mercoledì, 23 Giugno 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaDal 14 al 21 giugno...

Dal 14 al 21 giugno nuovi lavori per proteggere la basilica di Santo Spirito

Va avanti il piano del Comune di Firenze. Intanto la piazza è stata al centro di un laboratorio dell'Università.

-

Il Comune di Firenze porta avanti i lavori per la tutela della basilica di Santo Spirito, luogo molto frequentato dai giovani. È infatti prevista, nella settimana dal 14 al 21 giugno, la realizzazione di una cordonatura lungo il sagrato. È l’altro tassello, dopo l’installazione di nove chiodi fiorentini a fianco della chiesa, del piano per tutelare la Basilica contenuto nella delibera approvata in Giunta su proposta del vicesindaco Alessia Bettini.

I lavori per la basilica di Santo Spirito per la messa in sicurezza

Il piano prevede una serie di interventi di valorizzazione del contesto urbano e delle condizioni di fruibilità in sicurezza della piazza. Il vicesindaco Bettini si è detta soddisfatta per gli interventi e ha spiegato che sono in fase di predisposizione le procedure necessarie per l’avvio del cantiere per installare una delimitazione del sagrato con una cordonatura. Lo slittamento rispetto all’iniziale previsione è dettato sia da questioni di approvvigionamento dei materiali sia da un confronto con la Soprintendenza che è proseguito dopo la fase autorizzativa vera e propria, andando avanti anche in fase di realizzazione e determinando alcuni affinamenti progettuali.

Le questioni aperte: posti auto per i residenti e corso di restauro della facoltà di architettura dell’Università di Firenze

Tra le questione anche quella dei posti auto per i residenti: “Sono in corso – ha spiegato Bettini – sopralluoghi da parte dei tecnici della mobilità assieme alla polizia municipale per recuperare posti auto per i residenti”. Piazza Santo Spirito è stata anche al centro di un corso del laboratorio di Restauro 2 del corso di laurea magistrale a ciclo unico in architettura dell’Università di Firenze. Come spiegato da Bettini sono arrivate tante proposte da parte degli studenti. Il Comune probabilmente organizzerà un momento pubblico di diffusione degli elaborati progettuali degli studenti.

Ultime notizie