venerdì 15 dicembre 2017

Lorenzo Baglioni e Sanremo: ‘No alle domande sul congiuntivo’

Il cantante e attore toscano è tra i giovani finalisti che si giocheranno la partecipazione a Sanremo 2018. Suo malgrado, abbiamo sottoposto Lorenzo Baglioni a un test di congiuntivo

Lorenzo Baglioni, nella sua “scalata” verso Sanremo 2018 una paura ce l’ha. “Ora ho il terrore di sbagliare duemila congiuntivi e non rispondo più a domande su questo argomento”, dice ridendo. Parteciperà alla finale di “Sarà Sanremo” il prossimo 15 dicembre (ore 21.15 Rai Uno) con il brano Il congiuntivo. 

Tra note e sorrisi il cantante e attore toscano ricorda le regole di un modo verbale piuttosto bistrattato ai tempi nostri. Una canzone che in poco tempo è diventata una hit, con quattro milioni di visualizzazioni tra Youtube e Facebook in poco più di una settimana, rilanciata anche dall’Accademia della Crusca sui suoi social network.

Lorenzo Baglioni, 31 anni di età, grossetano di nascita ma cresciuto a Greve in Chianti e infine arrivato a Firenze, ha un passato tra i numeri, con una laurea in Matematica ed esperienze dietro la cattedra, anche se nell’ultimo anno e mezzo si è concentrato, ammette, solo sulla sua passione per il mondo dello spettacolo. Lo abbiamo intervistato e nonostante la sua ritrosia l'abbiamo sottoposto a un simpatico “test” di congiuntivo.

Come stai vivendo questa avventura verso Sanremo 2018?

Già essere arrivato a questo punto per me e per tutte le persone che hanno lavorato a questo progetto è una cosa meravigliosa. Non ce l’aspettavamo ma siamo felici di esserci. Adesso ce la giochiamo con il sorriso sulla bocca, perché quando si prova a fare qualcosa di divertente bisogna cercare di divertirsi noi per primi. Poi ovviamente c’è l’ansia dovuta al prestigio della manifestazione.

Che reazioni hai avuto alla canzone “Il congiuntivo”?

La cosa che mi ha emozionato di più è vedere su Facebook il video di una quinta elementare in Campania: tutti cantano a squarciagola la canzone e fanno anche la  coreografia. Una cosa pazzesca.

Ci voleva un matematico per insegnarci l’uso corretto del congiuntivo?

E' vero, è buffa come cosa. Lo dico sempre, anche per mettere le mani avanti visto che ho il terrore di sbagliare duemila congiuntivi: sono il primo pubblico di questa canzone. Non uso il congiuntivo perfettamente, ma so quanto è importante e lo voglio imparare ancora meglio. Per scrivere questa canzone insieme a Michele, mio fratello, abbiamo aperto i libri e ci siamo messi a studiare. Poi ci siamo chiesti come fare a raccontare tutto questo in una maniera diversa, un po’ come piace a noi, giocando con la musica, con l’ironia e la comicità.

Bene allora ecco il nostro quiz sul congiuntivo...

Ho deciso di non rispondere mai alle domande sul congiuntivo. Vediamo…

Se potessi suonare con una star della musica, con chi vorresti farlo?

Con i Coldplay, perché in passato ho suonato in una cover band dei Coldplay,  sono stati un punto di riferimento musicale molto importante per me. Se potessi suonare con un grande della musica italiana, visto che stiamo usando i congiuntivi e quindi l’ipotesi dell’irrealtà, direi Fabrizio De André. Lo so è impossibile, ma siamo nel mondo del congiuntivo dove tutto è possibile.

Se potessi essere un famoso matematico, quale sceglieresti?

Mi piacerebbe essere Pierre de Fermat, perché aveva ironia e creatività. Ha realizzato un teorema famosissimo, una delle congetture che ha fatto dannare per più anni i matematici di tutto il mondo, dimostrata qualche anno fa. Lui scrisse questo teorema, una cosa difficilissima da dimostrare, e poi riportò a bordo della pagina: “Di questo teorema posseggo una dimostrazione bellissima che non metto qua perché non c’è spazio”.

E per finire: Se un giorno Lorenzo Baglioni si ritrovasse sul palco di Sanremo, cosa farebbe prima di tutto?

Bella domanda. Intanto chiederei a qualcuno se è vero. E poi vorrei vedere avverato almeno una volta il mio sogno: qualcuno che chiede a Claudio Baglioni se è parente di Lorenzo Baglioni, visto che mi è successo sempre l’inverso (ndr e per chi se lo stesse ancora chiedendo: no, non sono parenti).

5 dicembre 2017
articoli correlati

Studenti-cantanti e un cd contro la violenza di genere video

Per il progetto 'Mai in silenzio: la musica contro la violenza di genere' 60 studenti di 6 licei toscani hanno realizzato un disco con sei brani musicali sul tema, grazie all'aiuto di tutor d’eccezione

Balli in piazza Ognissanti per la festa francese

Oltralpe, il 14 luglio  si ricorda la presa della Bastiglia. Qui da noi, a Firenze, due giorni di eventi per la più importante festa nazionale francese

Gli Mtv Awards tornano a Firenze

Di nuovo a Firenze i premi organizzati della tv musicale, appuntamento nel parco delle Cascine (gratis)
quartieri di firenze
Primo piano

Star Wars: a Firenze una scuola di spada laser

A lezione dai cavalieri Jedi. Il fan club fiorentino di Star Wars organizza corsi di lightsaber aperti a tutti. Lo scopo? Creare esibizioni stellari
news
Newsletter il Reporter Firenze - iscriviti
Focus
Agenda
Curiosità
Cibo
Focus

Capodanno 2018: Firenze in piazza con Meta, Morgan e Gualazzi

Tris di nomi per il concerto al piazzale Michelangelo. Il countdown per il Capodanno 2018 a Firenze si passerà in piazza, dall'Oltrarno a Gavinana

Lorenzo Baglioni e Sanremo: ‘No alle domande sul congiuntivo’ video

Il cantante e attore toscano è tra i giovani finalisti che si giocheranno la partecipazione a Sanremo 2018. Suo malgrado, abbiamo sottoposto Lorenzo Baglioni a un test di congiuntivo

Abbonamento al teatro? I ragazzi pagano meno (con un concerto pop)

Dopo il successo della prima edizione, torna il progetto 'Il Teatro? Bella Storia'. Un abbonamento in 'versione teenager': 7 spettacoli più un concerto di Jovanotti o Allevi a un prezzo speciale

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina