mercoledì, 27 Gennaio 2021
Home Sezioni Cronaca & Politica Tramvia: le novità per la...

Tramvia: le novità per la linea 3 verso Bagno a Ripoli

Una coppia di sottopassi, 2 tratti senza pali di alimentazione, alberi salvi. Le ultime notizie sul progetto della linea 3.2 per Bagno a Ripoli e su quelli per il “braccio” di San Marco e per la T4 verso Le Piagge

-

Tramvia, si riparte con molte novità: stavolta tocca alla linea 3 per Bagno a Ripoli, alla linea 4 verso Le Piagge e all’estensione fino a piazza San Marco. Già dalla fine di quest’anno potrebbero scattare i primi lavori, si studia una coppia di tunnel in piazza della Libertà e in piazza Beccaria, mentre per due lunghi tratti la futura T3 viaggerà a batteria, senza essere alimentata da pali.

Le ultime notizie sui progetti arrivano dalla riunione sullo sviluppo della linea tramviaria fiorentina voluta dal sindaco Dario Nardella con i tecnici, i progettisti e l’assessore alle grandi infrastrutture e mobilità Stefano Giorgetti.

Tramvia Firenze: linee, fermate, orari. La guida completa

Primi lavori: la tramvia per San Marco

Sul tavolo anche la questione dell’estensione della tramvia fino a piazza San Marco con un braccio ferrato che partirà dalla Fortezza, lì dove oggi arriva la linea 1 Leonardo, percorrerà viale Lavagnini, girerà intorno a piazza della Libertà per imboccare poi via Cavour e arrivare fino a San Marco. Da qui Sirio tornerà indietro su un secondo itinerario, che toccherà via La Pira e via la Marmora.

In questo caso i cantieri, secondo le prime previsioni, potrebbero partire già a fine anno o al massimo nei primi mesi del 2020. I pali con i fili di alimentazione ci saranno, ma verranno sfruttati i lampioni già esistenti.

Tramvia, novità per la linea 3.2 verso Firenze sud e Bagno a Ripoli

Si inizia a delineare il futuro volto della linea 3.2 della tramvia verso Bagno a Ripoli. Il sindaco Dario Nardella ha chiesto ai tecnici di studiare la creazione di 2 sottopassi per le auto. L’idea è questa: sopra il tram, sotto le macchine. Il primo in piazza della Libertà, in un solo senso, l’altro in piazza Beccaria, nelle due direzioni, per rendere la piazza pedonale.

Tramvia Firenze riunione linea 3.2 Bagno a Ripoli novità
La riunione in Palazzo Vecchio sulle nuove linee della tramvia fiorentina

Tra le novità anche quelle che riguardano gli alberi dei viali di Circovallazione e di viale Giannotti che, dice Palazzo Vecchio, non saranno toccati. La linea 3.2 della tramvia non avrà pali di alimentazione tra piazza della Libertà a lungarno del Tempio e su viale Giannotti, perché in questi 2 tratti i convogli andranno a batteria. I pali ricompariranno da piazza Bartali a Bagno a Ripoli, non ne saranno creati di nuovi, ma verranno sfruttati i lampioni già esistenti.

I tempi?  Se tutto filerà liscio i primi lavori per la tramvia Firenze sud e Bagno a Ripoli inizieranno entro dicembre 2020. In ogni caso i cantieri dovranno concludersi entro il 2023 per non perdere i finanziamenti europei.

La Linea 4

Si va avanti anche sulla linea 4 della tramvia verso le Piagge, dopo la prima progettazione. In questo caso i cantieri sono previsti entro dicembre 2020.

Ultime notizie

Quanti contagiati oggi in Italia: i dati delle ultime 24 ore per regione

I dati del 25 gennaio dal bollettino sul coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia e quanti morti?

Quante persone possono entrare in un negozio: come calcolare il numero massimo

Come calcolare il numero massimo di persone ammesse in un negozio: le regole anti-Covid del nuovo Dpcm, dal cartello a quanti clienti possono entrare per metro quadrato

Quando il cambio di colore delle regioni: ogni quanto vengono decisi i colori Covid

Permanenza più lunga in zona arancione e rossa: quando viene deciso il cambio di colore delle regioni italiane e quando cambiano effettivamente i colori, con l'entrata in vigore dell'ordinanza

Zona rosso scuro: cosa significa per chi vuole viaggiare in Europa e Italia

Nella "mappa" dell'Europa arriva una nuova zona, rosso scuro, con limitazioni per chi vuole viaggiare: cosa significa e cosa cambia nelle regioni italiane che finiranno in questa fascia di rischio