domenica, 20 Settembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Le mostre del Mugello non...

Le mostre del Mugello non si fermano a Ferragosto

Le mostre di Mugello culla del Rinascimento aperte il 15 agosto

-

Il 15 agosto non si fermano le visite all’itinerario mugellano che celebra i grandi artisti e la famiglia de’ Medici originari della zona.

Si tratta, come noto, delle mostre Medici in armi a Palazzo dei Vicari a Scarperia, Donatello, Brunelleschi e l’Uomo in Croce al convento di Bosco ai Frati di San Piero a Sieve, Il Mugello e le arti: Giotto, Beato Angelico e Andrea del Castagno al Museo del Beato Angelico di Vicchio e Le ville dei Medici a quello della Manifattura Chini/Villa Pecori Giraldi a Borgo San Lorenzo.

Per visitare le quattro sedi espositive è possibile acquistare un solo biglietto. La Card Mugello culla Rinascimento è una conveniente iniziativa che con 5 euro (ridotti 3,5) permette di accedere non solo a tutte le quattro mostre, ma anche a Palazzo Medici Riccardi a Firenze e a importanti luoghi espositivi del Mugello.

Ogni sabato e domenica sono previste anche visite guidate con guida gratuita a tutte le quattro mostre. Sette i turni: ogni ora dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18. Per i gruppi è d’obbligo prenotare. La card dà inoltre diritto a uno sconto del 10% nei ristoranti, alberghi e negozi convenzionati della zona. Il servizio gratuito di pullman, con partenza e ritorno da Firenze, si interrompe nel mese d’agosto per riprendere poi a settembre fino a domenica 30 novembre. Informazioni e prenotazioni tel. 055-8468165.

 

Ultime notizie

La Fiorentina sorride. Battuto il Toro

Biraghi, Castrovilli e Chiesa i migliori in campo

Referendum 2020: tutti i dati sull’affluenza

I dati sull'affluenza al referendum 2020 sul taglio dei parlamentari a partire dalle ore 12 del 20 settembre. Sulle previsioni pesa l'incognita Covid

La Rondine di Puccini al Teatro del Maggio musicale fiorentino

Molte accortezze anti-Covid, ma ancora tanta voglia di fare spettacolo. Al Maggio torna un titolo riscoperto del repertorio pucciniano