HomeSezioniLavoro & EconomiaBonus decoder tv 2021 per...

Bonus decoder tv 2021 per il digitale DVB-T2: i requisiti e a chi spetta

Addio al vecchio televisore: in arrivo il digitale terrestre di nuova generazione. Le famiglie a basso reddito possono usufruire di un voucher per compare decoder o tv

-

Non una ma due agevolazioni. In vista dell’arrivo del nuovo digitale terrestre DVB-T2, il bonus decoder tv per l’acquisto di apparecchi di nuova generazione può essere richiesto dalle famiglie a basso reddito tra il 2021 e il 2022. Il dispositivo consentirà di non cambiare il televisore acquistato prima della fine del 2018: decodificherà il segnale trasmesso con il nuovo standard e permetterà così di continuare a vedere i programmi dei vari canali, senza restare “al buio” dopo lo switch off (ossia il passaggio definitivo al nuovo sistema).

In più, tutti i nuclei familiari, senza un tetto Isee, possono usufruire anche del bonus tv per rottamare i vecchi apparecchi e comprare un televisore nuovo con uno sconto fino a 100 euro. Le due misure del Mise (il Ministero per lo Sviluppo economico) sono infatti cumulabili tra loro. Ma vediamo le differenze tra il bonus decoder e il bonus tv e i requisiti.

Bonus decoder tv DVB-T2 di nuova generazione: a chi spetta

Il bonus decoder tv riconosce 30 euro (50 euro fino al 23 agosto 2021) per l’acquisto di un decodificatore terrestre o satellitare del nuovo digitale DVB-T2 HEVC o di una televisione di ultima generazione, solo se si rispettano i requisiti di reddito: il nucleo familiare, residente in Italia, deve avere un reddito ISEE fino a 20.000 euro. Per usarlo c’è tempo fino al 31 dicembre 2022, sempre che le risorse disponibili non si esauriscano prima.

Non è retroattivo, quindi se si è già comprato un decoder o un televisore non è possibile fare domanda del bonus. Altra cosa da tenere presente: è possibile richiederlo solo una volta per nucleo familiare, ma si può beneficiare anche dell’altro bonus tv per la rottamazione di un vecchio televisore (vedi sotto).

Come funziona il bonus decoder tv 2021-2022: il modulo pdf

Il bonus decoder 2021-2022 funziona con uno sconto immediato praticato dal rivenditore sul prezzo di vendita del ricevitore o della tv, ma i cittadini devono presentare al negoziante il modulo di richiesta del contributo, in cui si dichiara di essere residenti in Italia, di appartenere a un nucleo familiare con un Isee non superiore a 20.000 euro e che nessun altro componente della famiglia ha già usufruito dell’agevolazione.

E’ necessario inoltre allegare copia di un documento di identità. Da questo link del sito del Mise è possibile scaricare in formato pdf il modulo per richiedere il bonus decoder tv. Sempre lo stesso Ministero ha messo a disposizione sul suo sito una lista dei prodotti idonei, dai decoder terrestri e satellitari alle smart tv, per cui si può richiedere il bonus, che devono quindi ricevere il segnale DVB-T2 con codifica HEVC Main 10.

L’altro bonus, quello per la rottamazione della televisione

Al buono di 30 euro per l’acquisto di un decoder, si è aggiunto dal 23 agosto 2021 anche il bonus tv, stavolta senza tetto Isee, che riconosce a chi ne fa richiesta uno sconto del 20%, fino a un massimo di 100 euro, per l’acquisto di un nuovo televisore compatibile con il digitale terrestre DVB-T2 a fronte della rottamazione del vecchio apparecchio comprato prima del 22 dicembre 2018. Anche in questo caso va compilato un modello di autocertificazione (qui i dettagli e i requisiti).

Riassumiamo quindi le differenze tra i due bonus previsti per il passaggio alla nuova generazione del digitale terrestre:

  • Bonus decoder tv 2021-2022
    Quanto: sconto di 30 euro
    Per cosa: un decoder per il digitale DVB-T2 (terrestre o satellitare) o una televisione di nuova generazione
    Requisiti: spetta ai nuclei familiari con un Isee non superiore a 20.000 euro
    Come: consegnando al venditore il modulo compilato
    Quando: fino al 31 dicembre 2022, salvo esaurimento delle risorse
  • Bonus rottamazione tv
    Quanto: sconto del 20% fino a un massimo di 100 euro
    Per cosa: un televisore di nuova generazione (digitale terrestre DVB-T2 HEVC)
    Requisiti: senza tetto Isee
    Come: rottamazione obbligatoria del vecchio televisore acquistato prima del 22 dicembre 2018
    Quando: fino al 31 dicembre 2022, salvo esaurimento delle risorse

Come detto le due misure sono compatibili tra loro. In pratica se si ha un Isee uguale o sotto i 20.000 euro si possono ottenere 30 euro per acquistare una nuova tv o un decoder da installare su un vecchio apparecchio (bonus decoder) e poi fino a 100 euro per cambiare un secondo televisore con un modello di nuova generazione (bonus rottamazione tv).

Come verificare se la tv è da cambiare, perché non riceve il nuovo digitale terrestre DVB-T2

Il passaggio dal vecchio sistema di codifica al nuovo avverrà gradualmente in base alla zona d’Italia in cui ci si trova, per lasciare spazio alle frequenze del 5G dei telefoni cellulari. Il calendario dell’introduzione del nuovo standard del digitale terrestre DVB-T2/HEVC parte il  15 novembre 2021 dalla Sardegna per concludersi il 30 giugno 2022 in Liguria, Toscana, Umbria, Lazio e Campania.

Per controllare che la propria tv sia compatibile con il nuovo digitale terrestre DVB-T2, Rai e Mediaset mettono a disposizione dei canali di prova:

  • canale 100 Rai, test DVB-T2/HEVC
  • canale 200 Mediaset, test DVB-T2/HEVC

Ecco come verificare:  se sintonizzandosi su questi canali si vede la schermata con la scritta “Test HEVC Main10” l’apparecchio è compatibile con il nuovo sistema di trasmissione del digitale terrestre e quindi non bisognerà cambiare apparecchio. Se invece non si vedrà la scritta sul canale di test, sarà necessario sostituire la tv o dotarsi di un decoder di ultima generazione, anche grazie ai bonus del Mise.

Ultime notizie