Fa caldo? Che importa, possiamo rifugiarci a “Dantocchio”, la casa di Pinocchio e della Divina Commedia a Firenze. Dal 1 giugno 2019, in via Ricasoli 44, nello splendido Palazzo Gerini, a pochi metri dall’entrata della Galleria dell’Accademia, ha aperto Dantocchio, museo multimediale dedicato a Pinocchio, in primis, ma anche a Dante della Divina Commedia.

Un percorso multimediale fatto di narrazioni, luci, musica e proiezioni

Ad aspettarvi, sulla soglia del museo, troverete un gigantesco Pinocchio di legno. Quello sarà il segnale inequivocabile che siete nel posto giusto. Una volta superata la biglietteria (il costo dell’entrata è di 9 euro a persona, prezzo speciale riservato ai nuclei familiari, il costo del biglietto intero è 14 euro) vi troverete davanti ad un percorso principale fatto di tre sale.

Ad ogni sala si supera un tendaggio che vi fa accedere alla “Pinocchio experience”, vale a dire la favola di Pinocchio, illustrata e musicata che viene proiettata sui muri. Le sale sono piacevolmente climatizzate e il pavimento in moquette un invito irresistibile a trovarsi un posticino a sedere per godersi la proiezione che si snoda in tre atti, tante sono le stanze dedicate. Le proiezioni sono a ciclo continuo e la durata complessiva del percorso supera i 20 minuti, ma preparatevi perché per i bambini il percorso è ipnotizzante e non gli basterà farlo una volta sola. 

La proiezione in video mapping corre da una parete all’altra, lasciando gli spettatori inebriati dal ritmo con cui il racconto si sussegue incalzante. Una vera esperienza emozionale.

Dantocchio, tra Collodi e la Divina Commedia

Anche il percorso dedicato alla Divina Commedia si compone di tre ambienti. Due sono le scene tratte dall’inferno e una dal paradiso. La sezione dedicata all’Inferno dantesco ha la stessa concezione multimediale, ma vi si aggiunge una componente scultorea: al centro della scena, infatti, vi aspettano manichini in costume cristallizzati nella scena culmine del cerchio infernale rappresentato. Faretti rossi puntati sulle figure contribuiscono a rendere bene l’idea del dramma infernale che si sta consumando.

Le due sale sono ad alto impatto emotivo per i bambini, sotto i 5 anni potrebbero rimanere impressionati, valutate se è il caso di fargli vedere questa parte, magari visionandola prima voi adulti. La stanza dedicata al Paradiso altro non è che una sala ricoperta di specchi e giochi di luci, semplice ma al tempo stesso suggestiva, e sicuramente non spaventosa e adatta ai bambini di ogni età.

Al piano interrato, troverete una serie di sale che il museo dedica a mostre temporanee. In questo momento sono in corso due monografie sulla figura di Pinocchio. Il museo è dotato anche di ristorante e area bar con un piacevole cortile all’aperto fruibile nelle ore più fresche della giornata. Non manca il bookshop con tante edizioni di Pinocchio per tutte le età, dal libro agli albi illustrati per i più piccini, e il burattino in legno originale della fondazione Collodi da portare via come ricordo della giornata.

La Dantocchio srl è una società nata dal connubio di varie e consolidate esperienze della Fondazione Nazionale Carlo Collodi, di Giunti Editore, di Capitale Cultura Group, del Club Santa Chiara e di Ghinato & Associati che ha ideato e realizzato il Pinocchio e Dante Multimedia Experience.

Orari di apertura e maggiori informazioni su biglietti e riduzioni: dantocchio.it

In collaborazione con Firenze Formato Famiglia