi. Ad esempio il rialzo di Ethereum è dovuto sì alla ripresa del Bitcoin, ma anche all’annuncio dell’evento “Merge”: il 19 settembre la rete Ethereum dovrebbe fondersi dal suo stato attuale come blockchain proof-of-work (PoW) a una rete proof-of-stake (PoS) ad alta efficienza energetica. Il mercato ha ricevuto la notizia con ottimismo e questo ha fatto aumentare il prezzo della valuta.

Utilizzo delle regole

Pubblicità

Secondariamente gli investitori devono imparare a utilizzare regole come lo “stop loss”, che segnala al sistema di uscire dalla posizione se le perdite superano un certo limite preimpostato. Un’altra regola, il “take profit”, permette di incassare quando i guadagni hanno superato una determinata soglia. È utilissima per ritirare il guadagno sperato quando il trader non è operativo.

Gestione del rischio

In ultimo l’investitore deve essere in grado di riconoscere il rischio a cui si sta esponendo, e regolare l’attività di trading sulla base di quanto è disposto a perdere. Su una scala da 1 a 7 il profilo di rischio con la leva finanziaria è pari a 7: promette alti rendimenti a fronte di una perdita potenziale alta.

Vale la pena utilizzare la leva per il trading di Ethereum?

L’utilizzo della leva finanziaria in un mercato movimentato come quello delle criptovalute può spaventare, ma va considerato che Bitcoin ed Ethereum sono i pilastri portanti del settore. La loro supremazia è evidente sia in termini di capitalizzazione di mercato, sia in volumi scambiati, che in liquidità, longevità, robustezza tecnologica e scalabilità.

A giugno l’accordo preliminare sulla regolamentazione in Europa aveva riacceso la scintilla, ora l’annuncio del “Merge” di Ethereum ha rianimato i mercati. Non tutti gli investitori si sentono pronti a utilizzare la leva con il mercato delle criptovalute, ma chi non ha più dubbi sa bene quali sono le due valute che si giocano i maggiori risultati.

 

Pubblicità

Ultime notizie