lunedì, 29 Novembre 2021
HomeSezioniFiorentinaAncora una sconfitta in trasferta...

Ancora una sconfitta in trasferta per la Fiorentina. L’Inter vince 2-0

San Siro amaro per la Fiorentina che perde (2-0) dall'Inter. E' la quarta sconfitta consecutiva per i viola che non segnano in trasferta da 302 minuti.

-

Dopo la vibrante vittoria contro la Roma, la formazione di Delio Rossi era chiamata ad una prova di continuità contro un’Inter alla ricerca di punti. Entrambe le squadre puntavano ad un successo per risalire la china. Ci sono riusciti i nerazzurri con un gol per tempo e sfruttando, a dovere, due incredibili errori della difesa gigliata.

PRIMO TEMPO. Nella prima mezz’ora succede poco o niente. Qualche incursione davanti a Boruc da parte dell’Inter, un paio di tiri sbilenchi calciati dai giocatori della Fiorentina verso la porta difesa da Julio Cesar. Il primo gol l’Inter lo trova con l’ex di turno: Giampaolo Pazzini, che non segnava dalla fine di settembre. E’ il 41° quando l’azzurro riceve un assist di Coutinho, beffa Natali in aerea e salta con un velenoso esterno destro Boruc. E’ l’1-0 col quale si va al riposo.

SECONDO TEMPO. La ripresa si mette subito bene per Claudio Ranieri. L’Inter trova il raddoppio al 49° col piccolo Nagatomo. Anche in questo caso il gol è tutta colpa della difesa viola. Boruc non esce, Pasqual rinvia male e colpisce il giapponese. Dalla carambola viene fuori il 2-0. La partita finisce qui. Rossi fa rientrare Munari e mette in campo Salifu. Ma nella Fiorentina, sotto di due gol, l’unico che combatte è Berhami. La squadra senza Jovetic e Montolivo è priva di ispirazione a centrocampo. E’ proprio il nuovo entrato, Salifu, ad offrire un grande assist a Gilardino, ma il centravanti si fa raggiungere da Lucio e l’occasione sfuma. Al 65′ Rossi prova anche la carta Silva che rileva un Ljajic che ha fatto rimpiangere l’infortunato Jovetic ma non succede niente. I tre punti li conquista l’Inter.

Delio Rossi nel post partita commenta: “Abbiamo perso molti palloni, il secondo gol ha chiuso la partita. In questo momento manchiamo nella fase di transizione, nel primo tempo non ci siamo proposti in modo adeguato. Stiamo lavorando – aggiunge – e i ragazzi si stanno impegnando ma dobbiamo recuperare tutti i giocatori, poi vediamo. Ljajic? È una seconda punta, deve saper fare la fase offensiva e di non possesso, abbiamo cambiato un po’ il sistema di gioco e quindi ci sono state delle difficoltà”. 

Ultime notizie