venerdì, 3 Dicembre 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaTempesta a Firenze: scuole evacuate,...

Tempesta a Firenze: scuole evacuate, sottopassi allagati e alberi caduti

Una bomba di grandine è caduta intorno alle 13 sul capoluogo. Nessun ferito, fa sapere la protezione civile, ma molti danni in città. Scuole evacuate, allagamenti anche in Palazzo Vecchio. Traffico in tilt in provincia. Nardella: "Non uscite"

-

Lo avevano annunciato ed è arrivato, anche peggio di come ci aspettassimo: il maltempo si abbatte su Firenze e la Toscana. Piogge, acquazzoni e grandine, una tromba d’aria in Versilia, forti rovesci in tutta la Toscana.

L’allerta meteo della protezione civile scattava stamani alle 7. Puntuale, il cielo si è ingrigito e, poco prima delle 13, una violenta grandinata si è abbattuta su Firenze. I rovesci erano cominciati in mattinata sulla costa, a Viareggio e in Versilia dove una tromba marina ha creato spavento ma, per fortuna, nessun danno. L’allerta resta valida fino alle 13 di domani.

LA GRANDINATA A FIRENZE:

Disagi nel centro storico

Il nubifragio ha provocato forti disagi in centro. I tendoni di diversi bar sono stati sradicati e distrutti dalle precipitazioni, vasi rovesciati e strade ridotte a un tappeto bianco di grandine. C'è chi si è dovuto mettere a spalare la grandine come se fosse neve in pieno inverno.

Scuole evacuate

Evacuate alcune scuole di Firenze. La prima è stata la scuola Don Milani per alcuni problemi registrati al tetto. Allagamenti anche all'Agnesi di via Maffia, nel Q1. Evacuati – fa sapere la Provincia di Firenze –  anche il liceo Dante e la scuola Capponi.

NARDELLA: ''EVITATE DI USCIRE''

Il sidnaco Dario Nardella chiede alla cittadinanza di non uscire all'aperto. “Dalla sala controllo di Palazzo Vecchio – scirve sulla sua pagina Facebook – il traffico risulta per fortuna regolare, ad eccezione di problemi in via XX Settembre, San Frediano, sottopasso in piazza Paolo Uccello. Tramvia rallentata ma in funzione. L'allerta meteo prosegue per almeno un'altra ora. Se possibile evitate di uscire all'aperto e limitate al massimo l'uso di veicoli”. Gravi problemi al traffico in città e sulle strade di grande circolazioni Firenze-Pisa-Livorno e Autopalio. 

Alberi caduti all'Albereta:

 

danni in palazzo vecchio e museo santa croce

Danni risultano anche in Palazzo Vecchio e infiltrazioni nel museo di Santa Croce. Segnalati allagamenti anche alla Biblioteca Nazionale. 

tromba d'aria e tetti scoperchiati nell'empolese

Una tromba d'aria ha interessato l'empolese e in particolare il comune di Fucecchio, con almeno tre tetti scoperchiati e significativa caduta di rami. A Cerreto Guidi si segnala una fuga di gas. Lo rende noto la Regione. 

Alla Coop di Ponte a Greve crolla controsoffitto

Galleria commerciale allagata, un controsoffitto crollato, tanta paura per i clienti, ma nessun ferito. È quanto avvenuto al centro commerciale Coop di Ponte a Greve, all’immediata periferia di Firenze, dove a seguito della violenta tempesta di grandine che si è abbattuta dalla città, è crollato un controsoffitto ed ha ceduto una tubazione che trasportava le acque reflue. 

È successo al primo piano del centro commerciale. Al momento del crollo nell’area non si trovavano persone. Grandine e pioggia hanno invaso il primo piano e anche la sottostante galleria commerciale si è allagata. Tanta paura tra i clienti e qualche scena di panico.

La zona invasa dall’acqua è stata recintata per precauzione, il supermercato chiuso per controlli di sicurezza.

In via Villamagna, davanti al Cpa, un albero di grandi dimensioni è caduto su alcune auto parcheggiate e ha divelto un'inferriata. Nessun danno alle persone. Un grosso albero è caduto in piazza Savonarola, altri all'Albereta.

feriti a scandicci

Dalla protezione civile comunale si fa sapere che non si registra nessun ferito. Le linee della protezione civile sono intasate per il gran numero di telefonate. Cosa diversa a Scandicci, dove secondo le prime segnalazioni di alcuni cittadini si sarebbero registrati alcuni feriti.

Su tutto il territorio provinciale, dalla poizia municipale alla protezione civile, i vigili del fuoco e il prsonale di Quadrifoglio è in azione per rimediare ai danni della violenta ondata di maltempo.

A Scandicci è stato aperto un apposito centro operativo di coordinamento di protezione civile, raggiungibile al numero: 055.750628. Anche qui i danni non sono mancati. Al Centro diurno disabili La Palma a San Giusto la mensa è stata chiusa per la caduta di un albero. Danni si sono verificati alla copertura del teatrino a Vingone. Non mancano problemi di viabilità, per lo più legati alla caduta di alberi. Alla scuola Pertini è in corso un intervento per rimuovere tronchi e rami e ripristinare l'accesso. In piazza Matteotti divieto di transito per la caduta di un albero. Alberi e rami caduti anche nei giardini delle scuole Pertini, Gabbrielli e XXV Aprile.

18 feriti nell'empolese

Diciotto persone, fa sapere la Asl 11, sono rimaste ferite nell'Empolese in seguito alla terribile bomba d'acqua e grandine di stamani. Per lo più si tratta di incidenti stradali di lieve entità provocati dal maltempo che hanno richiesto il ricorso al pronto soccorso dell'ospedale di Empoli con codici verdi.

Molti gli alberi abbattutti dalle forti raffiche di vento nella città di Empoli. La situazione più critica in via della Tinaia dove sono caduti 4 grossi pini. Fortunamente nessuno è rimasto ferito.

Il pino caduto in via della Tinaia a Empoli

Un pino è piombato sull’argine del Rio Grande di Cortenuova, un secondo nel terreno di una casa colonica abitata (nessun ferito) e altri due hanno bloccato via della Tinaia. Qui un pino secolare ne ha travolto un altro e insieme sono caduti sulla strada e sul campo adiacente. Questi due facevano parte della pinetina vicina al piccolo ponte, dove sono installati giochi per bambini in legno e anche panchine, una di queste è andata distrutta.

Danni e disagi per le famiglie del piccolo borgo che ha trovato insediamento in quella zona: in particolare la mancanza di energia elettrica a causa di un cavo rotto, per questo il Comune di Empoli ha già avvertito l’Enel.


 

Ultime notizie