lunedì, 22 Aprile 2024
- Pubblicità -
HomeSezioniCronaca & PoliticaIl progetto per l'Esselunga in...

Il progetto per l’Esselunga in via Mariti a Firenze, nell’ex Panificio Militare

Cosa prevede il piano di recupero dell'area dove si è verificato il grave incidente sul lavoro: supermercato, parco, parcheggi sotterranei e in superficie

-

- Pubblicità -

Il cantiere dell’ex Panificio Militare di Firenze, interessato dal progetto per la costruzione di un nuovo supermercato Esselunga in via Mariti, si trova alla periferia ovest della città: qui si è verificato il crollo di travi di cemento che ha causato la morte di 4 operai. La zona al centro della riqualificazione, che mira a creare oltre a un supermarket anche un parco pubblico e parcheggi, è compresa tra via Filippo Mariti, via del Ponte di Mezzo (praticamente davanti al cinema-teatro Manzoni), via dei Marignolli e via Giovanni da Empoli. Un fazzoletto di terra grande circa 10.000 metri quadrati che per mezzo secolo è rimasto in stato di abbandono. Parte del quartiere da anni attendeva l’apertura della nuova Esselunga, mentre il comitato dei cittadini per l’ex Panificio Militare ha criticato a più riprese il progetto chiedendo che qui fosse realizzato solo un grande giardino.

Cos’è l’ex Panificio militare di Firenze

Secondo il progetto, la nuova Esselunga di via Mariti sorgerà al posto dell’ex Panificio militare di Firenze, complesso costruito nel primo ventennio del ‘900 per fornire cibo e beni di prima necessità alle strutture dell’esercito presenti in città. Le varie palazzine sono state usate per questa funzione fino al 1936, poi il Panificio militare è diventato un magazzino-rimessa e infine è stato dismesso alla fine degli anni ’70 finendo in completo abbandono. Per decenni ha rappresentato un “buco nero” nel quartiere compreso tra Rifredi e Novoli.

- Pubblicità -

Per lungo tempo si è discusso del possibile futuro di questo scatolone di cemento. Una storia infinita, fatta di polemiche, ricorsi, cantieri e ritardi. Nel 2002 il Ministero della Difesa ha venduto l’area dell’ex Panificio militare di Firenze al colosso dell’edilizia Baldassini Tognozzi Pontello e nel 2013 (dopo i problemi giudiziari e il crack del gruppo) è stato acquistato da Esselunga. Secondo il primo progetto dell’epoca Baldassini Tognozzi Pontello qui, oltre a un grande supermercato, dovevano nascere 240 appartamenti, parcheggi e un centro civico con un grattacielo alto 45 metri, ampliando i volumi che già esistevano. Alcuni cittadini si organizzarono in un comitato contro il piano di riqualificazione e ci fu anche uno scontro con il Comune che bloccò i lavori con una lunga scia di carte bollate.

Il progetto per l’Esselunga in via Mariti, nell’ex Panificio militare di Firenze

Un nuovo capitolo per l’ex Panificio Militare di Firenze si è aperta nel 2013 con il passaggio  del complesso ad Esselunga e con l’approvazione cinque anni dopo da parte del Comune di Firenze del piano di recupero: il progetto (in fase di realizzazione al momento del crollo) ha tagliato i volumi dell’area di via Mariti, da 10.000 metri quadrati a 8.000. Il piano prevede la realizzazione di un supermercato grande 2.500 metri quadrati con la facciata in intonaco e pietra, ma anche di un parcheggio sotterraneo con 2 livelli interrati a servizio dell’Esselunga (per circa 526 posti) e un posteggio in superficie di 2.100 metri quadrati con accesso e uscita da via Mariti.

- Pubblicità -

Parco Esselunga Panificio Militare

Inoltre, per l’apertura della nuova Esselunga, il progetto prevede la realizzazione di un parco da 3.100 metri quadrati all’angolo tra via Ponte di Mezzo e via Mariti, con i lavori a carico della catena di supermarket, a cui si aggiungono cantieri per oltre 4 milioni di euro per la riqualificazione della zona circostante. Nel “pacchetto” degli oneri di urbanizzazione ci sono nuove piste ciclabili, una nuova rotonda, la sistemazione del verde pubblico.

- Pubblicità -

Si allontana l’apertura dell’Esselunga di via Mariti

Al seguito del crollo nel cantiere di via Mariti, uno dei più gravi incidenti sul lavoro avvenuti a Firenze negli ultimi anni, il cantiere dell’ex Panificio Militare è al centro delle indagini della Procura per capire cosa sia successo. Una pesante trave di cemento armato al terzo livello della struttura ha ceduto, trascinando con sé altre travi e solai. Una nuova tegola sul progetto di riqualificazione dell’ex Panificio Militare di Firenze portato avanti da Esselunga, che vede ancora allontanarsi la data di apertura di questa area ai cittadini.

 

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -

Ultime notizie

- Pubblicità -
- Pubblicità -
- Pubblicità -