lunedì 24 settembre 2018

Dedicato a Luca (e a chi viaggia in bici)

La 'rivoluzione sui pedali' è ancora lontana? Dopo la morte di un giovane ciclista, una riflessione sulla Firenze a misura di bici: il nuovo editoriale della direttrice de il Reporter
Francesca Puliti
Firenze ciclabile, bicicletta

Strano mondo quello in cui la notizia della morte di un tuo compagno di liceo ti arriva con un link su Facebook. Strano mondo quello in cui puoi perdere la vita a 34 anni andando a lavoro in bicicletta. Un paio di mesi fa titolavamo il Reporter “Rivoluzione sui pedali”, alludendo a una trasformazione che sembrava a portata di mano, grazie a nuove infrastrutture, iniziative di sensibilizzazione, festival dedicati alle 2 ruote.

La verità è che le strade delle nostre città non sono ancora sicure per chi si sposta sui pedali. Sentiamo spesso dire che l’aereo è il mezzo più sicuro per spostarsi.  Sapete chi c’è in fondo alla
classifica? La bici. Peggio fanno solo moto e motorini. Da ciclista urbana avevo già avuto l’impressione di essere l’ultimo anello della catena alimentare, più a rischio anche dei pedoni.

Recentemente l’Onu ha stabilito che il 3 giugno sarà la giornata mondiale della bici - in Italia la giornata nazionale è il 14 maggio - per promuoverne l’uso ma anche ricordare i diritti di chi la  usa. Forse varrebbe la pena dare una rinfrescata anche ai doveri.

Chi di noi ciclisti di città non si è mai trovato a ridisegnare le righe della strada a piede libero, per risparmiarsi un po’ di fatica? Chi non ha sperimentato almeno una volta la sensazione di essersi giocato il jolly andando contromano in una via stretta del centro storico? Quale possa essere la via più breve per rendere le strade più sicure per chi va in bici non lo so.

Personalmente diffido dai limiti di velocità improbabili e dagli eccessi di imposizioni. Credo piuttosto che si debba continuare a lavorare sull’approccio culturale alla bici, smontare i pregiudizi che la circondano, convincere chi si muove in città che si fa prima e meglio lasciando l’auto in garage. La strada è lunga, in salita e controvento. Ma dobbiamo continuare a pedalare, anche per Luca.

7 maggio 2018
articoli correlati

Bus, pullman e treno: cambiano le tariffe Pegaso

In arrivo ritocchi per gli abbonamenti intermodali Pegaso, per chi usa più mezzi pubblici in maniera combinata. Previsto anche un rimborso per chi ha comprato quelli annuali negli ultimi mesi

Va al lavoro senza traffico a bordo del Titanicchè

Un pendolare del fiume: l'idea di un fresatore di Compiobbi che ogni mattina per raggiungere il posto di lavoro sull'altra sponda sale in barca e 'naviga' sull'Arno. Così evita gli ingorghi di via Aretina

Le strade più pericolose di Firenze

Dove avviene il numero maggiore di incidenti e quali sono le porte telematiche più 'bucate' in città. Il report della polizia municipale scatta la fotografia dei fiorentini al volante
quartieri di firenze
Primo piano

Bus, pullman e treno: cambiano le tariffe Pegaso

In arrivo ritocchi per gli abbonamenti intermodali Pegaso, per chi usa più mezzi pubblici in maniera combinata. Previsto anche un rimborso per chi ha comprato quelli annuali negli ultimi mesi
news
Focus
Agenda
Area metropolitana
Sui banchi
Focus

Un'altra hit dopo il tormentone della ''Fi-pi-li song''? video

Mai pensato di cantare la coda in superstrada? È stata l'idea del trio scandiccese che quest'estate ha impazzato su Youtube e in radio e ha in serbo altre sorprese per l'inverno  

Scuola, novità per gli studenti scandiccesi

Questo mese ha portato con sé tante novità a scuola a Scandicci, tra lavori di adeguamento, riqualificazione e ampliamento delle strutture, nuovi corsi scolastici e applicazioni per smartphone

Bistecca alla fiorentina patrimonio Unesco?

Da Firenze arriva la proposta di includere la celebre ‘fiorentina’ nell’elenco dei patrimoni mondiali dell’umanità

multimedia

Foto Video
↑ inizio pagina