sabato, 13 Aprile 2024
- Pubblicità -
HomeFiorentinaBattuta la Cremonese. La Fiorentina...

Battuta la Cremonese. La Fiorentina vede la finale di Coppa Italia

Un gol di Cabral ed un rigore di Nico Gonzalez regalano ai viola l’andata delle semifinali. Nono successo consecutivo

-

- Pubblicità -

Ancora una vittoria per la Fiorentina che, allo stadio Zini di Cremona, batte i grigio rossi 2-0 con le reti di Cabral e Nico Gonzalez ed ipoteca la finale di Coppa Italia. Dominatrice nel primo tempo la squadra viola dimostra, anche nella ripresa di essere maturata e di aver maggior consapevolezza dei proprio mezzi. Vincenzo Italiano alla fine sceglie Barak a centrocampo e schiera Nico Gonzalez e Ikoné a fianco di Cabral. Davide Ballardini opta dall’inizio per l’ex di turno Benassi e si affida a Ciofani, inserendo solo nel secondo tempo Dressers.

La partita

Fiorentina, supportata da quasi cinquemila tifosi al seguito, che parte bene grazie a Cabral che è scatenato fin dall’inizio. Al 13’ calcia dal limite e la alla finisce fuori di poco. Al 20’ Biraghi crossa col destro trovando la testa del brasiliano che supera il portiere Sarr girando la palla in sospensione aerea. Al 39’ c’è un contatto in area tra Aiwu e Nico Gonzalez. L’arbitro Mariani, dopo check col VAR, fa proseguire non ravvisando gli estremi per il rigore. Si va al riposo con i viola avanti di un gol. Nella ripresa sussulto da parte della Cremonese con Bonaiuto su cui però è bravo Terracciano a parare. È ancora Cabral al 71’ a propiziare il rigore. C’è infatti una respinta di mani sulla linea di Aiwu, che verrà poi espulso, che impedisce all’attaccante brasiliano di realizzare lo 0-2. Sul dischetto Nico Gonzalez è glaciale e spiazza Sarr con un’esecuzione lenta e precisa. La gara di ritorno si giocherà al Franchi il 27 aprile. Con questi nove successi consecutivi in gare ufficiali nel corso della stessa stagione (5 in Serie A, 3 in Conference League ed una in Coppa Italia) la Fiorentina ha eguagliato il record assoluto della storia viola stabilito nell’annata 1959-60 quando, la squadra di Carniglia (grazie, soprattutto, ai gol a ripetizione di Hamrin) riuscì ad inanellare 9 vittorie consecutive fra Serie A e Coppa Italia.

- Pubblicità -

L’allenatore

Soddisfatto Vincenzo Italiano. “Abbiamo cercato questo doppio vantaggio e ce lo teniamo, abbiamo meritato di vincere. Nelle coppe abbiamo sempre viaggiato forte, mentre in campionato prendevamo gol a ogni occasione. Ora invece riusciamo anche a scampare certi pericoli, stiamo vincendo tante partite e mettendo in fila tanti risultati, è importante e vogliamo continuare. Il nostro problema era solo la classifica in campionato. Vincere aiuta a lavorare con la mente libera, le giocate arrivano e con esse le vittorie. Siamo stati ripagati, la società non ha mai fatto mancare la vicinanza. Due mesi fa non ci aspettavamo nulla di tutto ciò e ora siamo venuti fuori e ce lo godiamo. Ad inizio stagione abbiamo avuto qualche situazione individuale non bellissima, gente che non giocava da tanto, poi volevamo far bene in Conference. Ora siamo riusciti anche a sistemare la difesa, e quando gli altri arrivano in porta Terracciano c’è. Ci gira bene, ma ci aveva girato male”.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -