In attesa che ricominci la scuola e che riprendano il via le attività sportive, cosa proporre ai bambini nella prima quindicina di giorni di settembre? Ci sono i centri estivi di settembre, è vero, ma è anche vero che settembre è un mese di spese per le famiglie e le ferie estive sono appena finite. Allora perché non frequentare La scuola delle piante, a Firenze?

Una bella idea, completamente gratuita, arriva dall’Associazione Terzo Giardino che propone ai bambini un ciclo di lezioni teorico-pratiche gratuite, nel verde del parco delle Cascine, facendo base presso il PARC Performing Arts Research Centre Firenze, al piazzale delle Cascine 4/6/7, Firenze. La scuola delle piante avrà la durata di una settimana,  dal 2 al 6 settembre 2019, con orario 9:00-12:00.

Che cos’è “La scuola delle piante”?

Si tratta di un percorso didattico multidisciplinare gratuito dedicato ai bambini, orientato alla costituzione di una consapevolezza critica sulle principali tematiche ecologiche che riguardano il rapporto tra natura e vita urbana. Un ciclo di lezioni tra teoria e pratica condotto da architetti, naturalisti, artisti, esperti nel campo dell’alimentazione per sviluppare la cultura ambientale del e per il territorio nei più giovani, a partire dal patrimonio costituito dal Parco delle Cascine di Firenze.

Alimentazione sostenibile, ecosistema, architettura e natura, biodiversità, ecologia e molti altri temi saranno affrontati secondo un metodo basato su pratiche di osservazione, riflessione, immaginazione e gioco.

Si chiama “scuola”, ma le ore passate insieme agli esperti promettono di essere divertenti, coinvolgenti e ricche di esperienze sul campo, grazie anche al meraviglioso contesto naturale in cui si svolgono.

Informazioni e iscrizioni

Le iscrizioni saranno raccolte fino al giorno 30 agosto incluso e, per iscrivere i propri figli, è necessario iscriversi scrivendo una email a questo indirizzo: lascuoladellepiante@gmail.com. I posti sono 15 in tutto.

Il programma in dettaglio

Lunedì 2 settembre h. 9.00-12.00

con Massimiliano Petrolo – naturalista

Da dove si inizia a conoscere la natura? Giovani naturalisti all’opera. Ecologia e biodiversità tra gioco e scienza.
Basi ecologia: comprensione del mondo naturale per capirne il funzionamento, le connessioni e per comprendere il posto dell’uomo nella natura.
Cenni sull’inquinamento, sui cambiamenti climatici, sullo stato delle foreste, dei mari, dei fiumi e delle risorse biologiche.
Necessità della conservazione della natura, e concetto di sostenibilità e buone pratiche di comportamento.
Parte pratica: osservazione degli ambienti naturali e artificiali intorno a noi.
Dove siamo? Dalla Toscana fino al Parco delle Cascine.

Martedì 3 settembre h. 9.00-12.00
con Massimiliano Petrolo – naturalista

Piccoli naturalisti alla ricerca delle piante tipiche dell’Arno!
Escursione lungo la riva dell’Arno.
Flora ripariale: studio dell’habitat ripariale e della biodiversità di questa area.
Esempi pratici di fora ripariale.
Parte pratica: creazione dell’erbario, riconoscimento delle piante tramite guide da campo.

Mercoledì 4 settembre h. 9.00-12.00
con Agnese LanzaMartina FranconeSara Campinoti – danzatrici

Radici, lentezza e sospensione – Laboratorio di movimento

L’incontro prevede una serie di esplorazioni attorno al tema del radicamento, come ci si sente dunque a mettere radici, a essere ancorati a terra e, al tempo stesso, trovare il modo di muoversi, lasciare che il corpo resti morbido e si lasci modificare, proprio come fanno le piante sotto il vento e la pioggia. Attraverso giochi di squadra e individuali, viene affrontato fisicamente il tema della lentezza con l’obiettivo di riuscire a stare nel presente e far emergere delle danze sospese, che non hanno fretta, come se fossero piante a danzare.
L’incontro si terrà al chiuso, sarà dinamico e accompagnato da musica. Si consigliano vestiti comodi.

Giovedì 5 settembre h. 9.00-12.00
con Isabelle Bailet – agronoma

Alimentazione e ambiente naturale

Siamo abituati a mangiare lontani dai luoghi in cui il cibo viene prodotto e non ci rendiamo più conto di quanto questa attività quotidiana sia quella che più ci lega all’ambiente naturale, al mondo delle piante e all’impronta ambientale che lasciamo con il nostro cammino. Se fin da piccoli impariamo a sentire che con la terra, con le piante e con gli animali possiamo stabilire un rapporto di mutuo sostegno saremo dei grandi capaci di scegliere le soluzioni migliori per la nostra salute e per quella dell’ambiente.
Mangiare in modo sostenibile vuol dire mangiare in modo sano, pulito e giusto e il gusto di farlo si può imparare divertendosi con giochi e racconti che parlano di come fare la spesa, di come scegliere i prodotti più adatti e di come sentirsi utili per gli altri, per l’ambiente e per se stessi.

Venerdì 6 settembre h. 9.00-12.00
con Giovanni Bartolozzi – architetto

Architettura e natura

Un percorso di suggestioni sulla relazione tra piante e contesto urbano, partendo dalle teorie contemporanee che legano l’architettura alla natura.
Ai piccoli partecipanti verrà chiesto di focalizzare l’attenzione sui problemi del vivere la città di oggi, cercando spunti e riflessioni originali su nuovi modelli di città sostenibile, e verranno sollecitati a costruire come in un gioco dei modellini di interventi urbani per migliorare la percezione dello spazio urbano.

La scuola delle piante è un progetto di Terzo Giardino
promosso e realizzato in collaborazione con la Fondazione Fabbrica Europa e con l’Ecoistituto delle Cerbaie con il sostegno del Comune di Firenze nell’ambito della rassegna Estate Fiorentina 2019. Info: https://parcfirenze.net/la-scuola-delle-pianteambiente-·-alimentazione-·-citta/

In collaborazione con Firenze Formato Famiglia