domenica, 17 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica 25 aprile e 1° maggio:...

25 aprile e 1° maggio: supermercati e negozi chiusi in Toscana

Per il 25 aprile e il 1° maggio c'è il rischio che troppe persone escano di casa: la Regione "blinda" i negozi, imponendo la chiusura per le due giornate festive

-

Due nuove giornate di stop obbligato per il commercio, anche per quello alimentare. Dopo la serrata decisa per Pasqua e Pasquetta, la Regione Toscana ha emanato una nuova ordinanza che impone a tutti i supermercati e a tutti i negozi di restare chiusi il 25 aprile e il 1° maggio 2020, mentre le deroghe per gli esercizi che potranno restare aperti si contano sulla dita di una mano. In ogni caso, il carrello della spesa dovrà restare vuoto, bandone giù in occasione della festa della Liberazione e di quella dei lavoratori anche per le tabaccherie.

Il presidente della Regione Enrico Rossi ha voluto bissare il provvedimento emanato per la domenica di Pasqua e il lunedì dell’Angelo, perché l’apertura dei negozi anche nelle due giornate festive tra la fine di aprile e l’inizio di maggio potrebbe indurre molti a uscire, con un “massivo e diffuso afflusso di persone” si legge nell’ordinanza, rendendo “ancor più difficile l’attività di controllo per prevenire, limitare e sanzionare i comportamenti vietati” dalle regole contro la diffusione del coronavirus.

25 aprile, festa in piazza (virtuale) e flash mob con “Bella Ciao” dal balcone

Negozi e supermercati chiusi in Toscana il 25 aprile e 1° maggio

Nessuno sconto quindi per la grande distribuzione e le piccole botteghe, siano queste di generi alimentari, di libri, di vestiti per bambini o di cartoleria. Da Firenze a Prato, da Lucca a Grosseto, sabato 25 aprile e venerdì 1° maggio in tutta la Toscana i supermercati e i negozi dovranno tirare giù la saracinesca. Previsti controlli e verifiche da parte delle forze dell’ordine: chi non rispetta l’ordinanza rischia la sospensione dell’attività da un minimo di 3 giorni a un massimo di 15.

Le eccezioni: quali negozi possono restare aperti. E la consegna a domicilio?

Come detto sono previste poche deroghe. La Regione Toscana, con l’ordinanza firmata dal governatore Rossi, dà la possibilità di restare a aperti il 25 aprile e 1° maggio a tre tipi di negozi: farmacie e parafarmacie per la vendita di medicinali e le edicole per i giornali. Via libera però alla consegna a domicilio, solo per la spesa alimentare e per beni di prima necessità: le botteghe dovranno restare chiuse, ma per la festa della Liberazione e per quella dei lavoratori hanno la possibilità di accettare ordinazioni online e via telefono (e non, ovviamente, nel punto vendita), per poi recapitare a casa del cliente la merce, sempre rispettando le norme igieniche e sanitarie.

Chiusura dei supermercati e dei negozi, il testo dell’ordinanza (pdf)

L’ordinanza sulla chiusura dei supermercati e dei negozi il 25 aprile e 1° maggio è stata pubblicata sul sito della Regione Toscana e il testo integrale è scaricabile a questo link (pdf).

Ultime notizie

Fiorentina, prima volta allo stadio Maradona

La Fiorentina sfida il Napoli nel lunch match di domenica: le probabili formazioni. Commisso rinuncia allo stadio

In quanti in macchina, regole del nuovo Dpcm sulle persone in auto

Si può stare in tre in auto, se ci si trova in zona arancione e rossa? E in quanti si può viaggiare in macchina se si fa parte dello stesso nucleo familiare? Le regole del Dpcm anti-Covid e del decreto legge Covid

Centri commerciali aperti o chiusi nel weekend: regole del Dpcm

Shopping pre-saldi a ostacoli. In zona gialla e arancione tutti i negozi possono stare aperti, ma nel weekend scatta la chiusura dei centri commerciali (con qualche deroga)

Quante persone possono partecipare ai funerali: il Dpcm Covid e le regole

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti, per cosa scatta il divieto, quali sono le deroghe secondo il Dpcm