venerdì, 4 Dicembre 2020
Home Sezioni Arte & Cultura Uno squalo e un capodoglio...

Uno squalo e un capodoglio in mostra al Marino Marini di Firenze

Dal 1° luglio al 30 settembre la cripta del Museo Marino Marini ospiterà una selezione di pezzi provenienti dalla sezione di zoologia del Museo di storia naturale

-

Uno squalo e un capodoglio, sono loro i protagonisti della prima mostra allestita al Museo Marino Marini di Firenze dopo il lockdown. Lo spazio espositivo temporaneo del museo, nella cripta dell’ex chiesa di San Pancrazio, riapre (la collezione permanente era già stata riaperta alle visite) e dal 1° luglio al 30 settembre 2020 ospita “Di squali e di balene“.

La mostra vede esposta una selezione di pezzi presi in prestito dalla sezione di zoologia del Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze, più comunemente conosciuto come la Specola (attualmente chiuso per lavori di riqualificazione).

“Di squali e di balene” è un progetto espositivo ideato in collaborazione con La Specola e curato da Fausto Barbagli, curatore del Sistema Museale di Ateneo di Firenze e Presidente dell’Associazione Nazionale Musei Scientifici. Un progetto che vuole stimolare una riflessione sui questioni ambientali e sul futuro che stiamo costruendo.

Moby Dick: 3 reading e uno scheletro in mostra al museo Marino Marini

A fare da contrappunto alla mostra c’è la rassegna di reading, “Frammenti marini”, a cura del critico teatrale Roberto Incerti, che presenta una selezione di brani tratti da Moby Dick, capolavoro di Hermann Melville, ecco il programma:

  • Il 1° luglio si esibirà l’attrice Silvia Guidi accompagnata dalle musiche di Alessio Riccio
  • il 9 luglio toccherà a Giancarlo Cauteruccio, protagonista dell’avanguardia teatrale
  • il 16 luglio a Sergio Bini, maestro internazionale di teatro-magia Bustric
  • e infine il 22 luglio si esibirà l’attore Marco Cavalcoli

Tutti e quattro gli appuntamenti si terranno alle ore 19.

Marino Marini: la collezione gratis, i biglietti e gli orari della mostra “Di squali e di balene”

La visita alla collezione permanente del Marino Marini, che ospita i lavori del celebre scultore del Novecento a cui è intitolato il museo, è gratis.

Per visitare la mostra temporanea, il biglietto intero costa 6 €, mentre il ridotto 4 € (fino a 14 anni). L’ingresso all’attigua (e bellissima) Cappella Rucellai costa 6 €, mentre il ridotto 4€ (fino a 14 anni). Il biglietto combinato (Cappella Rucellai + mostra temporanea) costa 9,50€; il ridotto viene 5€ (fino a 14 anni). È possibile acquistare i biglietti sul sito del museo Marino Marini.

Il Museo è aperto al pubblico il mercoledì e il giovedì dalle 18:30 alle 22:30 e la domenica dalle 10 alle 19. Qui invece gli altri musei di Firenze che hanno riaperto dopo il lockdown.

L’inaugurazione della mostra e il cocktail “Marino”

Il 1° luglio 2020, in occasione dell’opening della mostra “Di Squali e di Balene”, il cocktail bar “Manifattura” che si trova proprio di fronte al Museo Marino Marini, ha realizzato il cocktail “Marino”che sarà offerto gratuitamente a tutte le persone che quel giorno visiteranno il Museo e esibiranno il biglietto.

Ultime notizie

Cosa cambia e cosa succede con il nuovo Dpcm dal 4 dicembre 2020

Spostamenti tra regioni, coprifuoco, negozi, apertura dei ristoranti, palestre e feste in casa a Capodanno: cosa cambia dopo il 4 dicembre con l'uscita del nuovo Dpcm e con il decreto legge Natale

Coprifuoco anche a Natale e Capodanno: nuovo Dpcm, orario più lungo

Coprifuoco alle 22 anche durante le feste, comprese le notti di Natale, vigilia e Capodanno. Il nuovo decreto non salva né il cenone della vigilia né il veglione di San Silvestro

Spostamenti tra comuni, nuovo Dpcm di Natale: regole dopo il 4 dicembre

Le regole per le feste natalizie. "Disincentivare gli spostamenti tra regioni e limitare gli spostamenti tra comuni anche in zona gialla", annuncia il ministro della Salute Speranza

Nuovo Dpcm di dicembre in Gazzetta Ufficiale: quando esce il testo (pdf)

Il governo è al lavoro sulle misure per le prossime feste natalizie. In arrivo il testo definitivo