venerdì, 27 Novembre 2020
Home Sezioni Cronaca & Politica Tram, rallentamenti alla Fortezza ma...

Tram, rallentamenti alla Fortezza ma il traffico non va in tilt

Qualche coda e un po' di confusione, ma scongiurato (per il momento) un blackout generale del traffico.

-

Dopo l'area di Careggi e viale Morgagni, anche per i lavori in zona Fortezza è arrivato il giorno del giudizio. Ieri sera le operazioni che hanno portato al restringimento di carreggiata e al posizionamento della segnaletica provvisoria. Molti si aspettavano un risveglio brusco e traumatico sul piano della viabilità.

CANTIERI, RISVEGLIO SENZA TRAUMI

Quella che si temeva essere un'apocalisse tra viale Strozzi e viale Lavagnini è divenuta col passare dei minuti una normale mattinata di traffico cittadino. “Dal punto di vista del traffco non abbiamo risentimenti particolari” spiega Vincenzo Tartaglia, direttore della direzione delle infrastrutture e mobilità di Palazzo Vecchio. “Il coordinamento dei semafori ci ha permesso di superare bene questo riadattamenteo e questi restringimenti di carreggiata che abbiamo dovuto effettuare per realizzare l'area di cantiere in cui avverrano gli scavi nei prossimi giorni” dice Tartaglia.

CODE E RALLENTAMENTI MA NIENTE PANICO

Code e rallentamenti ci sono stati sì ma, almeno per il momento, nessun ingorgo catastrofico. Molti sono coloro che preferiscono passeggiare o pedalare, facilitando non poco un maggior scorrimento del traffico. “Sembra che l'appello rivolto ai cittadini sia stato accolto positivamente” dice l'assessore ai lavori pubblici e alla viabilità Stefano Giorgetti. Poi aggiunge: “I disagi ci sono, così come i rallentamenti. Qui però siamo in un punto cruciale per il traffico. Abbiamo suddiviso i lavori in
8 fasi di cantiere in questa zona. In questo momento riguardo alla viabilità sono stati ottenuti buoni risultati. Domani la situazione si aggraverà senz'altro – annuncia Giorgetti – però la risposta dei cittadini quest'oggi è stata molto positiva e fa ben sperare”.

“Piano pitti” in azione

Per scongiurare file chilometriche e ingorghi senza precedenti, sono stati studiati attentamente i tempi delle lanterne semaforiche. E proprio grazie alla giusta alternanza verde-giallo-rosso, oltre a dei rallentamenti, niente più. “I tempi dei semafori di questa mattina – spiega Maria Grazia Macchi, responsabile della gestione delle lanterne semaforiche – sono quelli del piano “Pitti”, che viene adottato in occasione dei grandi eventi della kermesse fiorentina”. Macchi prosegue e spiega che “gli intervalli semaforici variano in base alla fascia oraria e, per essere pronti ad ogni evenienza, ci sono dei piani di riserva”.

Ultime notizie

Decreto ristori quater: quando esce il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

In arrivo il quarto provvedimento con i ristori per le attività danneggiate dal Covid: il testo del decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale nel giro di pochi giorni

Quanti contagiati oggi in Italia: salgono i guariti, restano altissimi i decessi

I dati del 27 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

“Il guardiano dei coccodrilli” di Katrine Engberg, la recensione

Un libro dallo stile frizzante ed ironico che ci farà calare nelle atmosfere di Copenaghen sin dalle prime pagine e i cui personaggi, alla fine, ci mancheranno

Elenco scrutatori Firenze: come fare domanda al Comune e il compenso

Requisiti, compenso, regole e moduli: la domanda per far parte dell'albo degli scrutatori del Comune di Firenze deve essere presentata per tempo. E la scadenza è vicina