giovedì, 21 Ottobre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaRistori Sci: la proposta delle...

Ristori Sci: la proposta delle Regioni per i comprensori sciistici

Ristori per comprensori sciistici chiusi per Covid, è questa la richiesta delle Regioni. Confronto tra gli assessori italiani, Marras: “Sono soddisfatto, l'esito non era scontato”

-

Regioni e province autonome hanno inviato la loro proposte al Governo per la modifica del decreto legge ‘Sostegni’ riguardo ai ristori per i comprensori sciistici.

Ristori Sci: cosa prevede la proposta delle Regioni

Il decreto originario del governo favoriva essenzialmente le realtà alpine con il criterio di ripartizione esclusivo sulle presenze turistiche. La proposta unanime delle Regioni prevede invece ristori agli impianti di risalita (430 milioni) che saranno calcolati in base ai costi fissi mutuando l’esperienza francese che ha ottenuto già l’autorizzazione da Bruxelles.

L’indicazione è che siano liquidati dal Governo, assieme a 40 milioni di contributi a favore dei maestri di sci. Per i 230 milioni, la metà riservati alle province autonome, destinati invece alle attività commerciali e turistiche le Regioni propongono invece che siano loro stesse ad occuparsi della distribuzione, anziché i Comuni (spesso troppo piccoli e con strutture non adeguate). Inoltre chiedono per questo ultimo punto un ulteriore stanziamento di cento milioni.

Marras: “La proposta di modifica è un passo significativo per provare ad andare avanti”

L’assessore regionale all’economia Leonardo Marras ha parlato di dibattito molto intenso all’interno della commissione turismo tra gli assessori delle Regioni italiane e ha detto di essere “soddisfatto per l’esito, affatto scontato. Le imprese della montagna hanno visto totalmente azzerati i ricavi, in una stagione che avrebbe permesso invece durata e opportunità che difficilmente si ricordano negli scorsi anni per la presenza abbondante di neve”. La proposta di modifica presentata, ha concluso Marras, “costituisce un passo significativo per provare ad andare avanti”.

Ultime notizie