venerdì, 7 Maggio 2021
HomeSezioniCronaca & PoliticaVariety, cala il sipario. Appartamenti...

Variety, cala il sipario. Appartamenti al posto del cinema?

Titoli di coda per il cinema Variety, in via del Madonnone. Al posto delle cinque sale sorgeranno una trentina di appartamenti, negozi e posti auto. A meno che Palazzo Vecchio non intervenga in tempi utili.

-

 

Titoli di coda per il cinema Variety, in via del Madonnone. Al posto delle cinque sale sorgeranno una trentina di appartamenti, negozi e posti auto. A meno che Palazzo Vecchio non intervenga in tempi utili.

IN VENDITA. La vendita dei locali risalirebbe in realtà a un paio di anni fa. Il progetto di ristrutturazione, però, fu all’epoca bloccato dalle norme anti-Quadra. Al proprietario dell’immobile non restò altro da fare che prolungare il contratto d’affitto con i gestori del cinema. Secondo quel piano al posto della multisala dovrebbero sorgere una trentina di appartamenti (in media 45 metri quadri l’uno), ma anche attività commerciali e posti auto interrati.

CHIUSURA. Adesso il contratto di affitto è scaduto e gli ultimi spettacoli sono in programma per il 31 gennaio, poi sul Variety calerà definitivamente il sipario. A meno che Palazzo Vecchio non riesca a bloccare la trasformazione, il che però al momento appare improbabile se non impossibile.

REAZIONI. Eppure proprio da Palazzo Vecchio si alzano le prime voci contrarie. “La chiusura del cinema Variety – dichiara oggi il consigliere Pd Michele Pierguidi – è una brutta notizia per Firenze. Non c’entra nulla la crisi del cinema, né una crisi della gestione”. L’attività del cinema, infatti, va a gonfie vele. “E’ il secondo a Firenze per incassi – chiarisce Pierguidi – e le presenze negli ultimi anni sono state in crescita. Sembra invece che a determinare la chiusura dell’attività sia la scadenza del contratto d’affitto, la volontà della proprietà di non rinnovare ai gestori la locazione dei locali per tentare la strada della variante urbanistica e richiedere all’amministrazione comunale la possibilità di realizzare con i volumi dell’immobile dei mini appartamenti. Insomma, si tenta una speculazione immobiliare che di fatto affossa un’impresa culturale con profonde radici nella storia della città e del quartiere 2”.

BATTAGLIA. A proposito della trasformazione urbanistica Pierguidi si prepara a dare battaglia in consiglio comunale. “Sicuramente mi sento di anticipare la mia opposizione verso ogni trasformazione urbanistica che invece di rappresentare un’occasione di riqualificazione della città e di nuove opportunità culturali ed occupazionali contribuisce invece a far morire un’attività sana da un punto di vista economico, culturale e sociale”. E’ pronto a scendere in campo anche il presidente del Q2 Gianluca Paolucci. “La possibile eliminazione di un così importante elemento di aggregazione – dichiara – per ricavarne miniappartamenti e spazi commerciali, in un area peraltro già satura, non può essere lasciata cadere nell’indifferenza e passività. Bene quindi ha fatto l’amministrazione comunale a congelare la richiesta di variante urbanistica presentata dai proprietari, atto indispensabile per cercare poi una soluzione che permetta al Variety di sopravvivere. Da parte nostra – conclude il presidente – ci adopereremo nelle forme possibili per evitare che un altro pezzo di storia recente di questo quartiere venga cancellato dalle ruspe”.

Ultime notizie