mercoledì 28 giugno 2017

Cosa non sapete su Sorgane (che compie 60 anni)

Doveva essere grande il triplo e avere anche il 'gemello' del piazzale Michelangelo. 60 anni fa nasceva il quartiere popolare di Sorgane. Storia e curiosità di questo rione a sud di Firenze
Sorgane Firenze sud 60 anni

Foto: Gianni Carpini

Tanti  auguri,  Sorgane:  il  9  giugno  compie  sessant’anni. Il primo masterplan del quartiere nacque sulla carta sessant’anni fa, contemplava anche un “secondo” piazzale Michelangelo e 40 ettari di città fuori dalla città. Prima dell’arrivo della “Nave”, della “Torre” e degli altri giganti di cemento, nella tenuta di Sorgane, come veniva chiamata allora, c’erano solo campi e una villa. All’inizio del Novecento si contavano appena 160 abitanti.

L’idea alla base della nuova “città satellite” fu discussa il 9 giugno del 1957 in occasione del convegno nazionale “Firenze, Sorgane e il Piano regolatore” da 37 architetti e ingegneri, coordinati da Giovanni Michelucci. Tra loro anche importanti firme come Leonardo Ricci e Leonardo Savioli, oltre a Ferdinando Poggi, nipote del Giuseppe che ha disegnato il volto di Firenze Capitale.

Data per data, guarda la foto-storia di Sorgane

Sorgane, come doveva essere

Il progetto di Sorgane era imponente, immaginava un grande quartiere popolare autonomo: case, servizi, negozi e chiesa tra la pianura e le colline, dove era previsto il piazzale panoramico. Così non fu. “Sorgane appartiene alla storia dei conflitti urbanistici, fu molto discussa”. Giancarlo Paba, presidente della Fondazione Michelucci e urbanista, seguì il dibattito quando ancora era studente.

Spiega: “Ci fu un forte contrasto con la filosofia di pianificazione di Edoardo Detti (urbanista e, al tempo, consigliere comunale ndr). Detti immaginava che la città nuova dovesse svilupparsi sull’asse a nord-ovest, lungo pianura, con ampliamenti limitati sulle altre direttrici”.

Figlia di un compromesso

Lo scontro durò 5 anni e Sorgane fu figlia di un compromesso: non più 12mila abitanti, come previsto inizialmente, ma 4mila residenti e ventisette mega-complessi. Oggi questa storia travagliata è diventata un caso di studio, i mastodontici edifici di Ricci e Savioli sono finiti sui libri di architettura.

Paola Ricco, docente a contratto all’Università di Firenze, dopo una tesi di dottorato sul tema sta continuando la sua indagine. “Sorgane rappresenta un frammento di storia dell'architettura, con le sue macrostrutture e il cemento a vista, è specchio di un momento culturale – sottolinea – ma testimonia anche una parte importante della storia urbanistica fiorentina”.

Uno sviluppo travagliato, come successo in altre aree di edilizia popolare. “Sorgane ha cominciato a vivere con difficoltà – continua Ricco - i servizi sono arrivati tardi, all’inizio mancavano del tutto”. Ma cosa rimane di Sorgane sessant’anni dopo?  “Come tutte le periferie – osserva Ricco - è un’area che offre  spunti per il progetto, ad esempio nella gestione dello spazio pubblico. La riqualificazione di piazza Istria è stata un'occasione importante, ma si deve continuare a lavorare in questa direzione”.

6 giugno 2017
articoli correlati

Nella ''pancia'' delle nuove eco-case di viale Giannotti foto

Profumo di ''baita'', energia fai-da-te e vista mozzafiato all'ultimo piano. Su per le scale del condominio Erp in legno che sta per essere ultimato a Firenze sud

Le 4 piazze (im)possibili dell’Isolotto foto

Tra ''tettoie 3D'', ''passatoie'' e super-pensiline. La piazza che non c’è e non sarà: ecco i 4 progetti segnalati dalla giuria di esperti per l'agorà dell'Isolotto

Architetti, Raimondi nuovo presidente dell'Ordine

Classe 1966, nato a Milano ma attivo a Firenze, è uno storico promotore della sostenibilità. Succede a Marzia Magrini, sarà affiancato dal vice presidente Roberto Masini. "Attenzione sempre alta sui temi dell'urbanistica e dell'edilizia"
quartieri di firenze
Primo piano

“Caccia al tesoro” lungo l’Arno, con il WWF

Allo scoperta delle specie animali e vegetali che vivono lungo il fiume, nella striscia di verde del Terzo Giardino di Lungarno Serristori. Un biologo del WWF terrà un workshop sull’Arno (gratuito)
news
9 giugno 1957
Viene presentato il primo masterplan per Sorgane
Cultura
Sotto le stelle
La storia
La guida
Focus

Movida 'on the river': i locali (estivi) lungo l’Arno foto

Dall’aperitivo al concerto vista fiume. Il corso fiorentino dell’Arno, durante l’estate,  è animato da locali e iniziative. Ecco dove andare grazie alla nostra foto-mappa

Parcheggio tramvia-autostrada: come funziona e quanto costa video

E’ il primo del genere in Italia. Parcheggi senza uscire dall’A1 e poi sali sulla tramvia di Firenze. Ecco come funziona (e quali sono i prezzi) del nuovo parcheggio scambiatore di Villa Costanza a Scandicci

Torna lo yoga alle Cascine (gratis)

Ormai è diventato un appuntamento fisso dell’estate a Firenze: da giugno a settembre, tre volte a settimana i maestri di yoga si alternano per sedute open air gratuite nel parco delle Cascine

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina