mercoledì, 30 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Firenze: al via test sierologico...

Firenze: al via test sierologico del coronavirus per tutti, prenotazione online

Test sierologico degli anticorpi per scoprire se si è positivi al coronavirus: al via per tutti i residenti a Firenze, prenotazioni online

-

Un test sierologico degli anticorpi per scoprire se si è positivi al coronavirus disponibile per tutti i residenti a Firenze e in molti comuni della provincia: al via mercoledì 1° aprile la prenotazione sul sito CupSolidale.it, a prezzo calmierato di 25 euro (55 euro per eseguirlo a eseguire a casa).

Quello che si potrà prenotare è un test sierologico rapido qSars-CoV-2 IgG/IgM Covid 19. Non è il tampone, di cui si sente spesso parlare in questi giorni.

Si tratta invece di un esame sierologico sul sangue che può rilevare la presenza degli anticorpi al coronavirus. Nel caso in cui ci siano gli anticorpi specifici Sars-Cov2 nel nostro sangue, è assai probabile che si sia contratto il coronavirus, anche se non se ne sono manifestati i sintomi.

L’iniziativa è della startup fiorentina di prenotazioni sanitarie private online CupSolidale.it che ha raggiunto un accordo con una rete di laboratori di analisi accreditati privati e gestirà in esclusiva l’organizzazione del sistema di prenotazione su appuntamento.

CupSolidale.it ha deciso di non trattenere alcuna commissione per il servizio svolto.

Cup solidale, cos’è e come prenotare una visita

Test sierologico coronavirus, chi lo può fare?

La prenotazione è aperta a tutti i residenti nel comune di Firenze. Possono fare il test sierologico per coronavirus anche i residenti di alcuni comuni limitrofi a Firenze. Questo l’elenco completo dei Comuni in cui è possibile effettuare il test a domicilio:

  • Firenze
  • Bagno a Ripoli
  • Pontassieve
  • Fiesole
  • Scandicci
  • Signa
  • Lastra a Signa
  • Calenzano
  • Campi Bisenzio
  • Empoli
  • Impruneta
  • San Casciano
  • Sesto Fiorentino
  • Vaglia

La mappa del contagio in Toscana

Come prenotare il test per il coronavirus

Si può prenotare esclusivamente online a partire da mercoledì 1 aprile all’indirizzo https://www.cupsolidale.it/test-covid19.

Attenzione: per prenotare l’esame è necessaria la richiesta del medico curante. Anche una ricetta “bianca” è sufficiente.

Al momento della prenotazione si potrà scegliere una tra le strutture sanitarie convenzionate per eseguire il test. Per potersi recare nella struttura scelta non bisogna avere sintomi né essere in regime di quarantena.

Ma si può anche scegliere di eseguire il test a casa, nel caso in cui si accusino sintomi influenzali o non si possa uscire per altri motivi. Nei prossimi giorni sarà infatti possibile richiedere il test a domicilio dall’indirizzo https://www.cupsolidale.it/test-covid19-domicilio.

Gli appuntamenti saranno erogati secondo orari precisi e scaglionati, così da evitare assembramenti. Bisogna presentarsi all’appuntamento 15 minuti in anticipo, con autocertificazione e riepilogo della prenotazione (che verrà notificata via mail).

Durante l’attesa si dovrà sempre mantenere la distanza di sicurezza di un metro.

La risposta sarà poi disponibile in poche ore con un referto scaricabile dal portale dedicato.

Coronavirus, i test: tampone o analisi del sangue e degli anticorpi?

Quanto costa il test degli anticorpi

CupSolidale.it ha chiesto e ottenuto dai soggetti privati coinvolti un prezzo calmierato del kit.  Il costo del test è di 25 euro. Quello del test a domicilio è di 55 euro.

Anche il pagamento avviene online, direttamente sul sito di CupSolidale.it.

Come funziona il test sierologico per coronavirus

Il test qSars-CoV-2 IgG/IgM è un test diagnostico immunocromatografico per il rilevamento qualitativo di anticorpi IgG ed IgM di COVID-19. Si esegue con il prelievo di una piccola quantità di sangue, effettuato da personale medico. È un test certificato dall’Unione Europea e già validato in diverse regioni.

Il test rileva l’eventuale presenza degli anticorpi IgM e IgG specifici del COVID-19 che sono prodotti dall’organismo in presenza dell’infezione. Se ci sono gli anticorpi, è segno che si è (o si è stati) contagiati dal coronavirus.

Questa tipologia di test serve a misurare la reazione dell’organismo al virus e quindi fornisce informazioni importanti sulla sua risposta immunitaria. La presenza di anticorpi IgM nel sangue rivela che l’infezione virale è in corso. Gli anticorpi IgG sono quelli che conservano memoria del virus e proteggono il soggetto nel caso ne venga nuovamente a contatto.

Per le immunoglobuline G (IgG), la cui presenza rivela un’infezione pregressa il test ha una sensibilità relativa del 100%, una specificità relativa del 98% e un’accuratezza del 98,6%.

Per le immunoglobuline M (IgM), che invece segnalano che l’infezione è in atto il test ha una sensibilità relativa dell’85%, specificità relativa 96% e accuratezza del 92,9%.

Dove fare il test per il coronavirus a Firenze

Le strutture sanitarie in cui è possibile prenotare il test sierologico per il coronavirus tramite CupSolidale.it sono:

  • Nuova Igea (Firenze)
  • Salus Medica (Firenze)
  • Istituto Medico Nord Firenze (Firenze)
  • Misericordia di Sesto Fiorentino (Sesto Fiorentino)
  • Misericordia di San Casciano (San Casciano)
  • Studi Medici Arcobaleno (Casalguidi)

Ultime notizie

Concorso straordinario scuola 2020: il calendario delle prove, tutte le date

Quando si terranno i test per i docenti precari delle scuole medie e superiori

Gli effetti del coronavirus su Firenze (e le prospettive per il futuro)

Dall'overturism all'azzeramento dei flussi. I problemi dell'export e la zavorra della burocrazia. Intervista al professor Aiello, economista e docente dell’Università di Firenze

Collaboratori sportivi, arriva il bonus da 600 euro per giugno 2020

Pubblicato, dopo più di un mese di ritardo, il decreto attuativo: come funziona l'indennità e come fare domanda alla società Sport e Salute

Trekking: la rinascita della “Via degli Dei”, da Firenze a Bologna

Da Bologna a Firenze a piedi, attraversando l’Appennino: è la Via degli Dei, un percorso dalla storia millenaria. Firmato un protocollo per promuovere il turismo slow