giovedì, 28 Maggio 2020
Home Rubriche I consigli del Libraio Il nome del vento di...

Il nome del vento di Patrick Rothfuss. La recensione

-

Patrick Rothfuss ha scritto una saga fantasy unica, completamente diversa da tutte le altre. Un perfetto mix tra Harry Potter, Il signore degli anelli e Game of Thrones. Il libro racconta la storia di Kvothe, seguendolo in tutte le fasi della sua crescita assumendo così i tratti del romanzo di formazione.

Fin da piccolo Kvothe vaga per tutta Temerant, di città in città, con i suoi genitori e il gruppo di Edema Ruh, una dinastia di teatranti e cantastorie nomadi. Un giorno, tornando all’accampamento, trova tutti i suoi compagni uccisi e dilaniati. Nascostosi per la paura, intravede un gruppo di figure oscure avvolte in una strana e cupa ombra e circondati da fuochi blu. Sono i Chandrian, personaggi di cui si sa poco o niente, citati solo in alcune antiche fiabe da bambini. Kvothe, spaventato e solo, inizia a vagare senza meta, vivendo prima nascosto nei boschi e poi per le strade di Tarbean e delle altre città che incontra nel suo cammino.

Pian piano decide di mettere a frutto gli insegnamenti del suo anziano maestro Abenthy, un “arcanista” che aveva iniziato a svelargli qualche trucchetto: farà di tutto per entrare all’Accademia e studiare da arcanista. Qui incontrerà amici fedeli, ragazze ammalianti, strozzini e potentissimi nemici e, tra mille avventure, porterà avanti il suo unico vero obiettivo: scoprire di più sui Chandrian, sugli assassini della sua famiglia, stanarli e sconfiggerli. La storia di questo primo volume della saga abbraccia tutta la giovinezza di Kvothe.

Lo vediamo crescere e maturare, diventare responsabile e commettere tremendi errori. Lo seguiamo nei difficili approcci amorosi e nelle difficoltà economiche, nei momenti di euforia e in quelli di estrema tristezza.

Fino ad arrivare al libro successivo, La paura del saggio, edito anch’esso da Mondadori. La scrittura di Rothfuss è incredibilmente avvincente e poetica. Kvothe resterà dentro di voi per sempre, non lo dimenticherete e faticherete a non immedesimarvi in lui o a non chiedervi cosa avrebbe fatto Kvothe in determinate situazioni della vostra vita. Un libro consigliato davvero a tutti, anche e soprattutto a chi non ama il fantasy.

Ultime notizie

Fine settimana in Sup: escursioni sull’Arno e al mare in Toscana

Simile al surf ma su una tavola più grande, in piedi e remando con una pagaia: è il Sup, un modo per scoprire Firenze e la Toscana dall'acqua

Vacanze: protocollo anti-Covid e linee guida per alberghi e case in affitto

Alcuni non hanno mai chiuso, altri hotel stanno pensando all’apertura in vista del periodo delle ferie, le prime dell’era...

Vasco Rossi e Red Hot Chili Peppers confermati a Firenze Rocks 2021

Concerti slittati di un anno per l'emergenza coronavirus: Vasco Rossi e Red Hot Chili Peppers a Firenze Rocks 2021, biglietti restano validi

Appello del Fai: “Lo stato acquisti il Castello di Sammezzano”

Abbandonato al degrado da 30 anni, per salvare il Castello di Sammezzano, in Toscana, serve un intervento dello Stato: l'appello del Fai