Fiorentina Lecce 0-1. Terza Sconfitta consecutiva per i Viola
Foto © Tiziano Pucci www.agenziafotograficaitaliana.com

Tanta sfortuna per la Fiorentina, ormai in piena crisi, che perde anche col Lecce (1-0) giocando bene solo i primi 20 minuti. Squadra viola senza carattere e sempre più in difficoltà. Fischi a fine gara da parte dei tifosi che invocano una scossa. La posizione di Vincenzo Montella è sempre più in bilico anche se il presidente Rocco Commisso, a fine gara, ha scelto di intervenire per confermare Vincenzo Montella facendo un po’ da “parafulmine” e dicendo  che se i tifosi fischiano lo devono fare non solo nei confronti dei giocatori e dell’allenatore ma anche dello stesso presidente. In realtà continuano ad essere sempre più insistenti di un possibile avvicendamento in panchina col possibile arrivo di Rino Gattuso. Preoccupa l’infortunio a Frank Ribery colpito duramente proprio verso la fine del primo tempo. Il francese ha subito un infortunio che preoccupa tra tibia e caviglia. Nelle prossime ore ci sarà maggiore chiarezza. Montella rinuncia ancora a Chiesa e schiera ancora Vlahovic accanto a Ribery. A centrocampo tornano Pulgar e Castrovilli, Ceccherini sostituisce l’infortunato Pezzella. Liverani non fa giocare Babacar titolare e sceglie Farias accanto a La Mantia.

Primo Tempo Fiorentina-Lecce

Doveva essere la partita giusta per rimettersi in piedi ed invece contro il Lecce arriva la certificazione della crisi della Fiorentina. I viola hanno perso con lo stesso punteggio con due squadre neopromosse. Al 10’ Castrovilli serve Lirola che sbaglia di pochissimo il tiro col pallone che finisce fuori. Al 13’ è Lirola a crossare, velo di Ribery e Vlahovic non arriva sulla sfera proprio è davanti al portiere Gabriel. Al 27’ ci prova Farias per il Lecce ma Milenkovic riesce a sbrogliare l’attacco. A pochi secondi dalla fine del primo tempo Ribery, sin lì tra i migliori in campo, si fa male a seguito di uno scontro con Tachtsidis. Nel secondo tempo entrerà Boateng.

Secondo Tempo Fiorentina-Lecce

I salentini tornano in campo col piglio giusto e al 49’ passano in vantaggio. La Mantia anticipa Caceres e fa ripartire l’azione, Shakhov combina con Farias e alla fine è proprio La Mantia che, tutto solo all’altezza del secondo palo, non ha problemi ad insaccare di testa. E’ il gol partita. Al 71’ rimpallo in area del Lecce. Dalbert serve Vlahovic che, ancora una volta sbaglia davanti a Gabriel. All’88’ è l’ex di turno Babacar che, appena entrato, grazia Dragowski tirandogli addosso la palla. In pieno recupero Vlahovic si fa fermare ancora dal portiere Gabriel. E’ la sesat sconfitta in campionato per la Fiorentina, la terza consecutiva e martedì si torna in campo perché al Franchi arriva il Cittadella per la Coppa Italia.

L’allenatore

Si difende, a fine gara, Vincenzo Montella. “Quella di stasera è una gara completamente differente rispetto alle ultime due, siamo sempre stati in partita, anche le statistiche lo dicono, abbiamo vinto gran parte dei duelli e calciato in porta diciannove volte. Ho tanta rabbia dentro, mi dispiace per tutti: per i ragazzi, che ce la stanno mettendo tutta; per il presidente, che ovviamente non può essere contento per i risultati al momento; per i tifosi, perché non ci voleva questa sconfitta casalinga. Se giochiamo sempre così, però, i risultati arriveranno, la squadra deve restare viva e io devo mantenere l’equilibrio. Dobbiamo sostenere Vlahovic, va aspettato, è un patrimonio della Fiorentina e diventerà un grande calciatore, in Serie A bisogna fare gol ma il ragazzo non va colpevolizzato. Adesso – conclude Montella – testa alla Coppa Italia, è un obiettivo a cui teniamo tutti”.