giovedì, 4 Giugno 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Il piano salva-ristoranti: Firenze taglia...

Il piano salva-ristoranti: Firenze taglia le tasse, suolo pubblico gratis

Il sindaco di Firenze annuncia i primi aiuti per bar, ristoranti e locali, in vista della fase 2. E al governo chiede i fondi per azzerare anche la tassa sui rifiuti

-

No alla riapertura per la fase 2 se questo vuol dire meno clienti ma più costi, dicono i gestori di ristoranti, bar e locali pubblici di Firenze e della Toscana. Taglio delle tasse e suolo pubblico gratuito per mettere sedie e tavoli in strade e piazze, propone intanto il sindaco Dario Nardella, indicando la città di Dante come piazza sperimentale a livello nazionale per un nuovo modo di vivere la socialità ai tempi del coronavirus: all’aperto e con le dovute distanze di sicurezza.

Il primo cittadino di Firenze ha incontrato una delegazione dei ristoratori e ha delineato un primo pacchetto di misure, chiedendo fondi al governo per cancellare anche la Tari, la tassa dei rifiuti il cui pagamento è stato prorogato al 30 giugno, e per trovare un accordo nazionale sugli affitti calmierati di negozi e fondi. Secondo il calendario definito dall’esecutivo bar e ristoranti riapriranno in tutta Italia dal 1° giugno, prima è consentito solo il take away.

Suolo pubblico gratuito per i tavoli dei ristoranti

“Non posso immaginare Firenze senza bar e ristoranti, pensare al rischio del loro fallimento e a più di 30mila persone che perderebbero il lavoro – scrive Nardella su Facebook – voglio aiutarli, per quanto posso, intanto con un piano di concessione di ulteriore suolo pubblico gratuito, per tavolini e sedie, e con la cancellazione della COSAP per questi mesi di chiusura”. La misura non riguarderà i dehors ma solo i tavoli posizionati temporaneamente all’esterno, per far crescere il numero di coperti dei locali, rispettando allo stesso tempo le distanze di sicurezza.

La parola d’ordine in città è “Restate a casa”, ha spiegato il sindaco incontrando i giornalisti fuori da Palazzo Vecchio, ma quando si esce dalla propria abitazione, i luoghi di socializzazione devono essere “quanto più possibile all’aperto, al sole e al caldo se vogliamo convivere e combattere il virus”.

Firenze e la nuova vita all’aperto, per combattere il coronavirus

Nei giorni scorsi sempre la giunta fiorentina ha avanzato la proposta di organizzare centri estivi open air per piccoli gruppi di bambini, anche nei giardini di scuole e asili, oltre all’idea di portare in parchi e aree verdi pubbliche gli istruttori delle società sportive per creare delle vere e proprie palestre all’aperto dove garantire sempre la distanza di sicurezza tra le persone.

Ultime notizie

Coronavirus, la mappa e l’andamento del contagio in Toscana

Tutto quello che c'è da sapere sull'andamento dei casi di Covid-19 nella nostra regione: la mappa, i nuovi contagi, i dati per provincia pubblicati nel nuovo bollettino della Regione

Coronavirus, restano meno di mille casi attivi in Toscana. Le notizie del 3 giugno

Quattro nuovi casi, ma il totale di quelli attivi scende sotto i mille. Le notizie di oggi, 3 giugno, sul contagio da coronavirus in Toscana

Bonus 600 euro aprile: partite Iva, Inps e casse private, le novità

Il bonus di 600 euro si allarga a nuove categorie Inps, casse private ancora in attesa del Decreto interministeriale

Conte, conferenza stampa oggi 3 giugno: a che ora seguirla in diretta

Il presidente del Consiglio torna a parlare delle misure prese dal governo per l'emergenza coronavirus