venerdì, 21 Giugno 2024
- Pubblicità -
HomeFiorentinaLa Fiorentina domina la partita...

La Fiorentina domina la partita ma ottiene solo un pari con l’Atalanta

Quattordicesimo risultato utile consecutivo per i viola tra campionato e coppa. Settima rete in serie A per Cabral

-

- Pubblicità -

La Fiorentina attacca, domina l’Atalanta, ma ottiene solo un punto nel posticipo del trentesimo turno di seria A allo stadio Artemio Franchi. Vantaggio rocambolesco degli ospiti con Maehle, pareggio su rigore di Cabral. I viola mancano l’aggancio a Bologna e Juventus. Italiano fa pochi cambi rispetto alla Conference League: torna al centro della difesa Quarta (squalificato in Polonia) in coppia con Milenkovic e a sinistra va Terzic e non Biraghi. Al posto di Amrabat c’è Castrovilli accanto a Mandragora, con Barak dietro a Cabral, mentre sulle fasce sono confermati Nico Gonzalez e Ikoné. Gasperini a sorpresa sceglie Sportiello e non Musso in porta, mette in campo Toloi e Koopmeiners. In avanti le punte Hojlund-Zapata.

La partita

Dopo 2 minuti la Fiorentina si fa vedere nell’area avversaria con Quarta. Il suo colpo di testa finisce di poco a lato. L’ex di turno, il portiere Sportiello, para in due tempi su Barak, e poi al 16’ devia in angolo un tiro di Cabral. Al 20’ Nico Gonzalez tira ma la palla finisce vicinissima al palo. L’Atalanta passa al primo tiro in porta, al 37’, grazie ad un passaggio avventato di Dodo per Barak che viene intercettato da Ederson. Passaggio a Maehle, che chiude sorprendendo Mandragora e, soprattutto, Terzic. Niente può fare Terracciano per l’1-0 orobico.

- Pubblicità -

La ripresa inizia con un’occasione di Castrovilli, al 51’, con la palla che però finisce lontano dalla porta. Subito dopo c’è un cross di Bonaventura che viene toccato con un braccio da Toloi. L’esame delle immagini al Var dura quasi 3 minuti, la decisione dell’arbitro Guida è per il calcio di rigore che Nico Gonzalez lascia a Cabral. Il brasiliano, molto freddo, spiazza Sportiello. È la settima rete in serie A quest’anno. Al 69’ giocata di Koopmeiners per Hojlund che non trova la porta su colpo di testa. Al 73’ Biraghi su punizione, appena entrato, colpisce il palo. In pieno recupero è Bonaventura a provarci di testa ma Sportiello salva la porta parando sulla linea. Finisce in parità una partita molto combattuta e che la Fiorentina avrebbe potuto vincere. Giovedì, alle 18,45, si torna in campo per il ritorno di Conference League contro il Lech Poznan.

L’allenatore

Vincenzo Italiano ha commentato la gara con qualche rimpianto. “Con un allenamento abbiamo preparato una partita così difficile, ma abbiamo acquisito quella mentalità che serve a squadre che affrontano più competizioni. Settimane fa sarebbe finita 0-3, stiamo crescendo perché l’abbiamo rimessa in piedi e potevamo anche vincerla. I risultati fanno diventare più forte a livello mentale, in questo mese e mezzo dobbiamo restare concentrati e pieni di entusiasmo, pareggiarla in questo modo mi fa contento perché i ragazzi sono stati attenti e vogliosi di vincere. La maturità sta nel fatto che non abbiamo perso”.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -