martedì, 27 Settembre 2022
HomeSezioniArte & CulturaBlack History Month Florence 2022:...

Black History Month Florence 2022: tre mostre alle Murate

Al MAD di Firenze eventi che uniscono l'arte, la storia e la cultura di due mondi solo apparentemente lontani

-

Pubblicità

Il MAD, Murate Art District, si prepara per la settima edizione del Black History Month Florence, che per il 2022 è stato ribattezzato “Black History Fuori Le Mura”, il festival che promuove la cultura “black” e le diversità delle culture afro-discendenti all’interno del nostro paese. Un evento che si aggiunge alle altre mostre nella città di Firenze, da seguire con attenzione per conoscere una realtà che risulta ancora lontana.

Per il 2022, il distretto guidato da Valentina Gensini co-produce ed ospita ben 3 mostre differenti che vedranno la luce a partire dal 10 febbraio. Durante la giornata, verranno presentate le opere in mostra al MAD, oltre al nuovo progetto audiovisivo di DeForrest Brown, Jr. e James “Hoff Hobo Ufo V. (The new world)”, analisi della tumultuosa storia migratoria degli afrodiscendenti in America. La mostra sarà visitabile fino al 2 aprile.

Le mostre 2022 del Black History Month Florence

Pubblicità

La prima esposizione di quest’edizione, rinominata “La fuga”, è la personale di Kevin Jerome Everson. L’artista che punta l’obiettivo sulla migrazione della comunità afroamericana presenta al MAD di Firenze, in occasione del Black History Month 2022, la sua “Hazel”.

L’opera si lega a doppio filo con il brano “Maggot Brain” dei Parliament Funk, e al suo famosissimo assolo di chitarra. Qui i ricordi dell’artista e i suoni distorti delle corde di Eddie Hazel si uniscono dando vita ad immaginazioni alternative.

Pubblicità

black history month MAD

La seconda opera, sempre parte del “Black History Fuori Le Mura”, è “Come sa di sale lo pane altrui”.  La serie di tele a tecnica mista di Nidhal Chamekh che si divide tra racconto biografico e testimonianza storica. Nel raccontare la sua infanzia nei quartieri popolari di Tunisi e la persecuzione della sua famiglia, Nidhal usa le immagini, unendo elementi d’archivio alle esperienze vissute sulla sua pelle.

Pubblicità

L’ultimo pilastro del programma è il lavoro di Jessica Sartiani, frutto di una residenza al MAD iniziata nel dicembre dell’anno scorso. In questa edizione, i documenti di Roberto Bianchi sullo sciopero della fame del 1990, organizzato dopo una serie di pestaggi violenti avvenuti a Firenze nei confronti della comunità senegalese, si uniscono, insieme ad altre memorie storiche alla ricerca di Jessica Sartiani sulla storia coloniale.

Questo è il quarto capitolo del Black Archive Alliance, progetto di ricerca avviato al Murate Art District nel 2018 che raccoglie le testimonianze delle popolazioni migranti e della diaspora dal continente africano.

Le origini del BHMF

L’Associazione Culturale Black History Month Florence nasce nel 2018, creando da subito una rete di relazioni tra realtà culturali e istituzionali dentro e fuori dall’Italia. Oltre alle varie iniziative di dialogo internazionale, ricerca e sviluppo culturale, il BHMF si impegna a dare una visione alternativa sulla relazione che c’è tra Italia ed Africa, adottando uno sguardo critico e di narrazione storica il più accurata possibile.

Per maggiori informazioni visitare il sito web del Black History Month Florence.

Pubblicità

Ultime notizie