venerdì, 10 Luglio 2020
Home Sezioni Storie Il sindaco Nardella come guida...

Il sindaco Nardella come guida turistica, sorpresa per i visitatori della Sala di Cosimo I

Sorpresa per un gruppo di turisti: il sindaco di Firenze Dario Nardella ha fatto loro da guida turistica accompagnandoli in visita della Sala di Cosimo I

-

Il sindaco come guida: in occasione del “compleanno” di Cosimo de’ Medici, nato a Firenze proprio 500 anni fa, il 12 giugno 1519, ieri mattina a Palazzo Vecchio il sindaco di Firenze Dario Nardella ha dato personalmente il benvenuto ai primi visitatori della Sala di Cosimo I.

Il sindaco ha guidato i turisti nella Sala, eccezionalmente accessibile al pubblico durante l’orario di apertura del Museo, illustrandone loro i dettagli.

La Sala intitolata al granduca, attualmente parte degli uffici del Sindaco e sede di incontri istituzionali e conferenze, non fa parte dell’abituale percorso museale di Palazzo Vecchio. Attigua alla sala di Lorenzo il Magnifico, anche nella stanza dedicata a Cosimo sono raffigurate battaglie e imprese medicee, i ritratti di Eleonora di Toledo e di Francesco I, oltre, ovviamente, a raffigurazioni celebrative di Cosimo I che culminano, al centro, con il Trionfo di Cosimo I a Montemurlo.

L’iniziativa si inserisce nel calendario di eventi per le celebrazioni del Cinquecentenario della nascita di Cosimo I e Caterina de’ Medici promosso dal Comune di Firenze insieme a altre 22 istituzioni cittadine. Info: www.500cosimocaterina.it.

La due giorni in occasione del “compleanno” di Cosimo I prosegue oggi 3 giugno con altri appuntamenti. In particolare, alle 21.15 nella Basilica di San Lorenzo, l’Ensemble Lilium Cantores, diretto da Umberto Cerini, eseguirà la Missa ducalis cantata scritta da Costanzo Porta e realizzata appositamente per il duca. L’evento musicale, organizzato dall’Opera Medicea Laurenziana, sarà a ingresso libero (a partire delle 20.45, non occorre prenotazione).

Anche le Gallerie degli Uffizi celebrano la figura del primo Granduca di Toscana con il “trittico” di mostre“Omaggio a Cosimo I” che hanno preso il via nei giorni scorsi e proseguiranno fino al 29 settembre prossimo: “Cento lanzi per il Principe” (Sala di Levante degli Uffizi), Una biografia tessuta. Gli arazzi seicenteschi in onore di Cosimo I (Sala Bianca e Sala delle Nicchie, Palazzo Pitti) e La prima statua per Boboli. Il Villano restaurato” (Sala delle Nicchie, Palazzo Pitti).

Al Museo Nazionale del Bargello rimarrà visitabile fino al 31 dicembre 2019 il percorso di visita tematico“Cosimo I. Ritratto scolpito” con le più significative rappresentazioni scultoree dedicate al primo Granduca di Toscana. Cosimo I amò farsi ritrarre dai maggiori artisti del suo tempo non solo in pittura, ma anche in scultura: capolavori in marmo, bronzo, porfido, come statue, busti, medaglie, monete, rilievi, i più celebri dei quali sono conservati al Museo Nazionale del Bargello.

Ultime notizie

Guida 2020 ai locali estivi di Firenze, per drink e musica all’aperto

Sono meno, ma sono aperti: ecco i bar e gli spazi open air per trascorrere l'estate 2020 tra musica, buon cibo e divertimento (in sicurezza). Dal lungarno fino al centro passando dalla periferia

Stato di emergenza, arriva la proroga: cosa comporta

Ci sarà la (scontata) proroga dello stato di emergenza: quando finisce e cosa comporta? Ecco cosa prevede la legge

Treno gratis per chi ha 18 anni: in Toscana il “regalo” di agosto

Come funziona l'iniziativa per chi compie la maggiore età. Un mese di spostamenti gratis sui convogli regionali, ma attenzione, va richiesta una card

F1, GP Mugello: biglietti per il pubblico o Formula 1 a porte chiuse?

Per la prima volta il circus sbarca sul circuito toscano e festeggia le mille gare della Ferrari, la padrona di casa