domenica, 23 Giugno 2024
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaCon la nuova tramvia stop...

Con la nuova tramvia stop agli autobus in piazza San Marco

Il primo viaggio (di prova) tra piazza San Marco e viale Lavagnini è stato l'occasione per fare il punto sui lavori per la nuova tratta che porterà il tram in centro storico

-

- Pubblicità -

Primo miglio per la “nuova” tramvia di Firenze, quella che estenderà il percorso delle linea 2 da piazza dell’Unità a piazza della Libertà e piazza San Marco. Domenica 26 maggio si è svolto il primo viaggio di test della VACS (variante al centro storico) tra piazza San Marco e via Lavagnini, mentre resta ancora da completare l’ultimo tratto di binari, che interessa via La Marmora e via La Pira. Dopo i ritardi nei lavori, il Comune mira ad attivare il nuovo tratto di tramvia ad agosto, prima dell’inizio dell’anno scolastico, con la rimodulazione delle linee degli autobus che non passeranno più da San Marco.

Il test da San Marco: quando la fine dei lavori

Questo viaggio di test della nuova tratta della tramvia fiorentina segue la prima prova su rotaia di fine aprile, che però riguardò un tratto più limitato, tra piazza dell’Unità e piazza della Libertà, fino alla fermata davanti al Parterre. Domenica 26 maggio il tram, con a bordo tra gli altri il sindaco Dario Nardella e l’assessore alla Mobilità Stefano Giorgetti, è partito da piazza San Marco e ha percorso via Cavour, piazza della Libertà e viale Lavagnini. Qui si è svolta la cerimonia di intitolazione della fermata Lavagnini-Fortezza a Beppe Matulli, ex vicesindaco e “padre” del progetto del tram.

- Pubblicità -

“Grazie alle ditte che hanno lavorato alacremente per rispettare i tempi – ha commentato il sindaco Nardella -. Oggi, dopo più di mezzo secolo la tramvia torna nel centro storico della città, è un giorno memorabile. Contiamo di finire nell’arco di un mese così da avere il tragitto completato per le prove. E’ un traguardo storico. Grazie alla tramvia riqualifichiamo piazza San Marco e via Cavour, l’intero quadrante di accesso al centro storico da nord”. Dopo la conclusione dei lavori per la VACS, saranno necessari i collaudi, sotto la supervisione dei tecnici del Ministero dei Trasporti, prima del via libera ai passeggeri.

Cosa cambierà con la nuova tramvia di Firenze: la linea 2 arriverà in piazza San Marco

La nuova tratta della tramvia (chiamata nei progetti VACS, variante al centro storico di Firenze) è lunga 2,5 chilometri per 6 fermate ed è stata progettata per portare la T2 fino a San Marco dopo lo stop del passaggio dei binari dal Duomo di Firenze. Una volta conclusi i cantieri quindi il tracciato non sarà utilizzato da una nuova linea, ma diventerà un’estensione della T2 proveniente dall’aeroporto: arrivati all’attuale capolinea di piazza dell’Unità, i convogli proseguiranno verso la Fortezza da Basso, lungo i binari che al momento sono usati soltanto dalla T1.

- Pubblicità -

Dopo la fermata “Fortezza” il tram imboccherà il nuovo itinerario, passando in viale Lavagnini (dove sono state realizzate due fermate), arriverà in piazza della Libertà fermandosi davanti al Parterre. Poi imboccherà via Cavour, anche qui con una fermata, transiterà in piazza San Marco facendo uno stop dal lato del Gran Caffè e tornerà indietro viaggiando in via La Pira e via La Marmora, con una fermata in quest’ultima strada. Proprio il tratto finale è in via di ultimazione. Qui il percorso completo della VACS.

Addio agli autobus

La cura del ferro della nuova tramvia nei piani del Comune libererà piazza San Marco dal passaggio degli autobus. “Stiamo già lavorando anche con Autolinee Toscane perché ci sia una forte interconnessione tra le linee tramviarie e il sistema di bussini in modo che la mobilità pubblica non venga mai interrotta – ha spiegato Nardella – quando avremo a regime il tram da piazza San Marco non passeranno più gli autobus, ogni giorno ne passano 1.800“.

- Pubblicità -

Intanto sono scattati i primi cantieri per un’altra nuova porzione della tramvia di Firenze, la linea 3 che partirà da piazza della Libertà per arrivare a Bagno a Ripoli. I lavori sono iniziati dai parcheggi scambiatori tra viale Europa e via Pian di Ripoli ed è cominciata la bonifica bellica per realizzare il nuovo ponte tra Gavinana e Bellariva che sarà usato dalle auto. L’obiettivo, una volta completate tutte le nuove linee della tramvia “è arrivare a 85 milioni di passeggeri all’anno con eliminazione di ben 65 mila auto dalle strade di Firenze ogni giorno” ha detto Nardella.

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -