venerdì, 4 Dicembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Blocco traffico a Firenze: stop...

Blocco traffico a Firenze: stop alle auto più inquinanti

Divieto di circolazione per i veicoli a benzina e diesel più vecchi, limitato anche l’orario in cui si possono tenere accesi gli impianti di riscaldamento. I dettagli dei provvedimenti

-

Scatta il piano antismog, con il blocco del traffico nel territorio del Comune di Firenze e di altre 7 città della piana fiorentina (Calenzano, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa, Lastra a Signa, Scandicci e Bagno a Ripoli) nei primi giorni del 2020: le ordinanze delle amministrazioni comunali impongono il divieto di circolazione ai mezzi più  inquinanti e limitano gli orari in cui è possibile tenere accesi i termosifoni. Stop poi a stufe a legna e ai caminetti.

Blocco del traffico a Firenze, fino a quando

Il provvedimento entra in vigore quando vengono sforati per più giornate consecutive i limiti di pm 10 (le polveri sottili) e quando non sono all’orizzonte miglioramenti per la qualità dell’aria. A Firenze e nel cosiddetto “agglomerato urbano” lo stop ai mezzi più vecchi e inquinanti è scattato mercoledì 8 gennaio e dura fino a domenica 12 gennaio 2020.

Aggiornamento: il blocco del traffico a Firenze è stato prorogato fino al 18 gennaio.

Secondo i dati di Arpat, le centraline hanno rilevato nell’ultima settimana 5 superamenti dei valori limite giornalieri delle pm 10, mentre per i prossimi giorni non sono previste condizioni meteo che permetteranno di ripulire l’aria dall’inquinamento atmosferico.

Auto a benzina e diesel, euro 1 e 2:  il divieto di circolazione e gli orari

Vediamo nel dettaglio le misure. Il blocco del traffico all’interno dei centri abitati di Firenze e delle aree limitrofe (Calenzano, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio, Signa, Lastra a Signa, Scandicci e Bagno a Ripoli) riguarda:

  • le macchine a benzina euro 1;
  • le auto diesel euro 2 e 3;
  • i veicoli per il trasporto merci che viaggiano a diesel (euro 1 ed euro 2);
  • i motocicli a 2 tempi euro 1.

Gli orari del divieto di circolazione, in vigore fino a domenica 12 gennaio anche se le condizioni meteo miglioreranno, vanno dalle 8.30 alle 12.30 e dalle 14.30 alle ore 18.30.

Smog: riscaldamento, stufe e caminetti

Le ordinanze dei Comuni prevedono anche il divieto di accendere nelle abitazioni caminetti, stufe, termocamini o termostufe alimentati a legna, sempre che non rappresentino il principale sistema di riscaldamento dell’immobile. Questi sistemi sono infatti quelli che inquinano di più (per approfondire vedi la scheda qui sotto). Ridotto anche l’orario in cui gli impianti di riscaldamento possono rimanere accesi, per un massimo di 8 ore al giorno.

Smog: 4 cose che (forse) non sai sull’inquinamento atmosferico

Blocco del traffico a Firenze: le esenzioni

Lo stop alla circolazione non riguarda le auto che trasportano almeno 3 persone a bordo (car pooling), i veicoli al servizio delle persone invalide, quelli usati per il trasporto di persone verso le strutture sanitarie per sottoporsi a visite mediche, terapie e analisi programmate (in possesso della certificazione medica), le auto delle forze dell’ordine e dei vari servizi pubblici. Qui l’elenco dettagliato delle esenzioni al blocco del traffico fiorentino.

Per quanto riguarda gli impianti di riscaldamento le misure anti-smog non interessano ospedali, cliniche, case di cura, alberghi, piscine, saune, centrali operative delle forze dell’ordine, impianti a ciclo produttivo continuo.

Ultime notizie

Quante persone possono partecipare ai funerali: il Dpcm Covid e le regole

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 4 novembre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto

Zona arancione e rossa, visita ai congiunti: si può andare fuori comune?

Si possono vedere i congiunti che abitano in Comuni diversi, anche a Natale e Capodanno? E si possono portare i bambini dai nonni? Le regole del Dpcm del 3 dicembre 2020

Cambio di colore per le regioni, oggi l’ordinanza: zona rossa e arancione, chi cambia

Cambio di colore in vista per 9 regioni: zona rossa, arancione e gialla, chi cambia e quando si saprà

Santa Barbara e il “Diario di un artigliere”

Il 4 dicembre, fin dal Medioevo, veniva festeggiata Santa Barbara vergine e martire, da subito invocata a proteggere dai fulmini e, di conseguenza, dalla “mala morte” in quanto un folgorato moriva improvvisamente, all’istante, senza il tempo di prepararsi cristianamente al trapasso.