venerdì, 3 Dicembre 2021
HomeSezioniFiorentinaIl Napoli ferma i viola...

Il Napoli ferma i viola capolista

Battuta d’arresto, al San Paolo, per la Fiorentina che perde (2-1) dal Napoli senza demeritare. Primo tempo tutto di marca viola, ripresa che si apre con un gol lampo di Insigne e dopo aver trovato il pareggio con Kalinic è Higuain a decidere la partita

-

La Fiorentina si arrende al Napoli alla ripresa del campionato dopo la sosta per la Nazionale. Gli uomini di Sousa giocano bene per tutto il primo tempo ma una disattenzione, ad inizio ripresa, permette ai partenopei di passare in vantaggio. La Fiorentina fatica a trovare il pareggio ma, dopo nemmeno un minuto, gli uomini di Sarri si riportano in vantaggio chiudendo virtualmente il match. Per la gara più importante dell’ottava giornata di campionato Sarra conferma Reina, Hysaj a destra, Ghoulam a sinistra e la coppia Albion Koulibaly nel mezzo. Jorginho è coadiuvato dalle due mezzali Hamsik e Allan. Insigne, Higuain e Callejon completano l’undici. Sousa sceglie davanti a Tatarusanu Tomovic come terzo di destra, al fianco di capitan Gonzalo Rodriguez e Astori. Sugli esterni Blaszczykowski e Alonso, mentre sulla mediana Badej, in coppia con Vecino. In avanti Borja Valero a supportare Bernardeschi e Kalinic.

 

Primo tempo

 

Tanto possesso palla per entrambe le squadre nei primi minuti di gioco. La Fiorentina mostra di avere gran ritmo nelle gambe, il Napoli risponde sempre molto bene. Al 16’ si segnala un ottimo diagonale di sinistro di Blaszczykowski. Dopo cinque minuti la risposta dei campani con Hamsik sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Gli uomini di Sarri non sono brillanti ma la Fiorentina non riesce mai ad approfittare degli sbandamenti degli avversari. Il possesso palla dei viola viaggia veloce e spesso Jorginho e Allan vanno a vuoto e sono costretti a correre all’indietro. Il risultato, però, non si sblocca e si va al riposo a reti bianche.

 

Secondo tempo

 

Cambia subito il clima ad inizio ripresa. Hamsik trova la verticale alle spalle di un colpevole Tomovic che lascia passare Insigne: uno sguardo alla porta e tiro a giro sul secondo palo. E’ il gol del vantaggio partenopeo. La Fiorentina sbanda ed il Napoli ne approfitta per giocare di più sulle fasce. Al 54’ magistrale contropiede guidato da Ilicic (subentrato a Bernardeschi) che serve Kalinic, poi murato da Reina. Al 68’ Callejon ci prova da fuori area al volo, palla a lato. Nel momento migliore dei partenopei arriva il gol della Fiorentina. Ilicic, al 72’, spalle alla porta trova di prima un pallone che scavalca la linea difensiva azzurra. L’assist arriva puntuale per Kalinic che al volo incrocia. Passa un minuto ed Higuain strappa di forza un pallone sulla propria trequarti e si ripropone come un fulmine: uno-due con Martens e per Tatarusanu non c’è nulla da fare. Il Pipita segna il 2-1 che decide la gara. Sousa cerca di trovare altre soluzioni buttando nella mischia anche Babacar ma il risultato non cambia.

 

L’allenatore

 

Soddisfatto, comunque, a fine gara Paulo Sousa. “Le decisioni individuali a volte ci costano. I dettagli della partita non sono stati a nostro favore. Sono comunque orgoglioso dei miei ragazzi. Abbiamo giocato contro un avversario fortissimo su un campo difficilissimo. I ragazzi sono stati bravi fino in fondo sono stati bravi, cercando di arrivare alla vittoria. Quando abbiamo segnato il pareggio abbiamo provato a raddoppiare, purtroppo non ci siamo riusciti. Sono molto contento. Fino in fondo – conclude – abbiamo cercato di pareggiarla, purtroppo non ci siamo riusciti. Ogni tanto facciamo sbagli individuali, la qualità del Napoli ci ha messo in difficoltà”.

Ultime notizie