lunedì, 23 Maggio 2022
HomeSezioniCronaca & PoliticaDigitale terrestre e switch off:...

Digitale terrestre e switch off: l’8 marzo 2022 il passaggio dei canali in HD

Cosa cambia l'8 marzo per il digitale terrestre, cosa comporta il passaggio dei canali tv in HD e quando ci sarà lo switch off

-

La tv cambia ancora e dall’8 marzo 2022 il digitale terrestre compie un ulteriore passo verso il nuovo sistema Dvb T2: è previsto il passaggio di tutti i canali all’HD, per questo bisogna risintonizzare gli apparecchi, ma il vero switch off è previsto il prossimo anno. Dal giorno della festa della donna sul piccolo schermo si potranno continuare a guardare i programmi delle emittenti nazionali e locali se si è in possesso di apparecchi recenti. Chi ha televisori vecchi potrà continuare a vedere, ancora per qualche mese, una piccola parte della tv digitale senza acquistare un nuovo decoder.

Il passaggio dei canali all’HD: l’8 marzo 2022 un assaggio di switch off, quali si possono continuare a vedere

Dall’8 marzo 2022 il digitale terrestre cambia, perché tutti i canali tv nazionali dovranno essere trasmessi in HD, ossia in alta definizione, con la codifica che in gergo viene chiamata MPEG-4. Questo metodo di compressione del segnale consente di ricevere i programmi con un’alta qualità delle immagini. La data è stata stabilita dal decreto del Mise, il Ministero dello Sviluppo economico, pubblicato lo scorso 21 dicembre. Si tratta di una tappa preventiva, prima della transizione verso la nuova tv digitale Dvb T2, che scatterà invece da giugno.

Ci saranno alcuni programmi che (per ora) si potranno continuare a vedere anche nel vecchio formato (MPEG-2), basterà fare un po’ di “ginnastica” con il telecomando. I 10 principali canali nazionali (Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rete 4, Canale 5, Italia 1, La 7, Tv8, Nove e Mediaset 20) dall’8 marzo 2022 si troveranno sia in HD dal numero 1 e 9 e al numero 20, sia nel vecchio standard a bassa definizione (SD) dopo il numero 500. Per questo bisognerà procedere a risintonizzare la propria tv l’8 marzo, nel momento del passaggio dei canali in HD.

Ad esempio Rai 1 HD, presente adesso al numero 501, verrà spostata sul tasto 1 del telecomando, mentre il canale in bassa qualità sarà “retrocesso” sul canale 501. E così succederà per le altre 9 emittenti nazionali, le principali. Tutte le altre passeranno in alta definizione. Spesso sarà necessario risintonizzare i canali tv. Dall’8 marzo è previsto inoltre che le televisioni regionali trasmettano in HD, ad eccezione di parte del Friuli Venezia Gilia e di parte dell’Emilia Romagna dove la transizione per le realtà locali avverrà tra il 9 e il 14 marzo.

Il canale di Rai News 24 sarà solo in alta definizione prima dell’8 marzo con date diverse da regione a regione, andrà risintonizzata anche la programmazione regionale di Rai 3.

Cosa cambia per il digitale terrestre l’8 marzo 2022

Dunque dall’8 marzo 2022 chi ha tv vetuste non riuscirà più a vedere la stragrande maggioranza dei canali nazionali e locali trasmessi solo in HD e – senza un decoder per il digitale terrestre (per il vecchio o per il nuovo Dvb T2) – si dovrà accontentare solo delle 10 emittenti principali che continueranno a trasmettere nel vecchio “formato” sui canali dal 501 al 510 (Rai 1, Rai 2, Rai 3, Rete 4, Canale 5, Italia 1, La 7, Tv8, Nove e Mediaset 20).

Per questo l‘8 marzo 2022 non ci sarà un vero e proprio switch off del digitale terrestre: il vecchio segnale SD delle principali emittenti non sarà spento, per loro ci sarà solo un trasloco di frequenze e ancora non ci sarà il passaggio alla nuova tv digitale. Il passo successivo è rappresentato proprio l’arrivo del nuovo digitale terrestre Dvb T2, previsto tra giugno 2022 e il 1° gennaio 2023 (data del vero switch off). Se si possiedono apparecchi comprati prima del 22 dicembre 2018, sarà necessario acquistare un decoder o una tv di ultima generazione. Qui spieghiamo come verificare se il televisore è HD o compatibile con il Dvb T2.

Lo switch off 2022: fino a quando si vede la tv HD senza decoder?

Dopo il passaggio dell’8 marzo 2022, per chi ha televisori a “bassa definizione” lo switch off totale scatterà dal 1° gennaio 2023: in questo giorno il vecchio segnale, anche dei pochi canali tv nazionali rimasti in bassa qualità tra il numero 500 e 510, verrà spento e bisognerà comprare un televisore di ultima generazione o un decoder per il nuovo digitale terrestre Dvb T2, che all’inizio del prossimo anno sarà realtà in tutta Italia. Il governo ha previsto due differenti agevolazioni per questo cambia tecnologico: il bonus tv e il bonus decoder.

Tutti gli aggiornamenti sul sito Nuova Tv Digitale, curato dal Ministero per lo Sviluppo economico, mentre per informazioni è possibile chiamare il call center 06 87 800 262 (dal lunedì al sabato dalle 9:00 alle 20:00) o scrivere su Whatsapp al numero 340 1206348.

Ultime notizie