domenica, 26 Giugno 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaBallottaggio elezioni comunali 2022: quando...

Ballottaggio elezioni comunali 2022: quando si vota e come funziona

Chi può votare, com'è fatta la scheda, quando e perché è previsto il secondo turno per scegliere il sindaco: i dubbi più comuni sul ballottaggio delle elezioni comunali 2022

-

Un nuovo weekend alle urne. Si avvicina l’appuntamento con il ballottaggio delle elezioni comunali 2022, quando si vota per scegliere il nuovo sindaco in 13 capoluoghi di provincia italiani, tra cui Verona, Como, Parma, Viterbo, Catanzaro e – in Toscana – Lucca e Carrara: ecco la data, gli orari e come funziona la votazione per il sindaco al secondo turno.

Per quali comuni è previsto e dove si va al ballottaggio per le amministrative

Per quanto riguarda le elezioni comunali il ballottaggio è previsto nelle città con più di 15.000 abitanti dove, lo scorso 12 giugno 2022, nessuno dei candidati sindaco è riuscito a raggiungere il 50% più uno dei voti. Perché si fa il ballottaggio? È stato introdotto nell’ordinamento italiano dal 1993, in modo tale che il primo cittadino eletto alle amministrative sia effettivamente espressione della maggioranza degli elettori. Nel caso in cui siano presenti molti candidati può infatti succedere che chi ha ottenuto il numero maggiore di voti si fermi comunque a una bassa percentuale (ad esempio al 20%) e che rappresenti così solo una fetta molto limitata della popolazione (seguendo il nostro esempio un quinto di chi è andato a votare).

Per le elezioni comunali 2022 sono molto attesi i risultati in una decina di grandi città dove si va al ballottaggio. Tra queste Verona, finora governata dal centrodestra, dove l’ex calciatore Damiano Tommasi (centrosinistra) e l’assessore uscente Federico Sboarina (Fratelli d’Italia e Lega) al primo turno erano divisi da 8mila voti. In Toscana gli unici due comuni in cui è previsto il ballottaggio sono Lucca, in bilico tra centrosinistra (Francesco Raspini, 42,65%) e centrodestra (Mario Pardini al 34,35%), e Carrara dove si sfidano Serena Arrighi del centrosinistra (29,92% delle preferenze lo scorso 12 giugno) e Simone Caffaz sostenuto da Lega e Fratelli d’Italia e apparentato per il secondo turno con Forza Italia (18,93%). Nel resto d’Italia si vota per il ballottaggio 2022 anche ad Alessandria, Cuneo, Como, Gorizia, Monza, Piacenza, Parma, Viterbo, Frosinone, Catanzaro e Barletta.

Data e orari: quando si vota per il ballottaggio delle elezioni comunali 2022

La legge stabilisce che le date del secondo turno per scegliere il nuovo sindaco vengano fissate 14 giorni dopo le prime votazioni amministrative, dando così la possibilità di una campagna elettorale “flash” dei candidati: nel caso delle elezioni comunali 2022 il ballottaggio si fa sempre in una data e si vota domenica 26 giugno, con lo stesso orario del primo turno (dalle ore 7 alle 23), lunedì invece i seggi saranno chiusi.

L’affluenza sarà rilevata in due orari (ore 12 e 23) del 26 giugno e lo spoglio delle schede inizierà domenica subito dopo la chiusura dei seggi: i risultati dei ballottaggi 2022 sono quindi previsti nel giro di poche ore, durante la notte. Per quanto riguarda chi lavora ai seggi, il compenso degli scrutatori per il ballottaggio è lo stesso di una normale votazione per il primo turno delle comunali.

Come funziona e come si vota al ballottaggio delle elezioni comunali 2022:  scheda e apparentamento

Come detto al ballottaggio vanno i 2 candidati sindaco che hanno ottenuto la maggiore percentuale di preferenze al primo turno e anche capire come si vota è piuttosto semplice: per il secondo turno la scheda di colore celestre prevede due rettangoli con i rispettivi nomi dei candidati e sotto i simboli delle liste collegate e quando si vota basta tracciare un segno sul candidato prescelto.

Attenzione, al ballottaggio delle amministrative non si votano o si danno preferenze per i consiglieri comunali, ma si sceglie solo il candidato sindaco: per il Consiglio comunale i risultati definitivi delle urne sono quelli ottenuti durante le date del primo turno. E come funziona l’apparentamento delle liste per il ballottaggio delle comunali? Al secondo turno restano fermi i collegamenti con le liste e i partiti dichiarati al primo turno, ma i candidati sindaco entro 7 giorni dalla prima votazione (quindi entro lo scorso 19 giugno) hanno avuto la possibilità di dichiarare l’apparentamento con altre liste, sempre che quest’ultime siano state concordi all’alleanza. I fac-simile della scheda elettorale per il ballottaggio 2022 delle comunali sono disponibili sui siti delle Prefetture o dei Comuni interessati dal secondo turno.

Ballottaggio 2022 Lucca scheda Facsimile amministrative
Il fac-simile della scheda per il ballottaggio 2022 a Lucca

Chi può votare al secondo turno e le regole per i neo-maggiorenni

Anche chi non ha votato al primo turno delle comunali può partecipare al voto durante il ballottaggio, basta presentarsi al seggio con la tessera elettorale (qui spieghiamo come fare in caso di smarrimento) e un documento di identità valido. È previsto il voto domiciliare nel caso non si possa lasciare l’abitazione per motivi di salute. E i neo diciottenni? Secondo la normativa non sono ammessi alle votazioni del ballottaggio delle comunali i cittadini minorenni al momento del primo turno e che nel frattempo abbiano compiuto 18 anni, ma solo quelli che erano già maggiorenni lo scorso 12 giugno. Aggiornamenti sul sito del Ministero dell’Interno.

Ultime notizie