E’ stato scritto un altro capitolo della sfida infinita tra Juventus e Fiorentina. Nell’andata degli ottavi di finale di Europa League i viola pareggiano a Torino grazie ad un ritrovato Mario Gomez. Passaggio del turno ancora in bilico ma viola rinfrancati dopo la sconfitta subita in campionato domenica scorsa. Juventus assatanata nei primi 20 minuti di gioco dove riesce a fare quel che vuole, Fiorentina sempre dotata di un buon palleggio che esce alla distanza. Conte conferma Asamoah e schiera Ogbonna e Caceres in difesa al posto di Bonucci e Barzagli. Montella rinuncia, a sorpresa, a Cuadrado e dà fiducia a Matri e Ilicic.
 
PRIMO TEMPO – La Juventus sblocca subito il risultato. Dopo tre minuti una percussione di Asamoah porta in area un pallone che viene sporcato da Giovinco per l’occorrente Vidal che non sbaglia fulminando Neto da pochi passi. Subito 1-0 dopo soli 3 minuti di gioco. La Juventus non si ferma un secondo e la Fiorentina pare in balia degli avversari. I primi venti minuti di gioco sono a ritmi altissimi per i bianconeri che poi pagheranno questa foga iniziale. La squadra di Montella cerca di tenere il pallone nei piedi a tutti i costi, senza necessariamente portarlo nell’area della Juventus. Osvaldo sciupa da centro area, Giovinco si mostra poco deciso sotto porta. Per due volte gli uomini di Conte hanno l’opportunità di raddoppiare con Vidal. In una circostanza Neto blocca a terra, nella seconda ci si mette la parte alta della traversa. La Fiorentina, solo verso la mezzora, si fa vedere con Aquilani ma senza successo. Si va al riposo con la Juve in vantaggio. 
SECONDO TEMPO – Ripresa a ritmi più lenti con la Fiorentina che cerca il pari e la Juve che non cerca più l’affondo come nei primi 45 minuti di gioco. Al 65′ Caceres di petto passa la palla a Buffon che rischia l’autorete.  Al 79′ i bianconeri perdono palla a centrocampo, una verticale improvvisa della Fiorentina con Ilicic pesca Gomez (subentrato a Matri) che prende il tempo a Ogbonna e infila Buffon in uscita. E’ l’1-1 che decide la gara. Biaconeri esausti e Fiorentina che potrebbe anche trovare il raddoppio con una staffilata di Vargas ma il risultato non cambia. Giovedì prossimo, all’Artemio Franchi, la sfida continua.
 
L’ALLENATORE – Soddisfatto, ai microfoni Mediaset, Vincenzo Montella. “Una bella partita coronata da un buon risultato. La Juventus è una squadra fortissima e l’ha dimostrato anche stasera. Se facciamo le cose per bene possiamo giocarcela. Non è cambiato molto rispetto alla partita di campionato, entrambe le partite sono state giocate a tratti solo che siamo stati più concreti con Mario Gomez. Siamo riusciti a metterli in difficoltà con il palleggio anche se a volte è importante verticalizzare. Per come giochiamo potremmo finalizzare di più ma è anche vero che ci sono mancati tanti giocatori da inizio campionato. Nonostante le mille difficoltà durante la partita – conclude Montella – abbiamo dimostrato personalità e qualità. E’ grande merito della Fiorentina se è riuscita a non disunirsi dopo il gol a freddo. Sono orgoglioso di questi giocatori che sono capaci di esprimersi al di là delle difficoltà”.