sabato, 8 Maggio 2021
HomeSezioniSportCampionati assoluti di ginnastica artistica

Campionati assoluti di ginnastica artistica

Campionati assoluti di ginnastica artistica

-

Partecipare a un Campionato Assoluto di Ginnastica Artistica, per un ginnasta, significa completare un percorso di crescita a conclusione di un anno di lavoro. Significa, anche, confrontarsi a livello nazionale per verificare il proprio grado di preparazione, mettere in mostra le proprie qualità e aspirare, magari, a vestire la maglia azzurra. Per chi, invece, fa già parte del Team Italia l’appuntamento degli Assoluti costituisce un momento di confronto, altamente competitivo, in attesa delle grandi manifestazioni in campo internazionale. Il campionato italiano di fine quadriennio, quando alle porte c’è una manifestazione come i Giochi Olimpici, si carica poi di un peso del tutto particolare e irripetibile.

Lo dimostra il fatto che la verifica nazionale per Artistica, maschile e femminile, Trampolino Elastico e Ginnastica Ritmica, è stata inserita, quest’anno, nello stretto giro di poche settimane, nel mese di maggio. È evidente che i Direttori Tecnici hanno voluto veicolare le scelte di Pechino all’interno della massima vetrina italiana, anticipando l’appuntamento nel calendario federale. Molti atleti hanno compreso l’importanza di queste competizioni e si appresteranno ad affrontarle consapevoli di giocarsi gran parte della propria carriera.

Gli Assoluti, insomma, non hanno bisogno di presentazioni. È il momento agonistico più importante della stagione nel nostro Paese. L’organizzazione, perciò, è stata affidata dal Consiglio Direttivo Federale all’esperienza di una società gloriosa come la “Francesco Petrarca” di Arezzo, che, attraverso uno staff competente, guidato con maestria dal Presidente Paolo Pratesi, saprà di certo gestire l’onda d’urto delle migliaia di appassionati, che già si stanno mobilitando in un tam tam sui forum specializzati, e dei giornalisti della carta stampata e di settore, dei quali riceviamo quotidianamente domande di accreditamento. Aspettiamo, dunque, che con le rose di maggio, sulla via della seta che ci porterà nel lontano Oriente, sboccino i sogni di tanti protagonisti, custoditi nei cassetti delle nostre operose palestre.

Ad Arezzo, in una cornice già collaudata dall’esperienza individuale e d’insieme della ritmica nel dicembre scorso e da eventi di grande partecipazione come il Campionato di Specialità di Artistica 2007, le ginnaste e i ginnasti in odore di convocazione daranno il massimo per non deludere le aspettative di tecnici, tifosi, media e appassionati.

Ultime notizie