martedì, 27 Ottobre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica 31 dicembre, la viabilità: Ztl,...

31 dicembre, la viabilità: Ztl, tramvia no-stop e navette per il centro

Ecco come cambiano viabilità e trasporti nella notte più lunga dell'anno. La Ztl fa le ore piccole: porte telematiche in funzione fino alle 8 del 1° gennaio. Tutto quello che c'è da sapere.

-

Viabilità e trasporti, ecco la “mappa” per non perdersi nella notte più lunga (e caotica) dell’anno, quella che porterà Firenze a brindare all’arrivo del 2013.

VIABILITA’. Per consentire lo svolgimento degli eventi nelle cinque piazze cittadine – spiega Palazzo Vecchio – saranno istituiti numerosi provvedimenti di viabilità. Provvedimenti che ricalcano sostanzialmente quelli in vigore l’anno scorso. Quindi l’area della stazione sarà “vietata” ai veicoli dalle 19.30 di sabato 31 dicembre. Molti saranno i divieti di sosta e la ztl resterà in vigore in maniera continuativa dalle 7.30 di lunedì 31 dicembre fino alle 8 di martedì 1 gennaio. Il tram viaggerà tutta la notte con capolinea alla Leopolda ed è stato confermato il servizio navetta gratuito, dalle 21 alle 3, per l’accesso al centro.

Come cambia la circolazione:

Si inizia con i divieti di sosta in piazza Stazione che ospiterà l’evento clou della serata. Per montare il palco, infatti, da mezzanotte di giovedì 27 dicembre scatteranno i divieti di sosta nell’area sopraelevata lato biglietteria FS lato partenze e nell’area di sosta taxi (si tratta delle zone dedicate al kiss and ride).
Inoltre fino al 5 gennaio sono previsti divieti di sosta in piazza Stazione nell’area compresa tra la zona riservata allo stazionamento dei taxi e le scalette (lato scuola sottoufficiali carabinieri) e l’area ex sottopensilina di Toraldo di Francia. Previsto lo spostamento delle rastrelliere delle bici a noleggio, ivi posizionate, in piazza Santa Maria Novella, sul lato di via delle Belle Donne. Dalle 8 di venerdì 30 dicembre i divieti di sosta con rimozione si allargheranno nell’area di piazza Stazione compresa fra Largo Alinari e via Valfonda (Palazzina Presidenziale) su ambo i lati mente alle 15 sarà la volta del tratto tra piazza dell’Unità Italiana e Largo Alinari (con deroga per i bus di linea fino alle 19.30 del 31 dicembre). Questi provvedimenti saranno in vigore fino alle 15 del primo dell’anno. Divieti di sosta anche in piazzale Montelungo (lato ferrovia nel tratto compreso fra la postazione ecologica per una ventina di metri in direzione viale Fratelli Rosselli): in deroga consentita la sosta ai bus di linea extraurbana. In piazza Adua, lato fermata ex mezzi Lazzi, è autorizzata in deroga all’attuale normativa la breve fermata per i mezzi diretti alla stazione per consentire la salita/discesa dei passeggeri e il carico/scarico dei bagagli. Questi veicoli dovranno utilizzare l’itinerario: via Santa Caterina d’Alessandria-via Nazionale-largo Alinari-piazza Stazione-piazza Adua-via Cennni-via Faenza-via Dionisi-viali di circonvallazione. Il transito è comunque vietato dalle 19.30 di lunedì 31 dicembre alle 8 di martedì 1 gennaio.

31 DICEMBRE. Ma la maggior parte dei provvedimenti scatterà direttamente lunedì 31 dicembre. Si inizia alle 7 del mattino con i divieti di sosta in via Nazionale (tra piazza Indipendenza e Largo Alinari), piazza Indipendenza (tra via XXVII Aprile e via Nazionale), Largo Alinari (su tutta l’area eccetto la zona di fermata dei bus in servizio di linea che potranno sostare nelle aree a loro dedicate fino alle 19.30) e piazza Adua, via Cennini, via Valfonda, Pratello Orsini, via Fiume, piazza dell’Unità (su tutta la piazza eccetto la zona di fermata dei bus in servizio di linea che potranno sostare nelle aree a loro dedicate fino alle 19.30), via del Giglio (tra via Panzani e via del Melarancio), via del Melarancio, via Alamanni (tra viale Fratelli Rosselli e via Jacopo da Diacceto. Sosta consentita in deroga ai veicoli dei portatori di handicap muniti di contrassegno solo sul lato delle Ferrovie a decorrere dalle 19.30). Questi provvedimenti saranno in vigore fino al termine dell’evento. Dalle 13.30 l’area sosta taxi lato partenze in piazza Stazione sarà chiusa e spostata, fino alle 19,30, sul lato ex pensilina Toraldo di Francia nel tratto di fronte di largo Alinari. Dalle 19 l’area per la sosta dei taxi sarà spostata in piazzale Montelungo (lato ferrovia zona normalmente utilizzata dai bus delle linee extraurbane). Alle 19.30 di sabato 31 dicembre scatteranno invece i divieti di transito in via Santa Caterina d’Alessandria, piazza Indipendenza (direttrice Santa Caterina d’Alessandria-via Nazionale), via Nazionale (eccetto i veicoli in uscita dalle autorimesse che potranno transitare con l’itinerario via Chiara-via Nazionale-via Fiume-via Cennini), Largo Alinari, piazza Stazione, piazza dell’Unità (eccetto direttrice di collegamento via del Melarancio-via Sant’Antonino), via Panzani (tratto via del Giglio-piazza dell’Unità), piazza Adua, via Valfonda, via Jacopo da Diacceto, via Alamanni (tratto viale Fratelli Rosselli-via Orti Oricellari eccetto veicoli diretti alla stazione ferroviaria, quelli dei portatori di handicap con contrassegno per raggiungere gli spazi a loro assegnati; nel tratto Orti Oricellari-via Santa Caterina da Siena deroga per i veicoli in uscita dalle autorimesse). Termine previsto le 8 del primo dell’anno.

ALTRE MODIFICHE. Collegati a questi divieti di transito saranno istituiti, dalle 19.30, una serie di ulteriori provvedimenti di viabilità. Si inizia in piazza Stazione dove sarà creato un corridoio a doppio senso, protetto e delimitato da transenne, per il transito dei veicoli di soccorso e polizia che colleghi l’area dedicata alla sosta dei taxi (lato “scalette”) a via Valfonda (con assoluto divieto di transito per i pedoni). In via del Giglio dal lato di via dei Banchi all’immissione in via Panzani sarà istituito l’obbligo di svolta a destra mentre nel tratto tra via Panzani e via del Melarancio sarà istituito un senso unico verso quest’ultima via. In via dei Cerretani alla confluenza con via Rondinelli scatterà l’obbligo di svolta a sinistra in direzione di via dei Rondinelli per i veicoli provenienti lato piazza Santa Maria Maggiore. In via Faenza (tratto piazza Aldobrandini – via Nazionale) sarà consentito il transito ai mezzi pubblici e autorizzati ZTL con abbassamento dei pilomat: previsto inoltre un senso unico in Fiume (direttrice largo Alinari-piazza Adua) e via degli Orti Oricellari (nel tratto fra piazza Stazione e via della Scala con direttrice verso via della Scala). Previsto un divieto transito in via del Moro (da Piazza Goldoni a via Palchetti).
E ancora divieto di transito in piazza Piave, lungarno della Zecca e piazza Cavalleggeri con deroga per i veicoli autorizzati ZTL in uscita città con direzione Ponte alle Grazie – Piazza Piave. Infine sarà istituito un divieto di sosta in via Paolieri, dalle 19.30 di lunedì 31 dicembre fino alle 8 del primo dell’anno.
Infine, l’accesso dei parcheggi sotterranei di piazza Stazione (i veicoli presenti potranno comunque uscire soltanto da via Alamanni-via Santa Caterina) e del Mercato Centrale saranno chiusi a partire dalle 19.30.

Zona a traffico limitato no stop

Confermato anche il prolungamento della zt dalle 19.30 del 31 dicembre fino alle 8 del 1° gennaio. La limitazione del traffico – spiega ancora Palazzo Vecchio – rimarrà quindi in vigore dalle 7.30 di lunedì fino alle 8 di martedì sull’area compresa nella cerchia dei viali, Oltrarno compreso (settori A e B + Piazza Piave-lungarno Zecca Vecchia-piazza Cavalleggeri). Le porte telematiche saranno quindi accese e saranno valide le autorizzazioni in vigore in occasione della normale ztl con l’aggiunta di ulteriori deroghe tra le quali per i veicoli dei residenti sarà consentito il transito contemporaneo anche per le seconde auto il cui numero di targa è riportato sul permesso cartaceo in loro possesso. In caso di eventuale controllo della Polizia Municipale sarà sufficiente mostrare la carta di circolazione attestante la residenza all’interno della ztl.

Trasporto pubblico

La tramvia funzionerà no stop per tutta la notte con una frequenza di 9 minuti: il capolinea dalle 19.30 sarà spostato alla Leopolda perché il palco sarà montato sotto la linea elettrica che quindi deve essere disattivata.

Nella giornata del 31 dicembre le linee dei bus che raggiungono e passano dalla stazione subiranno deviazioni, limitazioni e modifiche a partire dalle 19 per consentire l’allestimento del concerto (dal 27 dicembre al 3 gennaio il capolinea Stazione Galleria area taxi della linea D e del Volainbus saranno spostati alla fermata Stazione Scalette per il montaggio/smontaggio del palco). Il servizio regolare Ataf terminerà alle 20. Dalle 21 il centro sarà raggiungibile grazie al servizio navette gratuito (l’anno scorso iniziava alle 21.30) che andrà avanti fino alle 3 del primo dell’anno. Quattro mezzi che collegheranno le zone esterne alla ztl dove si trovano i parcheggi al centro: ovvero Parterre-San Marco; piazza Ferrucci-Ponte alle Grazie-piazza Beccaria; piazza Puccini-Porta al Prato; Porta Romana-piazza Frescobaldi. La frequenza sarà di 20 minuti circa. Per ulteriori informazioni e aggiornamenti sul servizio di capodanno: www.ataf.net oppure www.twitter.com/ataffirenze o la pagina facebook www.facebook.com/firenzeataf.

Ultime notizie

Palestra artistica alle Murate: un luogo dove “allenare” il talento

Perché non allenare anche il proprio talento? A Le Murate è nata la Palestra artistica, dove gli attrezzi sono penna, pennello e scalpello

Teatro del Maggio: l’ultimo Barbiere di Siviglia (prima dello stop)

Il Barbiere di Siviglia è l'ultima opera in programmazione al Teatro del Maggio prima dello stop alle rappresentazioni teatrali imposte dal governo a causa del coronavirus.

Cinema chiusi per Covid, film già visto: “No al Dpcm, sì a misure locali”

Le piccole sale rischiano grosso dopo l'ennesima chiusura per l'emergenza Covid. Abbiamo sentito il presidente di Spazio Alfieri, uno tra i cinema d'essai più conosciuti a Firenze

Quante persone possono partecipare ai funerali: regole del dpcm Covid

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 24 ottobre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto