venerdì, 4 Dicembre 2020
Home Sezioni Fiorentina Fiorentina: niente esonero per Pioli

Fiorentina: niente esonero per Pioli

Dopo la nota della società di domenica, a seguito della sconfitta col Frosinone, si temeva un esonero per l'allenatore, che però è stato confermato. Si pensa ad un ritiro anticipato in vista della gara col Bologna

-

Esonero? No. Pioli rimane al suo posto. Pantaleo Corvino ha raggiunto Milano per un meeting con la società. Ha incontrato Mario Cognigni e Andrea Della Valle. Dalla Cina, in videoconferenza, è intervenuto anche Diego Della Valle.

E’ stato affrontato il momento molto difficile della squadra e lo staff dirigenziale ha deciso di dare ancora fiducia a Stefano Pioli, dato anche che ormai l’esperienza del tecnico è arrivata al capolinea. Pioli lascerà la società viola a fine stagione. Il club ha preteso che vengano onorati tutti gli impegni sportivi: chiusura del torneo di serie A e Coppa Italia.

No all’esonero di Pioli, ma ritiro anticipato

Alla ripresa degli allenamenti verrà deciso, dallo stesso Stefano Pioli insieme a Corvino e Cognini, l’opportunità di portare tutta la squadra in ritiro per preparare la partita contro il Bologna di domenica prossima. Un’ipotesi per ritrovare compattezza dopo la brutta sconfitta contro il Frosinone.

Ultime notizie

Quante persone possono partecipare ai funerali: il Dpcm Covid e le regole

Cosa prevede il decreto anti-coronavirus del 4 novembre in caso di funerale: quanti possono essere i partecipanti e per cosa scatta il divieto

Zona arancione e rossa, visita ai congiunti: si può andare fuori comune?

Si possono vedere i congiunti che abitano in Comuni diversi, anche a Natale e Capodanno? E si possono portare i bambini dai nonni? Le regole del Dpcm del 3 dicembre 2020

Cambio di colore per le regioni, oggi l’ordinanza: zona rossa e arancione, chi cambia

Cambio di colore in vista per 9 regioni: zona rossa, arancione e gialla, chi cambia e quando si saprà

Santa Barbara e il “Diario di un artigliere”

Il 4 dicembre, fin dal Medioevo, veniva festeggiata Santa Barbara vergine e martire, da subito invocata a proteggere dai fulmini e, di conseguenza, dalla “mala morte” in quanto un folgorato moriva improvvisamente, all’istante, senza il tempo di prepararsi cristianamente al trapasso.