giovedì, 24 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Cosa prevede in Toscana la...

Cosa prevede in Toscana la nuova ordinanza per il coronavirus

Chi può fare il tampone? A chi rivolgersi? Quando andare in ospedale? I turisti hanno diritto alle cure? Ecco quanto prevede l'ordinanza della Regione Toscana su Covid-19

-

Cure e assistenza anche per i turisti, test con il tampone solo per i casi sospetti, il ricovero in ospedale come risorsa estrema. In Toscana sono arrivo novità per la gestione dell’allerta sanitaria legata al coronavirus: il presidente della Regione Enrico Rossi ha firmato una nuova ordinanza con provvedimenti in materia di prevenzione  e cura del Covid-19. Il documento è stato stilato seguendole linee guida del Ministero della Salute. Ecco nel dettaglio cosa prevede.

Coronavirus in Toscana: cosa fare se si ha febbre, tosse e sintomi influenzali

I cittadini con sintomi influenzali come ha febbre e tosse dovranno rivolgersi sempre al proprio medico di famiglia, preferibilmente via telefono. Solo chi ha questa sintomatologia ed è stato di recente in una zona rossa (come quelle della Cina o del Nord Italia) può chiamare i numeri messi a disposizione dalle Asl.

Quando fare il tampone per il coronavirus, le regole in Toscana

In Toscana i test e i tamponi sul coronavirus continueranno a essere fatti solo sui casi sospetti, in base alle disposizioni nazionali. Dovranno quindi esserci queste due condizioni: presentare sintomi riconducibili a una possibile infezione da coronavirus (febbre, tosse, insufficienza respiratoria) ed essere rientrati da una zona a rischio oppure aver avuto contati stretti con persone contagiate. In parole povere non verrà fatto il tampone per il coronavirus a chi ha solo febbre ma non è stato in aree rosse.

Cosa fare se la paura è più contagiosa del coronavirus

Prevenzione, assistenza e cura per turisti e studenti stranieri

Si aggiunge poi un nuovo tassello. A tutti gli stranieri che sono presenti in Toscana per motivi di studio e di ricerca e per turismo la Regione garantirà l’acceso ai percorsi di prevenzione e cura del coronavirus. In pratica anche loro potranno essere sottoposti a tampone, ma solo se soggetti a rischio (se provengono dalle zone rosse e presentano sintomi). “Anche per loro – ha annunciato il presidente Enrico Rossi – garantiremo la stessa copertura sanitaria, gli stessi percorsi assistenziali e le stesse cure definite e assicurate a tutti i cittadini della Toscana”.

Limitare le visite nelle case di riposo toscane

Intanto dalla Regione Toscana arriva anche un’indicazione per i responsabili delle residenze sanitarie assistite che ospitano gli anziani, i soggetti più esposti alle complicazioni del coronavirus a causa dell’età avanzata e dell’eventuale presenza di altre patologie. L’invito è quello di ridurre il più possibile le visite ai ricoverati nelle Rsa, possibilmente limitandole a una sola persona al giorno per ciascun ospite ricoverato.  Raccomandazioni anche per gli operatori degli ospedali, in modo che diminuiscano l’ingresso improprio di ospiti o utenti.

Ultime notizie

Smart working: cosa cambia dopo il 15 ottobre (senza la proroga)

Le regole per il lavoro agile nel settore privato e quelle per i genitori con meno di 14 anni

Torna La rondine di Puccini al Teatro del Maggio Fiorentino

La stagione lirica del teatro fiorentino continua, dopo il successo del Rinaldo, con "La Rondine" di Giacomo Puccini

Maglieria uomo, tutte le novità per l’autunno

È arrivato il momento del cambio di stagione: i consigli su come "rinfrescare" il proprio guardaroba

Firenze Marathon 2020 annullata, la maratona torna nel 2021

Quando si terrà la 37esima edizione della gara e cosa succede per chi ha già fatto l'iscrizione