sabato, 28 Novembre 2020

Tre a tre

Il bilancio di questa settimana finisce in pareggio: 3 a 3. Sarebbe bello se fosse davvero così, ma non vale sommare il 3 a 0 di campionato con lo 0 a 3 di coppa. E la bastonata di Monaco fa male.

-

Se si contano i tiri in porta, i calci d’angolo, le occasioni sfiorate, ci si può anche illudere che il risultato sia bugiardo. Ma gli errori commessi pesano molto di più.

Confesso che la scorsa estate, nel tira e molla del calciomercato, ero tra chi sperava in una soluzione positiva del caso Vargas. Oggi il peruviano è sotto processo. Credo che le sconfitte non siano mai colpa di un solo giocatore, ma di certo per quello che ha mostrato fino ad oggi – e soprattutto ieri – Vargas è una delusione. Gli (e ci) auguriamo giorni migliori.

Ha deluso anche Toni, ieri sera, ma giocava dall’altra parte e la sua squadra ha vinto. Forse non era il caso di fischiarlo, anche se seimila tifosi viola che si sono sobbarcati tanta trasferta hanno diritto di applaudire e fischiare chi vogliono. Il cammino in Champions League si complica: due punti in tre partite e l’obbligo di invertire la tendenza se si vuol rimanere nella massima competizione europea.

In campionato, invece, la situazione è decisamente migliorata quanto a risultati e punteggio. La classifica cortissima nelle posizioni di vertice vede la Fiorentina tra le squadre al top. La vittoria casalinga contro la Reggina è stata tutto sommato agevole, anche se non vanno trascurate alcune leggerezze e disattenzioni che sono risultate fatali contro avversari più quotati. Il 3 a 0 di sabato scorso è il risultato più rotondo finora conquistato e la partita ha offerto un impietoso confronto tra Pazzini e Giardino: per fortuna il primo ha siglato il vantaggio su rigore; Gila è entrato, ha segnato una doppietta niente male e ha dimostrato di essere un fuoriclasse. Ma c’è bisogno di tutti in questa impegnativa stagione, tutti motivati e possibilmente in forma, a cominciare da Mutu.

Concludo, Violetta mia, parlando ancora dei tifosi. Fantastici i seimila in Baviera; grandi, come sempre, i tifosi del Franchi che sabato scorso hanno scherzato con Prandelli invitandolo a saltare sul coro “chi non salta è bianconero” (giusto per confermare la sua indisponibilità a passare alla Juve) e hanno voluto mandare ancora un messaggio a Stefano Borgonovo, uno di noi che non soffre da solo.

 

Ultime notizie

Decreto ristori quater: quando esce il testo in Gazzetta Ufficiale (pdf)

In arrivo il quarto provvedimento con i ristori per le attività danneggiate dal Covid: il testo del decreto sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale nel giro di pochi giorni

Quanti contagiati oggi in Italia: salgono i guariti, restano altissimi i decessi

I dati del 27 novembre sui nuovi casi di coronavirus: quanti contagiati da Covid-19 ci sono oggi in Italia?

“Il guardiano dei coccodrilli” di Katrine Engberg, la recensione

Un libro dallo stile frizzante ed ironico che ci farà calare nelle atmosfere di Copenaghen sin dalle prime pagine e i cui personaggi, alla fine, ci mancheranno

Elenco scrutatori Firenze: come fare domanda al Comune e il compenso

Requisiti, compenso, regole e moduli: la domanda per far parte dell'albo degli scrutatori del Comune di Firenze deve essere presentata per tempo. E la scadenza è vicina