martedì, 7 Febbraio 2023
- Pubblicità -
HomeBonusBonus mobili ed elettrodomestici 2023:...

Bonus mobili ed elettrodomestici 2023: come cambia la detrazione con la proroga

Cala il tetto su cui calcolare l'agevolazione: tutte le novità sul bonus per comprare mobili o elettrodomestici nuovi

-

- Pubblicità -

Arriva la proroga del bonus mobili anche per il 2023, ma cala a cifra su cui chiedere la detrazione in più anni per l’acquisto di mobilia e grandi elettrodomestici, a seguito della ristrutturazione di casa. Le novità sono previste nella legge di bilancio, che il Senato si appresta ora ad approvare definitivamente. Bisogna dire che, rispetto a quanto proposto in un primo momento dal governo, la soglia su cui godere dei benefici fiscali è stata leggermente alzata durante il passaggio parlamentare della manovra.

La proroga: come funziona nel 2023 la detrazione del bonus mobili ed elettrodomestici

Fino al 31 dicembre 2022 si può ottenere la detrazione fiscale del 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici fino a una spesa massima di 10.000 euro, ma questo tetto dal 1° gennaio 2023 si abbasserà a 8.000 euro (contro i 5.000 euro messi in preventivo inizialmente dal governo per la proroga della misura). Ciò significa che si potranno scaricare dalla dichiarazione dei redditi fino a 4.000 euro, mentre finora si poteva ricevere un vantaggio fino a 5.000 euro.

- Pubblicità -

Il bonus prevede che il 50% della spesa, effettuata per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici per una casa interessata da lavori di ristrutturazione, venga restituito ai contribuenti in più anni come riduzione delle tasse, in particolare sull’Irpef che si deve pagare o che si è già versata durante l’anno, ma non come sconto diretto in fattura. Questo succede invece per il superbonus con la cessione del credito.

Cosa comprende e si può ottenere senza ristrutturazione?

Il bonus mobili, chiarisce l’Agenzia delle Entrate, non può essere richiesto senza la ristrutturazione di casa: questo è il requisito essenziale per l’agevolazione, anche nel 2023, che si potrà godere per l’acquisto di

  • mobili nuovi, comprese le spese di montaggio (ad esempio letti, armadi, scrivanie, tavoli e materassi ma non i complementi di arredo e le tende)
  • grandi elettrodomestici nuovi con una classe energetica alta (non inferiore alla A per i forni, alle E per le lavatrice e le lavastoviglie, e alla F per i frigoriferi e i congelatori)
- Pubblicità -

Qui tutti gli altri bonus 2023, previsti dalla legge di bilancio che ha introdotto modifiche ad altri contributi.

Bonus mobili 2023: in quanti anni la detrazione?

Dopo l’approvazione della legge di bilancio 2023, si attendono i chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate, ma con tutta probabilità la proroga riguarderà anche le regole attuali del bonus mobili ed elettrodomestici, secondo cui la detrazione Irpef del 50% viene riconosciuta in 10 quote annuali di pari importo, per 10 anni. Come detto nel 2023 si potrà applicare l’agevolazione per un massimo di 8.000 euro. Facendo un esempio concreto se durante l’anno si spenderanno 8.000 euro tra mobili nuovi ed elettrodomestici si avrà diritto a un bonus di 4.000 euro, che sarà riconosciuto sotto forma di detrazione fiscale (uno “sconto” sull’Irpef da pagare) nelle dichiarazioni dei redditi presentate dal 2024 al 2033 per 400 euro annuali. Se si spendono 1.000 euro si avrà diritto a una detrazione totale di 500 euro, ossia 50 euro ogni anno per 10 anni.

- Pubblicità -

Per ottenere il bonus le spese di acquisto devono essere tracciate: quindi i pagamenti per i mobili e gli elettrodomestici devono essere fatti con carte di credito o di debito (conservando la ricevuta e la documentazione di addebito sul conto corrente) oppure con bonifico (non è necessario usare il bonifico “speciale” per le spese di ristrutturazione, ma va tenuto l’estratto conto). Inoltre le fatture devono riportare la descrizione del tipo di merce acquistata. Non sono previste agevolazioni invece se si paga con assegni bancari o contanti.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -