Il Comune di Firenze ha in programma un piano di assunzioni da 381 posti, compresi 100 nuovi agenti di polizia municipale, per il 2019. È uno dei capitoli più interessanti del bilancio di previsione presentato da Palazzo Vecchio, quello che lo stesso sindaco Dario Nardella ha definito “il piano più ambizioso degli ultimi dieci anni”.

100 vigili urbani under 32

Le assunzioni serviranno a coprire i 200 pensionamenti previsti per il 2018 e i 100 del 2019. Tra i nuovi dipendenti ci saranno 100 vigili urbani, tutti al di sotto dei 32 anni, che verranno impiegati per la sicurezza (compresa quella sui bus) e la viabilità.

Bilancio del Comune di Firenze, cosa prevede 

Il bilancio di Firenze, prima città metropolitana d’Italia a presentarlo, è una manovra da un miliardo di euro che consolida il debito del Comune intorno ai 500 milioni di euro – “Dieci volte al di sotto del limite di legge”, come ha fatto notare l’assessore al bilancio Lorenzo Perra – che prevede investimenti per 363 milioni: 143 milioni solo per il trasporto pubblico, in particolare la tramvia, altri 69 su strade, marciapiedi, piste ciclabili e sulla viabilità in genere. Ci sono poi 45 milioni per i beni culturali e i monumenti, 32 per la scuola, 16 per il verde pubblico, 13 per gli impianti sportivi, 12 per l’edilizia popolare e 8 per i servizi sociali.

Nessun aumento delle tasse

Nessuna tassa comunale aumenterà e saranno introdotto nuove agevolazioni fiscali per gli esercizi commerciali lungo i cantieri pubblici nel caso in cui i cantieri si prrolungassero oltre i tempi previsti. Le entrate arriveranno dalle multe (66 milioni previsti, come nel 2018), dalla tassa di soggiorno (43 milioni) e dal recupero dell’evasione fiscale (19 milioni, gran parte dei quali dall’Imu).