lunedì, 6 Dicembre 2021
HomeSezioniArte & CulturaCinquecento sedie per cinquecento ragazzi:...

Cinquecento sedie per cinquecento ragazzi: l’arte invade Firenze

Erano in mille, tra ragazzi e sedie, ad aver attraversato la città armati di arte e fantasia. GUARDA LE IMMAGINI

-

Erano in mille, tra ragazzi e sedie, ad aver attraversato la città armati di arte e fantasia.

IL CORTEO. E’ partito dalla Fortezza da Basso lo scorso sabato, il corteo del progetto del Sit-in Florence, nato da un’idea della professoressa Elisabetta Cianfanelli e che vede coinvolte dieci scuole, le Accademie d’Arte di Firenze e Carrara e l’Università di Firenze.

ARTE. Il progetto del Sit-in Florence e del re-design in particolare, vuole rendere valore al territorio e all’arte,  risvegliando l’immaginazione dei giovani per la re-interpretazione della formalità e quotidianità attraverso una lettura contemporanea e una nuova interpretazione della società.

DOVE. I cinquecento ragazzi, che hanno rivisitato in chiave contemporanea altrettante sedie, hanno raggiunto il Salone dei Cinquecento, potendo così esporre liberamente la propria opera. Sempre a Palazzo Vecchio, si è tenuto l’incontro con l’assessore all’istruzione del Comune di Firenze, Rosa Maria Di Giorgi, al termine del quale il colorato e vivace corteo ha raggiunto la Stazione di Santa Maria Novella, passando da palazzo Medici Riccardi e Via Tornabuoni, osservato dagli sguardi incuriositi di passanti e turisti.

{phocagallery view=category|categoryid=294|limitstart=0|limitcount=0}

LA BIENNALE. Le stravaganti sedie resteranno esposte alla Fortezza durante i nove giorni della Biennale d’Arte Contemporanea, inaugurata lo scorso sabato e che chiuderà il prossimo 11 dicembre. Giunta quest’anno alla sua ottava edizione, ospiterà moltissimi artisti provenienti da tutto il mondo ma lasciando anche spazio ai giovani fiorentini e alla loro fantasia, attraverso questa eccentrica e artistica invasione di sedie.

Ultime notizie