mercoledì, 30 Settembre 2020
Home Sezioni Storie Saltano gli eventi e la...

Saltano gli eventi e la libreria “trasloca” su Facebook

La lettura nell'era del coronavirus: il Libraccio di Firenze ha lanciato un appello per tenere vivo, sui social, il rapporto con i lettori

-

Marco Vichi veste i panni del fiorentino comune, che per la prima volta prende un libro in mano e scopre il piacere delle pagine stampate, visto “che ‘un si può far nulla”. La poetessa Denata Ndreca dà voce ai suoi versi e invita tutti a leggere in questi giorni perché “il tempo è la cosa più preziosa che abbiamo”. La scrittrice Sandra von Borries suggerisce di spiegare ai bambini il gesto di responsabilità per cui ci stiamo chiudendo in casa pur di proteggere i più fragili. Tra gli scaffali della Liberia Libraccio di Firenze, a due passi dal Duomo, i clienti sono ormai pochi. In piazza la gran folla di turisti è un miraggio, in negozio gira una manciata di persone.

Tutte le presentazioni previste durante il mese di marzo sono state annullate nel rispetto delle misure per la prevenzione del contagio da coronavirus. Il punto vendita resta aperto, ma questo salotto letterario della città si è trasformato all’improvviso in un deserto di parole. E allora chi lavora ogni giorno dietro ai volumi esposti in vetrina ha avuto un’idea: fare un appello a tutti i personaggi che sarebbero dovuti passare di qui, per un breve “video d’autore” da condividere sulla pagina Facebook del bookstore.

La risposta all’appello del Libraccio di Firenze

Via via sono iniziati ad arrivare i contributi, seguiti dai primi like e da commenti e messaggi di solidarietà. “Vogliamo mantenere un legame con chi ci ha sempre seguito, anche se ora non può venire fisicamente in negozio”, spiegano i lavoratori di questa libreria che nella sua storia ha cambiato insegna più volte,  prima Seeber Melbookstore, poi Ibs, ora Libraccio, ma che è sempre rimasta nel cuore dei fiorentini. In cantiere c’è adesso un progetto simile sui social per riallacciare il filo con le partecipanti del social knit, le appassionate di gomitoli e uncinetto che da oltre 10 anni si ritrovano in libreria per sferruzzare insieme.

#libraccioleggereinsieme#libraccioautori#marcovichi#firenzenonsiferma

Gepostet von Libraccio am Donnerstag, 5. März 2020

Il coronavirus e le vendite di libri

Nonostante molti abbracceranno la lettura in questi giorni di “clausura forzata”, tra gli scaffali non si è registrato un aumento delle vendite. “Non è successo come ai supermercati, svaligiati di farina e zucchero. Per ora il libro non è un bene di prima necessità”, scherzano i librai del Libraccio. Perché nonostante le incognite sul futuro e le paure per il presente, il sorriso resta, con una speranza. Quella di poter ripartire, di poter riportare gli autori dai social virtuali, alla libreria reale.

Ultime notizie

Collaboratori sportivi, arriva il bonus da 600 euro per giugno 2020

Pubblicato, dopo più di un mese di ritardo, il decreto attuativo: come funziona l'indennità e come fare domanda alla società Sport e Salute

Trekking: la rinascita della “Via degli Dei”, da Firenze a Bologna

Da Bologna a Firenze a piedi, attraversando l’Appennino: è la Via degli Dei, un percorso dalla storia millenaria. Firmato un protocollo per promuovere il turismo slow

Il rischio di sospensione del campionato di Serie A per i positivi Covid

Dopo i 14 giocatori del Genoa risultati positivi al coronavirus ci si interroga su come mettere in sicurezza il mondo del pallone

Mascherina, dove c’è obbligo all’aperto: dalla Lombardia alla Sicilia

In quali regioni le mascherine sono obbligatorie, 24 ore su 24, anche all'aria aperta: le regole