venerdì, 4 Dicembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura I Bandierai degli Uffizi alla...

I Bandierai degli Uffizi alla Sala d’Arme

Dal 30 agosto al 10 settembre nella Sala d'Arme saranno esposte 150 fotogradie dei Bandierai degli Uffizi

-

“Bandierai degli Uffizi – Trentacinque anni di storia – Bandiere e Tamburi a Firenze” è un’esposizione che ripercorre ogni momento della vita del gruppo e fa parte dei festeggiamenti che il Comune di Firenze e l’Assessorato alle Feste e Tradizioni Fiorentine hanno voluto fortemente in occasione dei 35 anni dell’attività dei Bandierai degli Uffizi. La mostra nasce in omaggio al grande legame che in questi anni è cresciuto e si è consolidato con Firenze. Iniziando dalla scelta dei luoghi espositivi, palazzi da sempre sede del governo della città, i Bandierai degli Uffizi con questa mostra vogliono ricordare, a tutti, la grande tradizione fiorentina del maneggio della Bandiera, delle sue origini e tradizioni militari, poi ingentilite, oltre a tutte le occasioni nelle quali sono stati chiamati a rappresentare Firenze e l’Italia nel mondo. Ma la tradizione nella quale si ritrovano ogni anno e trasmettendo clamorose emozioni è sul “sabbione” di Piazza di Santa Croce, quando si gioca “il Calcio in Costume” ed in Piazza del Duomo quando nel giorno di Pasqua, ogni anno si rinnova la tradizione millenaria dello Scoppio del Carro. La mostra fotografica ripercorre la storia di questi 35 anni di intensissima attività e illustra le radici e le tradizioni, nel dettaglio delle 16 Magistrature che essi rappresentano. I Bandierai degli Uffizi fanno parte del Corteo Storico della Repubblica Fiorentina e del Calcio Storico Fiorentino, il gioco tradizionale di Firenze. Unici a rappresentare Firenze per il preciso significato storico dei costumi e delle insegne, possono annoverare nel ricco curriculum, presenze a numerose ed importantissime manifestazioni sia sportive che storico-rievocative. Oltre alla tradizionale presenza scenografica e atletica, sono fondamentali le motivazioni di natura culturale che animano i Bandierai degli Uffizi. All’origine, ogni bandiera riportava l’insegna di una delle 16 principali Magistrature; dal 2002 si è passati a quello che è l’attuale aspetto dei vessilli, suddivisi in due tipologie ognuna raffigurante otto delle sedici Magistrature originali col Giglio Guelfo di Firenze al centro. Grandi sono le motivazioni storiche, atletiche e culturali che spingono gli “Alfieri” e i “Tamburini” dei Bandierai degli Uffizi a continuare nella loro preziosa attività, perché oltre all’orgoglio di farne parte, essi rappresentano unicamente e storicamente il Calcio Storico Fiorentino e Firenze .
Conosciuti in tutto il mondo si sono esibiti durante le celebrazioni del Columbus Day in America, il gruppo ha mostrato tutta la sua abilità anche all’apertura dei Campionati Mondiali di calcio in Spagna, Messico, Italia e Francia, per importanti eventi culturali in Giappone e Brasile, riportando ovunque successo e simpatia in nome, non solo del Calcio Storico Fiorentino, ma di Firenze tutta.

www.bandieraidegliuffizi.it

Ultime notizie

La Toscana cambia colore: cosa si può fare in zona arancione, le regole

La Regione Toscana muta colore, ma cosa cambia qual è la differenza tra zona arancione e zona rossa? Ecco tutte le novità e le regole da rispettare

Dpcm 3 dicembre in Gazzetta Ufficiale: testo integrale (pdf) del decreto

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale entra in vigore il nuovo decreto della Presidenza del Consiglio: dove scaricare e leggere il testo completo del Dpcm del 3 novembre con le regole per Natale, Capodanno e l'Epifania

Cosa cambia e cosa succede con il nuovo Dpcm dal 4 dicembre 2020

Spostamenti tra regioni, coprifuoco, negozi, apertura dei ristoranti, palestre e feste in casa a Capodanno: cosa cambia dopo il 4 dicembre con l'uscita del nuovo Dpcm e con il decreto legge Natale

Coprifuoco anche a Natale e Capodanno: nuovo Dpcm, orario più lungo

Coprifuoco alle 22 anche durante le feste, comprese le notti di Natale, vigilia e Capodanno. Il nuovo decreto non salva né il cenone della vigilia né il veglione di San Silvestro