lunedì, 25 Maggio 2020
Home Rubriche Food Reporter La mia produzione irrefrenabile di tagliatelle fatte in casa

La mia produzione irrefrenabile di tagliatelle fatte in casa

Ristoranti chiusi? La nostra food reporter non si perde d'animo e si cimenta con la cucina casalinga. Ecco i consigli (provati in prima persona) per preparare tagliatelle fatte in casa

-

Prima di tutto vi devo spiegare come sono arrivata alle tagliatelle fatte in casa. Perché all’inizio abbiamo cantato in terrazza tutto il repertorio italiano nazionalpopolare, siamo diventati bravissimi nel lancio del sacchetto della spazzatura nel cassonetto sotto casa, abbiamo imparato a metterci in fila fuori dai supermercati come nessuno si sarebbe mai potuto immaginare, abbiamo poi finito di leggere anche quei libri che consideravamo mattoni storici della letteratura e visto le serie tv più svariate, anche quelle che abitualmente non avremmo mai considerato. Inoltre abbiamo pulito e spolverato anche gli angoli più remoti della casa e infine siamo stati disposti a scaricare applicazioni sconosciute capaci di farci fare mezz’ora di esercizi base al giorno in salotto con un’attrezzatura del tutto improvvisata. E sì, assuefatti dalla noia, ci siamo comunque sfondati di cibo. Diciamolo!

Alla terza settimana di quarantena obbligatoria, ci stiamo inventando le attività più disparate (o disperate, dipende dai punti di vista!) e così anche io che ho finito l’elenco delle attività usuali, ho voluto provare l’impossibile: mi sono munita di mattarello, macchinetta della nonna, farina e uova e ho iniziato una produzione irrefrenabile di tagliatelle fatte in casa. Sì, avete capito bene, dopo aver provato i piatti dei miglior chef fiorentini ho voluto mettermi alla prova: il risultato è stato più che soddisfacente (parola dei vicini di casa!).

I consigli per le tagliatelle fatte in casa: gli ingredienti… e non dimenticate la musica

Per lavorare bene la pasta fresca servono due cose importantissime: un ripiano di legno (io mi sono affidata banalmente al mio tavolo di cucina) e della musica, quella che preferite. Io ho scelto Pavarotti, da bravo buongustaio, sapevo che mi avrebbe dato la giusta carica e poi la musica lirica mi rilassa.

Gli ingredienti sono due e non si può sbagliare: 1 uovo per ogni 100 g di farina 0 (o 00). Calcolate quindi 3 uova e 300 g di farina per 4 persone.

Procedimento: la semplice ricetta delle tagliatelle fatte in casa

La lavorazione è semplicissima! Iniziate riempiendo un’insalatiera con la farina e l’interno delle uova e mescolate. Se mettere le mani in pasta fin da subito non vi fa sentire a vostro agio cominciate con una forchetta, ma non vi ci abituate troppo perché dopo poco per amalgamare al meglio i due ingredienti sarà necessario rimboccarsi le maniche della vostra maglia per iniziare a massaggiare l’impasto creando una palla.

Non appena sarete riusciti a dargli una forma rotonda, passate il composto sulla tavola e con forza continuate ad impastare fino a che non otterrete un panetto liscio ed omogeneo. Una volta raggiunto il risultato sperato, con fierezza avvolgete l’impasto con della pellicola trasparente e lasciatelo riposare per una mezz’ora, giusto il tempo per leggere le novità pubblicate su ilreporter.it e per sistemare dei fogli di carta da forno sul tavolo ricoperti con un po’ di farina, pronti ad accogliere le vostre tagliatelle fatte in casa.

Adesso viene la parte più divertente!

Ho avuto la fortuna di trovare nel mio sgabuzzino la vecchia macchina a manovella che usava mia nonna per stendere la pasta. Se siete avvantaggiati come me, dopo averla fissata bene al tavolo, iniziate a tagliare un pezzettino di pasta alla volta, lasciando la parte restante nella pellicola in modo che non si secchi. Una volta tagliato il primo pezzo, stendetelo sul tavolo con il mattarello, cercando di appiattirlo bene. Dopodiché infilate il lenzuolo ancora spesso tra i rulli (io ho utilizzato spessore 6 su 7 – grado più fine) e attraverso la manovella tirate la pasta accompagnandola con la mano. Passatela poi tra i rulli a denti larghi per trasformarla in tagliatelle. Pura poesia.

Via via che le tagliatelle fatte in casa saranno pronte sistematele sulla carta da forno ben distanziate, in modo da non farle attaccare e ricordatevi di spargerci sopra un po’ di farina. Per la cottura, ci vogliono più o meno 5 minuti, ma assaggiatele di tanto in tanto: le tagliatelle, come tutti i primi, sono un piatto che va accompagnato e mai abbandonato.

Macchina pasta fatta in casa

Tagliatelle fatte e in casa: e se non abbiamo la macchina per la pasta?

Qualora non aveste la macchina per fare le tagliatelle, ricordatevi che c’è sempre un piano B: stendete con forza la pasta con il mattarello e create dei rombi con la rotella per la pizza. In questo modo creerete dei bellissimi maltagliati (di nome e di fatto).

Laura Piccioli
Laura Piccioli
Divoratrice seriale di pasta, cleptomane di pasticcini, amante del buon vino, di solito corro - e non solo al ristorante come si potrebbe banalmente pensare - ma giusto per limitare i miei sensi di colpa.

Come fare i “cocktail della quarantena” (a casa): la ricetta di 2 barman

2 idee sfiziose per preparare drink freschi perfetti da assaporare durante l'aperitivo digitale. Parola di bartender

Come fare la pastiera napoletana a casa, la ricetta di uno chef partenopeo

Bisogna pensarci per tempo (servono più giorni), stare attenti alla frolla e agli ingredienti del ripieno. I consigli per preparare il dolce tipico partenopeo del periodo pasquale

Il pranzo di Pasqua è a domicilio: il menu dei ristoranti di Firenze

Il classico agnello, le proposte di mare, le ricette della tradizione. Il pranzo pasquale arriva direttamente a casa, ecco dove ordinare

Ultimi articoli

Nardella: “Riapriamo la scuola, almeno l’ultimo giorno”

La proposta del sindaco di Firenze: almeno una giornata per rincontrare compagni di classe e professori

Bonus colf, badanti e lavoratori domestici: via alla domanda sul sito Inps

Aperta sul sito Inps la procedura per fare domanda: un bonus da 500 euro per due mesi per colf, badanti e lavoratori domestici, i requisiti

Spostamenti tra regioni dal 3 giugno: apertura a rischio?

Cosa cambia per i viaggi interregionali con il nuovo decreto sulla fase 2 e quanto influirà il monitoraggio del livello di rischio