Genoa Fiorentina 2:1 - 1 settembre 2019

Seconda giornata di serie A e seconda sconfitta per la Fiorentina, battuta 2-1 in trasferta contro il Genoa. Il successo per i viola manca da febbraio. Da quando è tornato a Firenze Montella non ha mai vinto in campionato. Al Ferraris decidono Zapata e Kouame. Poi un rigore realizzato da Pulgar accorcia le distanze.

La Fiorentina stenta molto in questo avvio di campionato e non basta la buona notizia dell’acquisto di un nuovo attaccante, il brasiliano Pedro in arrivo dalla Fluminense, a sollevare il morale di una squadra che mostra tutte le difficoltà messe in evidenza nella passata stagione. Difesa sempre disattenta, centrocampo poco propositivo, attacco impreciso. La Fiorentina non vince in campionato dallo scorso febbraio. L’allenatore Montella non ha ancora brindato alla vittoria da quando è tornato alla guida dei viola nell’ultima parte del passato campionato. Eppure tutto lasciava presagire in un’inversione di tendenza dopo la sfortunata sconfitta all’esordio contro il Napoli.

Genoa – Fiorentina, primo Tempo

La Fiorentina parte bene con Boateng e Chiesa in attacco dove sono aiutati dal giovane Sottil. All’8’ è clamoroso l’errore di Chiesa. Il figlio d’arte riceve palla, stoppa di petto e spedisce la palla fuori dalla porta di un soffio. La difesa nonostante l’arrivo di Lirola mostra ancora enormi problemi. Il Genoa di Andreazzoli corre e, alla prima vera occasione, va in gol. All’11’ sugli sviluppi di un corner battuto da Schone la palla arriva a Ghiglione che scambia velocemente con Zapata che, di testa, realizza l’1-0. La Fiorentina prova ad orchestrare qualche azione ma tutti i tentativi sono più giocate individuali che non manovre ragionate. Il Genoa ne approfitta e al 24’ ci prova Radovanovic con Dragowski che mette la sfera sopra la traversa. Al 28’ ci prova Kouamé ma anche in quel caso l’estremo difensore viola smanaccia e salva la rete dal raddoppio. Al 42’ è Pinamonti a far tremare la difesa. Dragowski devia in angolo. Si va al riposo col Genoa avanti per 1-0.

Secondo Tempo

Ripresa che vive ancora sulle sporadiche azioni d’attacco viola ed il Genoa che prova il colpo del K.O. al 57’ è Lerager a calciare il pallone di poco fuori dalla porta. Al 59’ è ancora Kouamé a colpire male di testa mandando il pallone fuori. Al 65’ è proprio l’attaccante ivoriano, servito da Radu, ad involarsi indisturbato verso l’area gigliata e a battere Dragowski con un potente destro. E’ il 2-0 per il Genoa. Al 71’ è la traversa a negare il gol a Radovanovic. Montella nel finale manda in campo Ribery e Vlahovic ed è proprio il francese tra i protagonisti dell’azione che porta all’atterramento di Dalbert in area. Per Giacomelli è calcio di rigore. Al 76’ dischetto si presenta Pulgar che segna il suo secondo gol stagionale. La Fiorentina avrebbe l’opportunità di pareggiare all’81’ con Ribery ma Radu para. Al 91’ ci prova Chiesa ma colpisce il palo. Per la Fiorentina seconda sconfitta consecutiva in altrettante gare di campionato. E dopo la sosta arriva la Juventus.

L’allenatore

Vincenzo Montella commenta così la gara. “La squadra ha iniziato bene per venti minuti con buone trame, poi a metà primo tempo ci siamo persi. Nel secondo tempo siamo partiti discretamente, poi per venti minuti siamo andati in difficoltà. Sul 2-0 la squadra mi è piaciuta perché poteva pareggiare la partita. In alcuni momenti non siamo stati bravi a gestire, dobbiamo capire le cause. Non so se manca personalità, siamo giovani e gli alti e i bassi ci stanno. Dobbiamo saper accettare qualche interpretazione. Oggi abbiamo sofferto sulle palle inattive, questo a prescindere dall’età. Ci servono risultati importanti e presto – conclude – anche se il calendario non ci aiuta”.