Nel giorno del solstizio d'estate, l'abbazia di San Miniato al monte festeggia i suoi mille anni di storia con un concerto che guarda al futuro. Il prossimo 21 giugno, dalle ore 19.30, il sagrato della chiesa si trasformerà in palco per ospitare, nella cornice dello splendido panorama di Firenze al tramonto, il Millennium Sunset Concert. Un'occasione tanto unica quanto rara per celebrare la millenaria attività della comunità benedettina con una serata di beneficienza altamente simbolica.

Cos'è il Millennium Sunset Concert

Il Millennium Sunset Concert intende celebrare l'incontro culturale e la bellezza ereditati dal passato, la qualità e la genialità dei giovani come motori del futuro. Il concerto ripercorrerà la storia musicale dello scorso millennio, dal Medio Evo alla contemporaneità, abbracciando tutte le ispirazioni culturali che lo hanno attraversato.

Ad interpretare le epoche più antiche sarà  l'Orpheus Ensemble, nato nel 2009 e composto unicamente da musicisti attivi in ambito accademico, professionistico e amatoriale. Il viaggio verso il '900 sarà guidato invece dall'Orchestra Filarmonie, un esperimento nato due anni fa dall'incontro di più di quaranta musicisti tutti di età inferiore ai 35 anni, con l'intenzione di promuovere la musica come incontro di arte e spettacolo. L'Orchestra Filarmonie, in composizione ridotta di 25 elementi, sarà diretta dal giovane Maestro Nima Keshavarzi e accompagnata dal Soprano Francesca Caligaris e dal Contralto Antonio Fino.

La contemporaneità è stata affidata al giovane compositore fiorentino Ian Cecil Scott, nonché direttore artistico dell'evento, autore della Millenium Composition. Quest'ultima opera, composta appositamente per l'occasione, intende essere un trait d'union storico e geografico. I suoi  quattro atti si ispirano ognuno ad un'epoca e a un luogo rappresentato ciascuno da uno dei quattro elementi naturali: l'acqua ricorda infatti l'Oriente estremo, la Cina, la Mongolia e il Giappone, l'aria invece l'Oriente più prossimo della cultura yiddish e russa, il fuoco riporta alla cultura araba mentre la terra parla dell'Occidente. Nell'ultimo atto, i quattro elementi si fonderanno insieme nella volontà di portare un messaggio di unione, di amore e di dialogo tra i popoli.

San Miniato Monte mille anni - Millenium sunset concert

Orchestra Filarmonie, foto Simone Petracchi

Concerti e teatro sul sagrato di San Miniato al Monte

Ad accompagnare la musica ci saranno le performance teatrali del gruppo Medici Dynasty e le letture teatrali dell'opera “Il canto delle Pietre” dell'autore Luca Scabin interpretate dall'attore Glauco Mauri.

L'evento, organizzato dall'Associazione Passignano, fondata da Suzie e Graham Pewter e impegnata nella salvaguardia delle tradizioni, dell'arte e dell'architettura fiorentine, sostenuto dalla Residenza Privata Palazzo Tornabuoni, patrocinato dal Comune di Firenze e dalla Regione Toscana, vuole essere anche un'occasione per raccogliere  fondi per la realizzazione di una statua da donare alla comunità ecclesiastica di San Miniato.

La statua sarà presentata al pubblico il giorno conclusivo dell'anno millenario di San Miniato, ovvero il prossimo 27 aprile 2019 alla presenza del Cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano e di Sua Santità Karekin II, Patriarca della Chiesa Cristiana armena, invitato per richiamare l’origine armena del Santo a cui è dedicata la chiesa.

Per prendere parte al concerto è quindi necessario comprare il biglietto, al costo di 35 euro a persona, presso il Box Office, sul circuito TicktOne o direttamente la sera del concerto (ultima vendita alle ore 19.00). I posti sono limitati a 1000, come gli anni dell'abbazia, e ad ogni ospite sarà donato un ricordo speciale della serata, per scoprirlo però bisogna prenotarsi.