venerdì, 23 Ottobre 2020
Home Sezioni Fiorentina Sostegno dei sindacati a Mutu

Sostegno dei sindacati a Mutu

Il Sindacato internazionale dei giocatori professionisti (FifPro) e l'Associazione calciatori romeni (Afan) hanno espresso la loro solidarietà al viola Adrian Mutu per la vicenda Chel

-

Sostegno ad Adrian Mutu da parte delle principali associazioni dei calciatori. Il Sindacato internazionale dei giocatori professionisti (FifPro) e l’Associazione calciatori romeni (Afan) si sono infatti schierati con l’attacante viola nella “vicenda Chelsea”.

Nel 2004, il giocatore viola, che allora militava nelle file del club londinese, risultò positivo alla cocaina e fu licenziato dal Chelsea e sospeso per sette mesi. Mutu è stato condannato dalla sentenza di primo grado, a pagare una multa di 17 milioni di euro, un vero record nell’ambito del calcio. L’ammenda è stata calcolata considerando gli anni che, secondo contratto, l’attacante avrebbe dovuto giocare al Chelsea dal momento del controllo positivo.

Secondo l’associazione dei calciatori romeni, “Mutu è stato vittima di discriminazione sulla base della nazionalità“. Contro la sentenza favorevole al club londinese, il giocatore viola si è rivolto al Tribunale arbitrale dello sport (Tas) di Losanna.

Ultime notizie

Eventi a Firenze il 24 e 25 ottobre: cosa fare e vedere nel weekend

Una selezione dei migliori eventi in programma questo fine settimana a Firenze: cosa fare (rispettando le distanze e le regole anti-contagio)

Protocollo di sicurezza nelle palestre: le nuove norme anti-Covid (pdf)

Dopo il dpcm del 18 ottobre è arrivato il nuovo protocollo di sicurezza per palestre e piscine, che aggiorna le norme anti-Covid

Quando esce il nuovo Dpcm e le ipotesi sul prossimo provvedimento Conte

Chiusura delle palestre con un nuovo decreto, blocco degli spostamenti tra regioni, semi lockdown: le ipotesi sul prossimo decreto del premier Conte

Sciopero di treni e bus anche in Toscana: i servizi garantiti

In corso lo sciopero generale indetto a livello nazionale dal sindacato CUB: ripercussioni anche sul trasporto pubblico in Toscana