martedì, 29 Settembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Sanificazione dei condizionatori, il rapporto...

Sanificazione dei condizionatori, il rapporto anti-Covid dell’ISS e le regole

Le indicazioni dell'Istituto Superiore di Sanità sugli impianti di areazione: quanto tenerli accesi e come pulirli per limitare la diffusione del coronavirus

-

Bastano poche regole, anche per l’aria condizionata: in negozio o negli uffici, in casa o sul posto di lavoro, per limitare la diffusione del virus Covid-19 è necessario fare attenzione alla sanificazione degli ambienti ma anche all’uso e alla pulizia dei condizionatori, in base a quando indicato da un recente rapporto, il numero 5 del 2020, curato dall’ISS, l’Istituto Superiore di Sanità.

Igiene e un buon ricambio d’aria. Sono queste le due parole d’ordine da seguire secondo gli esperti, attenzione poi a quali prodotti e disinfettanti vengono impiegati e soprattutto a come vengono usati sui filtri. Il rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità definisce nel dettaglio le regole per i diversi tipi di impianti di areazione, da quelli più grandi fino ai piccoli climatizzatori portatili.

Sistemi di ventilazione meccanica, i consigli anti-coronavirus

Nei locali chiusi che hanno sistemi di ventilazione che garantiscono lo scambio d’aria con l’esterno (i cosiddetti sistemi di ventilazione meccanica controllata, VMC), gli impianti devono restare accesi sempre, 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Viene però prevista la possibilità diminuire la ventilazione nelle ore in cui i locali non sono utilizzati, come ad esempio di notte.

No, in ogni caso, alla funzione di ricircolo dell’aria perché potrebbe favorire lo spostamento degli agenti patogeni come batteri e lo stesso virus Covid-19, dice l’Istituto Superiore di Sanità. Dove possibile, viene consigliato di cambiare l’aria più volte al giorno aprendo le finestre. Le prese d’aria e le griglie di ventilazione degli impianti di areazione e dei condizionatori, consiglia l’ISS nel rapporto n° 5/2020 , devono essere sottoposti a sanificazione e  pulizia (vedi sotto).

Impianto di areazione centrale e condizionatori autonomi

Nei negozi, negli uffici e negli ambienti dove sono presenti impianti centralizzati misti di riscaldamento e condizionamento, gli apparecchi nelle varie stanze (ad esempio fancoil e ventilconvettori) vanno lasciati spenti per evitare che il ricircolo dell’aria diffonda eventuali contaminanti. Se in ogni stanza è prevista la presenza di un solo lavoratore l’impianto, dice l’ISS nel suo rapporto, può essere tenuto acceso, ma è consigliabile pulire i filtri almeno una volta ogni 4 settimane (vedi sotto). La polvere catturata dal filtro rappresenta infatti un ambiente favorevole per la proliferazione di batteri, funghi e agenti biologici come il coronavirus.

Piccoli condizionatori autonomi o climatizzatori portatili in negozi e uffici, la sanificazione

Passiamo alla classica aria condizionata: se negli ambienti di lavoro sono presenti condizionatori autonomi con unità esterna oppure piccoli climatizzatori portatili (ad esempio il “pinguino”) con un tubo di scarico flessibile, il rapporto 5/2020 dell’ISS fissa le regole per la sanificazione e la prevenzione della diffusione del Covid-19, anche fai da te. I filtri vanno puliti ogni settimana se negli ambienti lavorano più persone, una volta ogni mese nel caso sia presente solo una persona.

Sanificazione e pulizia dei condizionatori, come si fa secondo il rapporto ISS

Nel dettaglio ecco cosa raccomanda l’Istituto Superiore di Sanità per la pulizia-sanificazione dei condizionatori, dell’aria condizionata e dei sistemi di ventilazione ed areazione in uffici e negozi durante l’emergenza coronavirus:

  • pulizia delle prese d’aria e le griglie di ventilazione con panni di microfibra, inumiditi con acqua e sapone oppure con etanolo (alcol etilico) minimo al 70%. Le superfici vanno poi asciugate;
  • Pulizia dei filtri dei condizionatori (grandi e piccoli impianti), dei fancoil e dei ventilconvettori secondo le istruzioni del produttore, evitare comunque di spruzzare prodotti per la sanificazione o spray disinfettanti direttamente sui filtri. Questo per evitare di respirare sostanze inquinanti quando l’impianto è acceso;
  • arieggiare sempre le stanze, aprendo le finestre. È preferibile farlo più volte al giorno per pochi minuti, invece che una sola volta per tempi più lunghi.

Per quanto riguarda gli ambienti senza finestre, come bagni o spogliatoi, se sono dotati di ventilatori o aspiratori, questi impianti devono essere accesi durante tutto l’orario di lavoro. In caso i locali di lavoro siano stati frequentati da una persona con infezione conclamata da Covid-19, è invece obbligatoria una particolare sanificazione ambientale.

Qui sotto il vademecum dell’ISS, a questo link il testo completo del rapporto n° 5/2020 (pdf).

rapporto iss covid-19 n. 5/2020

Ultime notizie

Quale modello per Firenze nel post-Covid? L’intervista al direttore di Irpet

Stefano Casini Benvenuti, direttore di Irpet: “Rischi altissimi, ma abbandonare il turismo non ha senso. La rinascita può partire dalle periferie”

Ballottaggio comunali 2020: quando e dove si vota, data e come funziona

Chi può votare, com'è fatta la scheda, quando e perché è previsto il secondo turno per scegliere il sindaco: i dubbi più comuni sulla seconda tornata elettorale

Ballottaggio a Cascina e Arezzo: il fac-simile della scheda per le comunali

Ultimo capitolo delle elezioni comunali 2020 in Toscana, con 2 Comuni dove si va al ballottaggio. Ecco come si vota, i candidati e quali sono gli apparentamenti delle liste

Stop per la Domenica metropolitana. Gli altri musei di Firenze gratis

Sospeso l'ingresso gratuito per i residenti nei musei civici la prima domenica del mese. I fiorentini però possono "consolarsi" con altri luoghi d'arte, dove l'ingresso è sempre libero